“Nigella è cocainomane”: l’accusa shock del marito

28 novembre 2013

Da regina del food porn a cocainomane. È questo l'(ennesimo) scenario shock che vede contrapposti Nigella Lawson, la cuoca più sexy del piccolo schermo, e l’ex marito Charles Saatchi, ricco imprenditore inglese. In tribunale per un caso di appropriazione indebita da parte di due assistenti, l’uomo ha rivelato ai giudici la tragedia della droga di cui Nigella sarebbe stata per anni dipendente. I rapporti fra i due sono incrinati da tempo, tanto che lo scorso anno fecero il giro del mondo le immagini di Saatchi con le mani strette al collo dell’ex moglie, in pieno giorno e in un locale pubblico di Mayfair. E oggi la stoccata finale, un’accusa che potrebbe per sempre rovinare la fama e la carriera della tanto gettonata cuoca.

Saatchi con le mani strette al collo dell’ex moglie Nigella

I fatti: Francesca ed Elisabetta Grillo, due ex dipendenti italiane della coppia VIP, avrebbero speso oltre 300.000 sterline tra borse firmate, voli in prima classe e altri servizi di lusso. Il tutto senza che il marito ne fosse a conoscenza: pare che Nigella concedesse alle ragazze ogni desiderio, a patto di mantenere il segreto sulla sua tossicodipendenza. Durante l’udienza preliminare per il processo a carico delle giovani, il giudice Robin Johnson ha letto una mail che Saatchi avrebbe mandato alla Lawson una volta scoperto l’inganno: Nigella e i suoi legali non si sono ancora espressi in merito, ma la rete dei fan è in tumultoÈ chiaro che adesso le Grillo se la caveranno sulla base del fatto che tu eri così sconvolta dalle droghe da permettere loro di spendere a piacimento. E sì: credo a ogni loro parola“. Al momento né Nigella né i suoi legali hanno rilasciato alcuna dichiarazione, ma la bomba atomica sganciata dal marito ha già avuto evidenti ripercussioni: i tabloid inglesi stanno ribattendo senza sosta la news e dai social network arriva lo sgomento dei fan. E sebbene il marito abbia cercato di correggere il tiro in un’ulteriore dichiarazione in aula – “Ero stupito dalla presunta entità del consumo di droga, ho creduto alle accuse” – questa è di certo la conclusione più tragica di 10 anni di matrimonio.

I commenti degli utenti