7 cibi che vale la pena comprare da Ikea

3 dicembre 2013

Tutti i foodies hanno un debole di cui cercano di non fare parola con i loro simili. Di volta in volta questo tallone d’Achille può essere il vasetto di Nutella sepolto sotto le altre creme gianduia di qualità, la bottiglia di Coca-Cola nascosta dietro una riserva di bevande “d’autore”, un panino del McDonald’s. Oppure il mitico hot-dog dell’Ikea: meno di due euro per un panino farcito con cetriolini, salse e cipolline secche. Non sarà quello di Eataly, ma dopo ore tra scaffali e candele fa il suo piccolo e onesto dovere. Arrivati alla fine del percorso, se non avete ceduto all’hot-dog, vi si para davanti la Bottega Svedese: colorata, piena di cibi dal nome improbabile e dall’aspetto più o meno esotico, col potere di causare almeno un acquisto impulsivo (quel salame di alce che avrete comprato rimarrà a vagare solitario per il frigo subito dopo la prima fetta). Cosa vale davvero la pena comprare, anche solo per curiosità gastronomica e spirito d’avventura culinaria, senza aspettarsi una qualità eccelsa?

  • Pannkakor.
    A metà tra pancakes e crepes, questi fagottini di pasta si scaldano in forno in un attimo e hanno pure la crosticina croccante. Conditi con marmellata, crema al cioccolato o sciroppo d’acero possono essere un’ottima colazione domenicale. Per pigri (ma non scaldateli nel microonde: diventano mollicci e non svolgono più il loro dovere).

Ikea, Julmust

  • Dryck Julmust.
    La bevanda natalizia che in Svezia riesce a superare in consumo la Coca-Cola durante le feste. In tutto e per tutto una cola, nasce però come alternativa analcolica alla birra. Si dice che la ricetta originale sia chiusa in una cassaforte e che soltanto due persone ne conoscano la composizione esatta. Gli ingredienti comprendono zucchero, spezie, estratto di luppolo e di malto. Il retrogusto ricorda la vaniglia, lo zabaione, le bevande calde alle spezie. Se ci si lascia suggestionare è un attimo sentirci anche una nota di pandoro.

Rostad Lok, Ikea

  • Lök rostad.
    Le cipolline secche di cui si parlava prima. Presentate così paiono una schifezza, ma ravvivano un’insalata di pasta o di patate in un batter d’occhio. Per non parlare delle volte in cui si prestano ad essere colpevolmente mangiate a cucchiaiate o tra due fette di pane morbido. Per chi vuole un po’ di croccantezza ovunque e per chi metterebbe la cipolla anche nel caffè (si fa per dire).
  • Sås senap & basilika.
    Salsa alla senape con erbe aromatiche. Un’aggiunta un po’ diversa al reparto salse del frigorifero: ideale con i fritti, con le carni fredde, le uova sode o per condire un’insalata di pollo diversa dal solito. Dolce e acidula, è una valida alternativa per i fan della salsa tartara che non si formalizzano troppo.

Patatine, Ikea

  • Potatischips saltade.
    Le patatine dell’Ikea sono più spesse delle classiche San Carlo e sono perfette tanto per i fan delle chips, quanto per chi preferisce patatine più corpose. Da mangiare coscienziosamente perché creano dipendenza seria. La versione alla cipolla e panna acida è quasi obbligatoria per chi acquista le cipolline secche, ma dovrebbe avere un disclaimer: da non mangiare prima di un appuntamento importante.

Biscotti allo zenzero, Ikea

  • Pepparkaka deg.
    Fuori nevica, non vi va di bere una bevanda fredda seppur natalizia come la Julmust, ma avete bisogno di qualcosa di buono che comunichi tutto il vostro amore per le feste? Ikea vi fornisce un rotolo d’impasto per biscotti allo zenzero pronto da cuocere: voi dovrete solo “montarli” con la forma che preferite. Appena sfornati fanno la loro figura, soprattutto con un buon tè. Per i meno inclini al rimboccarsi le maniche in cucina ci sono anche i biscotti già pronti.
  • Grönsakskaka.
    Quelle sere che non si ha voglia di cucinare e il take away è troppo lontano o non effettua consegne, questi medaglioni dal nome impronunciabile costituiscono un’alternativa non esattamente sana (come il cibo d’asporto, del resto), ma abbastanza gustosa. Patate, broccoli, porri, cipolle e formaggio: a certi piatti pronti non si può chiedere di più.

E voi avete mai comprato qualcosa alla Bottega Svedese?

I commenti degli utenti