Telefilm e cibo: un connubio indissolubile

22 dicembre 2013

Non solo cinema: anche il piccolo schermo ama celebrare la buona cucina. E le modalità non sono quelle che è facile attendersi, tra programmi di ricette e talent del fornello: è nei telefilm che il cibo trova il suo sodalizio perfetto. Dalle sitcom al fantasy, la prima attività dei protagonisti non è rincorrere amori impossibili o armarsi per le battaglie, bensì mangiare. Ma quali sono i momenti più memorabili di questa irresistibile relazione? Citare ogni produzione che abbia fatto riferimento al cibo in almeno uno dei suoi episodi è impossibile, data la lista infinita di show che caratterizzano la TV dagli anni ’50 in poi. Ne proponiamo quindi una lista, tutt’altro che esaustiva, da completare con le vostre note nei commenti. Attenzione, però: potrebbero esserci degli spoiler per le stagioni tutt’ora in corso.

Sitcom e commedie

How I met your mother

Marshall e Ted alle prese con la pizza in How I met your mother

Sitcom e commedie, quando il cibo è il motore della risata. Nelle produzioni TV più divertenti la cucina diventa il mezzo non solo per unire le vicissitudini dei protagonisti, ma è anche motivo di infiniti misunderstanding e delle più singolari dipendenze: ne nascono, così, degli sketch irresistibili.

    1. 2 Broke Girls: la giovane squattrinata Max e l’ex ereditiera Caroline hanno un sogno, quello di aprire il loro negozio di cupcakes. Cameriere di giorno in una tavola calda e cuoche maldestre la sera, la serie TV è una delle più irriverenti mai prodotte, tra le centinaia di battute spinte che ne costituiscono il copione. Irresistibile nonostante una traduzione italiana davvero carente, la prima stagione si è guadagnata un’ospitata di Martha Stewart.
    2. How I Met Your Mother: giunta alla sua nona e ultima stagione, la serie amicale più amata dell’ultimo decennio ha trattato il cibo in diverse occasioni. Nella quinta stagione, ad esempio, Ted e Marshall si lanciano in un viaggio on the road pur di mangiare una pizza al Gazzola’s di Chicago, prima che l’attività venga chiusa. Più recentemente, dei gustosi biscottini al cioccolato faranno da tramite per la conoscenza fra Lily e la futura moglie di Ted. Insuperabile è invece Robin, che scippa la torta nuziale a quattro piani dell’ex fidanzato e la mangia tutta da sola, con tanto di pubblico incitante. E Barney? È il re degli alcolici, oltre che dei completi firmati.
    3. New girlNew Girl: tutto può succedere in un appartamento condiviso da tre uomini e una donna. E se la ragazza in questione si chiama Zooey Deschanel, il divertimento è assicurato. Iconica è la ricetta del tacchino cotto nell’asciugatrice per la biancheria, per salvare una festa del Ringraziamento claudicante. E che dire di Schmidt che, per consolarsi della fine dell’amore con Cece, azzanna vorace formaggi interi?
  1. Desperate Housewives: un po’ commedia e un po’ drammatico, l’iconico telefilm sulle casalinghe disperate ha per protagonista l’archetipo di tutte le cuoche provette televisive, la perfezionista e inquietante Bree Van De Kamp.
  2. The Goldbergs: nuova e divertente serie dedicata all’evoluzione di una famiglia a stelle e strisce negli anni ’80, poche settimane fa è andato in onda un’irresistibile episodio sul Thanksgiving. Beverly, la capofamiglia che tanto ricorda l’invadenza delle mamme tricolore, prepara una cena da provetta chef per i suoi cari. Peccato che marito, figli e nonno siano presi da ben altro, tra tute in acetato e plastica fluo così come il mitico decennio impone.
  3. The big bang theoryThe Big Bang Theory: il cibo non è protagonista in questa insuperabile sitcom a sfondo nerd, ma vi è una notazione di rilievo. I protagonisti vanno infatti pazzi per il take away, possibilmente cinese o thailandese.
  4. Modern Family: un falso documentario sull’universo delle famiglie miste, campione della risata grazie anche a una perfetta Sofia Vergara. E proprio Gloria, il personaggio che interpreta, spesso e volentieri richiama la cucina del suo paese d’origine: la Colombia. Nella quarta stagione, inoltre, tutte le famiglie “moderne” si lanciano alla caccia del sandwich perfetto nel locale perfetto.
  5. The Carrie Diaries: l’adolescenza anni ’80 di Carrie Bradshaw, la protagonista di Sex And The City. E mentre da adulta fiumi di alcolici ne costituiranno la fama, da scrittrice in erba è il cibo a farla da padrone. Non solo Carry ha un conto apposito per le patatine fritte, ma il suo primo colloquio di lavoro finisce in tragedia gastrointestinale per delle uova e del caviale di dubbia provenienza, offerti da una giovanissima Samantha.
  6. Glee: il teen-musical per eccellenza, dedicato alla vita del coro della William McKinley High School, non ha il cibo come elemento fondante. Eppure, dal sito ufficiale si scopre come ogni personaggio abbia la propria ricetta preferita. La migliore? I cracker e formaggio di Brittany.
  7. Gilmore Girls tableUna Mamma Per Amica: a cavallo tra commedia e drama, le protagoniste Lorelai e Rory si trovano spesso a mangiare junk food, magari sul divano davanti alla TV e gran parte delle vicissitudini narrative avvengono nella caffetteria dell’amico Luke.

Drama, thriller e fantasy

Nei telefilm il cibo non è solamente un mezzo per rinforzare la risata, ma anche l’elemento di contorno per situazioni drammatiche oppure uno snack da gustare nel bel mezzo di un omicidio. Si tratti di dolore o cattiveria, i protagonisti di alcune serie sono particolarmente voraci.

    1. SopranosI Soprano: la vita della famiglia del boss della mafia italoamericana tra sedute dallo psicanalista e grandi abbuffate, quasi tutte rigorosamente tricolore. Un’interpretazione encomiabile per il compianto James Gandolfini, un cult che gode anche di un ricettario stilato dai fan.
    2. Downton Abbey: serie drammatica in costume e ambientata all’inizio del ‘900, narra le vicende dell’aristocrazia dei Crawley e della loro servitù. Ricchi banchetti a non finire, spesso a base di selvaggina, le cui ricette sono raccolte in un incredibile blog.
    3. Lost: i sopravvissuti più famosi della TV, nati dal genio creativo di J.J. Abrams, non si può dire che abbiano potuto godere di una cucina a 5 stelle. Eppure cult sono i cibi preconfezionati della Dharma Initiative, il misterioso progetto condotto sull’isola dei naufraghi, tanto che in Rete si trovano moltissimi menu a tema.
    4. Game Of Thones: potere, sesso e cibo sono i cardini del mondo immaginario di George R. R. Martin. E tra una scena esplicita e un drago, ne è nato anche il ricettario ufficiale.
    5. Breaking badBreaking Bad: i fornelli in questo serial di culto sono più declinati nella preparazione delle droghe sintetiche che di un pasto con tutti i crismi, ma è interessante notare come Gus – uno degli spacciatori – nasconda le metanfetamine nelle vaschette di pollo del suo fast food.
    6. Dexter: l’assassino più famoso del piccolo schermo svela il suo rapporto con la cucina nella sigla, dove un taglio di carne fresca viene fatto saltare in padella con le movenze tipiche della dissezione di un cadavere. E poi caffè, uova e spremuta: tutto è sanguinolento a casa di un serial killer.
  1. Bomb Girls: produzione canadese curata e raffinata, protagoniste sono le donne durante la Seconda Guerra Mondiale, impiegate nelle fabbriche di bombe mentre i mariti sono al fronte. Lorna, la responsabile di reparto, alterna la sua attività con una carriera mancata da cuoca. E quando Gladys perde il fidanzato in battaglia, sarà proprio Lorna a insegnarle tra le lacrime a cucinare la perfetta frittata.
  2. Fringe: mentre due universi paralleli rischiano di collidere e annullarsi l’un l’altro, l’incontrollabile Peter Bishop ingurgita pizza, frullati al latte, ciambelle, caffè, cioccolato. E nello studio del professore pazzo che salverà entrambi i mondi dall’autodistruzione certa, vi è addirittura una mucca. Non solo a scopo di test, ma anche per la materia prima dei milkshake alla fragola di cui Peter è goloso.
  3. Gossip girlGossip Girl: gli adolescenti ricchi e snob di una New York non sempre d’amare, impegnati in brunch infiniti e alcolici in buone dosi. Lo scrittore Rufus ha un debole per i waffle, di cui ha anche una ricetta personale.

Alcolici

L’alcol è protagonista di qualsiasi narrazione che si rispetti, dalle short novel alle grandi produzioni hollywoodiane. E così è anche in televisione, dove diventa mezzo espressivo della gioia – ma soprattutto della miseria – umana.

  1. Mad Men: alcol e sigarette pervadono tutte le sei stagioni di una delle serie drammatiche più premiate di sempre. Vi è però una curiosità simpatica per Don Draper e soci degli anni ’60: sul set gli alcolici non sono ammessi, così gli attori si ritrovano a bere dei disgustosi tè per simulare i cocktail scuri e acqua e cipolla per i Martini Gibson.
  2. sex-and-the-city-scena-1Sex And The City: vestiti, scarpe e Cosmopolitan. Se non fosse per le sue sfortune amorose, si potrebbe quasi pensare che Carry Bradshaw sia un’alcolista di quelle irrecuperabili. Alcol a fiumi, ma spazio anche alla cucina, come quando Miranda compensa la mancanza di un partner con la torta al cioccolato. Arrivando addirittura a raccoglierne una fetta dall’immondizia di casa.
  3. Boardwalk Empire: gli Stati Uniti di inizio ‘900 in pieno proibizionismo, tra feste illegali senza limiti e litri di alcol. Dalla serie è nato anche un’interessante studio sui cocktail sottobanco più diffusi all’epoca.
  4. Will & Grace: il cibo non manca in questa irresistibile serie di fine anni ’90, fortemente orientata all’universo LGBT. Ma nulla è la cucina in confronto all’amore per gli alcolici della stupefacente Karen, uno dei personaggi più sfrontati che la TV abbia mai visto. La frase cult? “Un Martini, tesoro, e non occupare spazio con quelle inutili olive”.

Vintage e outsider

La parola telefilm è spesso sinonimo di nostalgia, soprattutto per coloro che sono cresciuti tra gli anni ’80 e il decennio successivo. Con una comunicazione più leggera e spesso anche più ingenua, la cucina ha fatto il suo ingresso anche nelle produzioni del passato. E anche in alcuni outsider oggi ancora in onda, non riassumibili nelle precedenti categorie.

  1. Twin PeaksTwin Peaks: uno dei capolavori della TV – l’omicidio che ha lasciato gli anni ’90 con il fiato sospeso – nulla sarebbe senza la crostata di ciliegie che l’agente Cooper gusta di continuo. La tavola calda dove è stato girato il serial tutt’oggi gode di pellegrinaggi di fan pronti ad assaggiare lo stesso dolce.
  2. La Tata: l’indimenticabile Fran Drescher nella sitcom di culto di fine secolo, pronta all’abbuffata senza sosta in compagnia di Ietta e del polpettone di zia Assunta. La versione tricolore è stata italianizzata con i piatti della cucina mediterranea, in realtà l’originale vede le ricette tipiche della tradizione ebraica. Memorabile la mezza ricotta consumata a colazione.
  3. Alice: mitica serie anni ’70 girata in un tipico diner americano, tra cameriere vestite tutte di rosa shocking e gomma da masticare. American breakfast e caffè senza sosta, molto prima dell’avvento del fast food.
  4. RobinsonI Robinson: la famiglia afroamericana più famosa degli Stati Uniti, tra i manicaretti di Claire e i dispetti della simpatica Rudy. Molte le scene legate al cibo – come quando Cliff cerca di ricomporre una torta che non avrebbe dovuto mangiare per via del colesterolo – ma a emergere è la strepitosa mimica facciale di Bill Cosby davanti a panini, hotdog e sandwich.
  5. Happy Days: l’America degli anni ’50 con la famiglia Cunningham e l’insuperabile Fonzie. Gran parte delle vicende della sitcom ruota attorno alle pietanze di un diner in perfetto stile d’epoca, Arnold’s, dove i protagonisti si riuniscono spesso.
  6. Friends: la serie amicale più longeva e gettonata della storia della TV vede spesso la trama intrecciarsi con la gola. Monica, ad esempio, è cuoca di professione. E quando Phoebe è in dolce attesa, Joey si propone di diventare vegetariano al suo posto.
  7. Beverly Hills 90210: non si mangia tantissimo per rientrare nelle taglie 38 e 40 che lo stile di Beverly Hills oggi impone, ma a inizio anni ’90 la corsa alla magrezza non era di certo così spietata. Anzi, i protagonisti del capostipite di tutti i teen-drama si riunivano all’iconico Peach Pit, la tavola calda dove Brandon lavorava dopo la scuola, diventato Peach Pit By Night nelle ultime stagioni.
  8. simpsons-food-wife_thumbI Simpson: secondo outsider perché serie animata anziché telefilm, non si possono non citare le ciambelle di cui Homer è follemente innamorato, insieme alla birra Duff. E proprio Homer ingurgita davvero di tutto, in particolare la carne di maiale. Sempre che non sia occupato a far zompettare il suo Spiderpork sul soffitto di casa. Per non parlare della puntata The Food Wife in cui Marge Simpson diventa una food blogger e incontra le versioni simpsoniane di Anthony Bourdain, Gordon Ramsay e Ferran Adrià.
  9. Il Mio Amico Arnold: difficile sarebbe citare tutti i telefilm a tema familiare degli anni ’80, ne basterà quindi citare uno dei più famosi. Tra le vicende di Arnold e del fratello Willis nella loro nuova vita in una famiglia bianca e benestante, spunta la cuoca-governante simbolo della TV a stelle e strisce: la signora Garrett.
  10. Dawson’s Creek: la serie con i sedicenni più cervellotici di sempre, dal linguaggio forbito più vicino alla terza età che all’adolescenza. Pacey, il rivale in amore dello sfortunato Dawson, impara a cucinare da uno chef quotato e, una volta raggiunta l’età adulta, apre il proprio ristorante.
  11. Tempesta d’Amore: il primo outsider della classifica perché non un telefilm, bensì una soap opera. Una sorta di Beautiful alla tedesca per gli intrighi relazionali che mescolano le vite dei protagonisti, con la storia che si snoda attorno al Fürstenhof, un albergo di lusso dell’Alta Baviera. Nella prima stagione Laura, il personaggio di punta, è un’eccellente mastra cioccolataia. Nelle successive gran parte della trama si snoda nella cucina dell’hotel, con le irresistibili trovate dell’aiuto cuoca Hildegard.

I commenti degli utenti