Roma: 5 botteghe cinesi dove fare acquisti

29 gennaio 2014

Domani, 31 gennaio, è il giorno tanto atteso dalla comunità cinese: il Capodanno. Se non avete intenzione di uscire a cena potete optare per una versione homemade dei classici della cucina cinese. Ma dove acquistare gli ingredienti adatti per replicare in modo impeccabile questi piatti? Abbiamo pensato di venirvi in aiuto, lettori di Agrodolce, indicandovi alcuni negozi in cui comperare gli ingredienti essenziali: dopo Milano è quindi il turno di Roma.

  1. Uova centenarieAsia Supermarket (via Ricasoli, 20). Qui troverete tutto il necessario per la cucina cinese, a parte gli alimenti freschi; questo negozio è fornito di ogni genere di salsa, conserva e riso. C’è anche un piccolo reparto surgelati dove senza fatica si trovano gli involtini e i ravioli già pronti, i dolci e gli gnocchi di farina di riso e la pasta di soia. Il plus di questo posto è la reperibilità delle uova centenarie e gli spaghetti di riso integrale, ottimi per consistenza e sapore.
  2. Pacific Trading, RomaPacific Trading (via Principe Eugenio, 21). Uno tra i primi, se non il primo, ad aver aperto a Roma, punto di riferimento per molti. In questo negozio troverete un vasto assortimento di tè e vino di riso, sia da mescita sia per cucinare; c’è anche una piccola zona in cui sono esposte attrezzature da cucina. Ciò che lo distingue dagli altri è il reparto surgelati, una vera miniera per i più audaci: orecchie di maiale, lingue di anatra, zampe di gallina, cosce di rana e addirittura occhi di bue.
  3. Mercato EsquilinoMercato di Piazza Vittorio (via Principe Amedeo) o Mercato dell’Esquilino. Non un negozio ma i banchi nel mercato più multietnico di Roma. Si mescolano articoli freschi a quelli conservati; una vasta scelta di paste di riso e di soia, tagliatelle, vermicelli, noodles. Il vantaggio è di poter reperire con facilità anche gli ingredienti freschi: cavolo cinese, bok choi, germogli di soia, zenzero succoso, funghi shitake, litchie freschi ed essiccati, l’okra, l’ampalaya, farine di vario tipo, spinaci d’acqua, germogli di bambù e castagne d’acqua.
  4. Xin ShiXin Shi (via Carlo Alberto, 10). Ha l’aspetto di un negozio misto tra alimentari e articoli da cucina; grande varietà di vino di riso, grappa di rosa e di sorgo e alimenti conservati; ciò che disarma è la quantità di dolci presenti, da semplici biscotti a gelatine di frutta. Vale la pena farci un salto per la presenza di bibite analcoliche a base di succo di frutta, per esempio quella al litchie con semi di basilico: un’esperienza da provare. Altro motivo è il reparto di attrezzature da cucina, perché qui troverete dei bellissimi wok in ferro, schiumarole, cestelli in bambù cerchiati in acciaio per la cottura a vapore, pentole a vapore se ne sentiste la necessità, porcellane, piastre da cottura, bacchette e tutti gli attrezzi per intagliare frutta e verdura.
  5. TofuSelli International Food Store (via dello Statuto, 28). Mi piace questo negozio perché è l’essenza dell’evoluzione e dell’adattamento: l’anziana proprietaria aveva un banco di drogheria al vecchio mercato di Piazza Vittorio poi ha aperto un negozio; ha scorto l’opportunità di aprirsi al mercato delle spezie iniziando un commercio di generi alimentari etnici. Ora il figlio prosegue con passione e ha ampliato l’offerta: non solo cinese ma generi da varie parte del mondo, l’essenziale di tutto, dietro consiglio di due fidati assistenti. Il piacere di questo posto è poter acquistare i cereali a peso, le spezie sempre fresche e il tofu di ottima qualità.

I commenti degli utenti