L’Angolo del Gusto, il più vizioso di Udine

4 febbraio 2014

L’angolo di cui vi raccontiamo la storia è esattamente quello generato dall’intersezione di via De Ciani e via Mantica, nella parte più a nord del piccolo centro di Udine. Fino alla fine degli anni ‘50, questa zona della città era molto frequentata per due motivi: c’era una discreta concentrazione di signore che a seguito della Legge Merlin non potevano più stare nelle loro case chiuse, e perché a pochi passi da qui si produceva la famosa birra Dormisch. Il tabacco lo portavano i militari americani, e l’ambito tris composto anche da Bacco e Venere era subito risolto.

L'angolo del gusto

Facile, vero? A seguito di una primordiale ricerca di mercato che ha giustamente tenuto conto delle circostanze descritte qui sopra, nei primi anni ’60 il nonno di Marco (uno degli attuali proprietari) ha aperto un’osteria a pochi metri dal luogo in cui oggi trova spazio L’Angolo del Gusto. Immaginatevi un’atmosfera con i seguenti ingredienti: prime Vespa Piaggio, ragazzi dai capelli unti dalla Brillantina Linetti, ragazze con gonne fino al ginocchio e rossetti appariscenti, flipper e juke box.

L'angolo del gusto

L’osteria è andata avanti fino al 1983 quando il papà di Marco, fedele al DNA gastronomico della famiglia Gallina, ha deciso di aprire un piccolo negozio di alimentari. Fino al 2000 la bottega ha lavorato alla grande, dopodiché c’è stato bisogno di una svolta, di idee nuove, fresche, ed è qui che l’ormai famoso Marco entra in gioco. Appena conclusi gli studi gira l’Italia e l’Europa per capire come si comportano i colleghi delle botteghe simili a quella di papà e scopre che molte di queste avevano a fianco un luogo di mescita dove poter vendere e somministrare (parola poco elegante, ma efficace) i prodotti del negozio.

L'angolo del Gusto

Detto fatto: tornando un po’ alle origini del nonno, nel 2007 apre l’enoteca. La qualità è diffusa in entrambi gli spazi, la bottega è molto curata, pulita, bastano pochi sguardi per capire che c’è un buon livello di ricerca. Diversi produttori dai quali L’Angolo del Gusto si rifornisce sono locali, altri sono sparsi su tutto il territorio italiano. L’Angolo del Gusto di Udine si rifornisce per lo più da produttori locali ma è presente una discreta selezione di prodotti di grande qualità dal resto d'Italia Soffermandovi al banco dei formaggi troverete: i prodotti di Gortani, una delle migliori piccole latterie friulane; le caciotte di capra della latteria di Pegliano di Cividale, fantastiche; le forme più o meno stagionate della Latteria di Pradis, e tante altre meraviglie del latte nazionali e francesi. Tra i fornitori italiani più famosi, balzano agli occhi: Pasta Mancini, i prosciutti di Sant’Ilario, la Porchetta di Ariccia, il Pane di Matera (Pane & Pace), per non parlare della scelta degli ortaggi freschi. Non enorme, ma curata. La bottega è anche gastronomia, il laboratorio è sul retro. Le preparazioni sono molto classiche: lasagne, parmigiane, arrosti etc. mentre durante le festività la creatività aumenta e produce un buon numero di finger food prêt-à-porter (bicchierini con la stracciatella, pomodoro confit e acciughe del Cantabrico, piuttosto che con la misticanza, la Trota di San Daniele e le mandorle tostate). L’orario dell’aperitivo è un vero spasso: è qui che bottega ed enoteca dimostrano la loro capacità di lavorare in perfetta simbiosi. Come ai vecchi tempi, in quest’angolo di Udine la festa continua.

I commenti degli utenti