Lemon grass: il carattere della cucina thailandese

5 febbraio 2014

Ingrediente caratterizzante della cucina thailandese è la Lemon grass, aroma che insieme al Kaffir Lime, di cui parleremo presto, identifica in modo univoco i piatti di questa tradizione cuilinaria, in quanto ve li ritrovate praticamente ovunque. Nota anche come Citronella, la Lemon grass è una pianta infestante originaria dell'Asia tropicale dal favoloso profumo agrumatoNota anche come Citronella, è una pianta erbacea infestante originaria dell’Asia tropicale, che dall’aspetto sembrerebbe una comune erbaccia se non fosse per l’aroma favoloso di limone e cedro che è in grado di sprigionare. Spesso ingrediente principale di infusi e tè, trova però principale uso per conferire un favoloso profumo agrumato e leggermente balsamico a zuppe, stufati e wok ed è in grado di alleggerire e rendere più fresche al palato anche le preparazioni più grasse. In Italia è conosciutissima come repellente naturale per le zanzare, in realtà ha delle proprietà ben più interessanti, prima fra tutte quella antipiretica (febbrifuga) e antisettica delle vie respiratorie; è anche un blando antibatterico e antifungino. Non abbiate dunque timore, specialmente nei periodi freddi e umidi, di abbondare nell’uso di questa magnifica pianta sia nei piatti, che nelle tisane e nei tè; sconsiglio invece di prendere a morsi le candele anti-zanzare in quanto di dubbia efficacia!

Lemongrass

Nonostante l’aspetto tenero ed erbaceo, lo stelo della Citronella è composto, in realtà, da vari strati molto duri e fibrosi, quelli più esterni, di colore verde mela chiaro, che alla base hanno parti dure quasi quanto la plastica, mentre le foglie più interne di colore avorio e il cuore con sfumature bianco-violacee sono decisamente più teneri. Se dovete usarla per cucinare è consigliato prediligere, appunto, queste ultime e scartare i primi 2-3 strati che verranno usati per fare degli infusi. Per via di questa consistenza tenace la Lemon grass in Thailandia è, spessissimo, prelavorata in mortaio fino a essere ridotta in pasta, insieme ad altri aromi tra cui gli immancabili peperoncini, l’aglio con cui si sposa particolarmente bene e due rizomi strettissimi parenti dello Zenzero: la Galanga (o Galangal) e la Finger Root (o Wild Ginger), la prima dall’aroma pungente e che ricorda lievemente la cannella e la radice di liquirizia, la seconda dal gusto molto forte e con marcate note balsamiche.

Un tè al Lemongrass

Tè al Lemongrass

Attualmente è abbastanza facile reperire la Lemon grass fresca sia negli ortofrutta asiatici, sia in quelli italiani molto forniti, sia nei mercati rionali. E’ possibile trovare anche la variante essiccata nelle erboristerie, ma è decisamente più povera di gusto e consigliata più che altro per i soli infusi. Per i meno avvezzi al taglio si trova in commercio persino la pasta di Lemon grass in tubetto, reperibile da NaturaSi. Potete trovare i rizomi freschi di Galanga e Finger Root da Kathay a Milano. La Galanga essiccata in polvere da Emporio delle Spezie a Roma.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti