Taste Firenze: il programma di domenica 9 marzo

3 marzo 2014

In attesa dell’inizio di Taste Firenze, una delle kermesse più belle del calendario enogastronomico nazionale, vogliamo aiutarvi nell’orientamento tra incontri e appuntamenti da non perdere durante la manifestazione e nel ricchissimo programma del Fuori di Taste. Come abbiamo già fatto per sabato 8 marzo, oggi affrontiamo il programma di domenica 9, il secondo giorno di festa alla Stazione Leopolda. Pronti?

taste tour

La fabbrica del gusto è il tema principale del Taste di quest’anno e domenica 9 marzo, durante la mattina, ci sarà tempo di assaggiare e osservare quello che fanno questi artigiani nell’attesa che comincino i dibattiti gastronomici nell’area Ring. Partenza cosigliata? Il Taste tour è l'occasione per assaggiare prodotti straordinari e incontrare artigiani di talento Tablecloths: il lavoro di  Massimiliano Parri con le sue tovaglie, tovagliette, guanti da forno, realizzate in collaborazione con Gianluca Biscalchin, il famoso illustratore gastronomico che ha curato parte dell’installazione di questa edizione della manifestazione. Da non perdere poi la mortadella dei Mannori di Prato, fatta con la carne più magra del maiale e con l’aggiunta di spezie e Alchermes e poi cotta a vapore, o la produzione di Andrea Magi, new entry di questa edizione con la De’ Magi-Alchimia dei Formaggi: di mestiere fa l’affinatore e da maledetto toscano ha dato origine all’omonimo cacio sottoposto a una leggera affumicatura ottenuta dal sigaro toscano, un prodotto unico. Utile ricordare la presenza di Guido Gobino, maestro cioccolatiere tra i più bravi, e il numero indecente di produttori di birre artigianali per rinfrescare il palato.

Taste ring

A questo punto siamo pronti per i dibattiti della giornata. Alle 12.00: Tutti la cercano, tutti la vogliono, la pasta madre. Il lievito naturale, uno dei passatempi preferiti dagli italiani, diventa protagonista di questo incontro, mentre alle 16.00, dal lievito si passa alla pasta, altro tema caro agli italiani: Sì ma il grano c’è? È quello che si chiederanno tutti i principali artigiani pastai presenti alla manifestazione, ponendo anche la spinosa questione del grano straniero e domandandosi se un giorno sarà possibile avere una via tutta italiana del prodotto finito.

FUORI DI TASTE – DOMENICA 9 MARZO

Fuori di Taste

  • Aperto da poco il Biobistrò Miso di Riso in borgo degli Albizi 54, apre il Fuori di Taste della domenica con A colazione con Golàmera: liberi di spalmare la golosa crema al cacao per cominciare la giornata. Mentre a pranzo preparerà cremose Paste & Legumi Panelita: ricette ideate da Panela insieme allo chef del locale a base ci ceci, fagioli e quinoa con pasta di farro e kamut.
  • Dalle 9.00, fino al tardo pomeriggio, tutti in Via dei Serragli 234 da Riccardo Barthel per Ortobello, il mercato alimentare a km zero, dove acquistare uova, frutta e verdura direttamente dai produttori. Un fuori di taste doppio e importante per questa bottega-laboratorio fresca dell’inaugurazione di Desinare, la scuola di cucina che vedrà avvicendarsi tanti chef di fama al piano superiore del negozio.
  • La domenica non è domenica senza il brunch: quello A regola d’Arte, lo fanno in Viale Gramsci 42, da Sensus, la galleria d’arte e Cuco cucina contemporanea, organizzano il brunch sia di carne che per i vegetariani, accompagnato dalla nuova linea di pane della Pregiata Forneria Lenti.
  • Per tutto il giorno Obikà Mozzarella Bar in via Tornabuoni 16, presenta una pizza speciale fatta con la farina Petra del Molino Quaglia: una reinterpretazione della pizza con pomodoro biologico, mozzarella di bufala campana Dop e stracciatella di burrata.
  • Dalle 16.00 tutti in via Santo Spirito per Viva-nde: la via delle eccellenze dell’Oltrarno fiorentino si apre al gusto con assaggi curiosi e inusuali per botteghe artigiane e ateliers. Negozi di fiori abbinati a pasticceri, lampadari e gelati, vino e design, non resta che farci un salto per scoprire tutte le sorprese.
  • Alle 17.00, la Boutique Nadine in via dei Benci 32, presenta Marinai, donne e guai: una degustazione insolita con la Birra del Borgo, i prodotti ittici di Sangiolaro e dolci tentazioni di Barbero 1883.
  • Presso il Brown Sugar in piazza San Firenze 5, dalle 18.00 i vini dell’azienda I Balzini diventeranno colori per la pittrice Elisabetta Rogai, che dipingerà L’uomo del vino.
  • A cena tutti da Cibi in via delle Caldaie 14: il locale aperto da pochissimi mesi, che oltre alla cucina, promuove libri e giovani artisti, debutta al fuori salone con Da Cibi, il Grano e il Grillo, la pasta di Mancini si incontra con i vini di Donnafugata.
  • Sempre alle 20.00, Il Borro Tuscan Bistro sul Lungarno Acciaiuoli presenta il primo riso di semola: gli chef Nino di Costanzo e Andrea Campani insieme per una cena a quattro mani con il nuovo “Riso di Semola” del pastificio Gentile di Gragnano.

Clicca qui per visualizzare la mappa

I commenti degli utenti