Picnic a Milano e dintorni: spazio alla primavera

4 aprile 2014

Timidamente, con qualche ripensamento di tanto in tanto, la primavera sembra essere sul punto di arrivare anche a Milano. Si tirano fuori le bici dalla cantina e al primo sole ci si lancia per le strade ampie della domenica mattina. La domanda, fatta da un’amica, da un compagno o a se stessi, è in arrivo: “Perché non facciamo un picnic?”. Ai nuovi arrivati in città la risposta può apparire fosca, ingrigita dallo smog e dai palazzoni, ma questa città non è solo moda, finanza e ristoranti gourmet: di buoni posti per un piacevole picnic ce n’è una discreta quantità. Dopo Roma ecco dove organizzare un picnic a Milano e dintorni.

  1. Parco Sempione, MilanoIl posto più in voga è il Parco Sempione (piazza Sempione). Sulla grande distesa erbosa che corre dal Castello Sforzesco all’Arco della Pace sbocciano asciugamani e tovaglie già ai primi calori primaverili: bisogna fare attenzione a non essere colpiti da un frisbee o un pallone, ma il colpo d’occhio vale il rischio. All’interno del parco si trovano inoltre l’acquario cittadino, a ingresso gratuito, e la Triennale: ottime mete per un passeggiata con adulti e bambini, prima o dopo il picnic. Nella zona più vicina al castello si svolgono spesso eventi pubblici.
  2. Secondi in popolarità fra i milanesi sono i Giardini Indro Montanelli (bastioni di porta Venezia), conosciuti anche come Giardini di porta Venezia. Un tempo c’era lo zoo; oggi un’area giochi e il sempre affascinante museo di storia naturale, amato dai più piccoli. Ci si trova al confine fra il quadrilatero della moda e la zona di uffici di porta Venezia: nei giorni feriali non è raro incontrare sulle panchine giornalisti, account e impiegate che decidono di trascorrere la pausa pranzo all’aria aperta.
  3. Milano Bosco In CittaSe invece decidete di allontanarvi dal centro, non dovreste perdervi il Bosco in città (via Novara), alla periferia ovest di Milano. Si tratta di un esperimento di riforestazione urbana nato alla metà degli anni ’70: il parco è in effetti piuttosto selvatico e consente di trascorrere qualche ora piacevole passeggiando o sedendo sulle rive di un piccolo lago popolato da tartarughe. Alla Cascina San Romano sono disponibili alcuni portici con grandi tavolate e griglie per il barbecue: l’utilizzo è gratuito ma si richiede la prenotazione.
  4. Nel caso che i tavoli del Bosco in città fossero tutti occupati, una valida alternativa è il vicino Parco di Trenno (via Cascina Bellaria). Qui l’area picnic, pur priva di bracieri, è ampia e comprende molti tavoli vicini fra loro. È l’ideale per le grandi compagnie, soprattutto se ci sono bambini: gli spazi sono enormi, perfetti per correre, giocare e divertirsi.
  5. Navigazione MartesanaDall’altra parte della città scorre il Naviglio Martesana (via Melchiorre Gioia): accanto a lui, una lunghissima pista ciclopedonale che arriva fino all’Adda. Una passeggiata perfetta per le giornate di sole, anche perché, se a un certo punto vi sentirete troppo stanchi per affrontare il ritorno, potrete caricare la bici a una fermata della metro verde e tornare comodamente in città. Lungo il percorso ci sono diverse buone ambientazioni per un picnic. Ad esempio il piccolo Parco della Martesana (via dei Valtorta): qui nel weekend gruppi di lavoratori indiani e cingalesi organizzano complicate partite di cricket, e il carretto dei gelati fa sempre una sosta.
  6. Spostandosi verso Cernusco sul Naviglio, in provincia, si trova invece l’incantevole Parco dei Germani (via Camillo Benso Conte di Cavour): da una sponda all’altra della Martesana una piacevole alternanza di spazi aperti e alberati, con chiosco bar, parcheggio per le bici e tutte le comodità del caso.
  7. Giardini della Guastalla, MilanoAnche restando in città si possono trovare alcune buone alternative non eccessivamente affollate. Gli studenti che frequentano l’Università statale o la biblioteca Sormani conoscono bene i Giardini della Guastalla (via Francesco Sforza): fra i più antichi giardini pubblici cittadini, sono circondati da mura che sembrano escludere il caos. Le posizioni più ambite sono quelle intorno alla vasca-laghetto, ma si possono trovare buone soluzioni anche sui numerosi piccoli prati, all’ombra di alberi centenari.
  8. Parco dell'anfiteatro MilanoAncora meno noto, per la strana tendenza del comune di Milano a nascondere i propri tesori antichi, è il Parco dell’Anfiteatro. L’ingresso è in via De Amicis 17, e sembra quello di un normale edificio: in realtà, i giardini all’interno custodiscono le rovine dell’anfiteatro di epoca imperiale, preservate dai rumori della città dagli stessi palazzi che le escludono alla vista dalla strada. Il parco è strategicamente vicino a Cioccolati Italiani, ottima gelateria dove fare rifornimento di dolci una volta terminati panini e insalate.
  9. E se si volesse considerare il picnic da un’altra prospettiva? C’è il Bosco verticale (via Gaetano De Castillia). In realtà si tratta dei due grattacieli in costruzione (quasi terminati) fra Porta Nuova e il quartiere Isola: le terrazze di ciascun appartamento sono dotate di veri alberi e arbusti, diversi a seconda dell’esposizione, per un totale di oltre 10.000 metri quadri di verde, da 0 a 111 metri. A meno che non abbiate già acquistato un appartamento, non sarà facile salire, ma potreste godere del bosco anche dai nuovi giardini di via De Castillia, magari gustando i mondeghili al cartoccio che propone il vicino ristorante Ratanà. Potrete decidere se alzare lo sguardo sui ciliegi, sui faggi o sul grattacielo più alto d’Italia: un vero picnic metropolitano.

I commenti degli utenti