A Roma apre Supplizio di Aracangelo Dandini. E fritto sia.

4 aprile 2014

Dal 9 aprile in via dei Banchi Vecchi 143 a Roma apre Supplizio, il nuovo locale di Arcangelo Dandini e Lorenzo D’Ettorre dedicato ai cibi di strada e della memoria. Ieri, il 3 aprile, i due chef romani hanno brindato con pochi amici alla fortuna della nuova impresa e stasera replicheranno la piccola inaugurazione con tutti quelli che vorranno farne parte, dalle 18 alle 24. dal 9 aprile apre a Roma Supplizio, friggitoria romana vecchio stile di Arcangelo Dandini Il locale è la realizzazione di un sogno nel cassetto per Arcangelo: da anni desiderava aprire una friggitoria romana vecchio stile che riproponesse i sapori e i profumi dell’infanzia. E non poteva scegliere location migliore per farlo, tra gli sconnessi e immutati vicoli trecenteschi dietro Campo de’ Fiori, al termine di via del Pellegrino. Dalla prossima settimana potrete fare un ulteriore salto nel passato gustando la ciavatta di Giggetto con fettina panata e broccoletti, le polpette di allesso con salsa verde e le crocchette di patate affumicate. E poi ci sono loro: supplì tra i migliori di Roma, in versione classica (con pomodoro, fior di latte, ragù di manzo e rigaglie di pollo), rossi (pomodoro e fior di latte) e tradizionali (bianchi). Sì, perché “Il supplì o surprise è una ricetta ereditata dai tempi della dominazione Napoleonica e inizialmente il pomodoro non rientrava fra gli ingredienti” come racconta lo stesso Arcangelo.

Supplizio

Alla base dell’idea per questo progetto c’è il desiderio di restituire dignità e valore ai cibi semplici e popolari attraverso l’alta qualità delle materie prime. Un esempio? Il riso dei supplì è invecchiato almeno un anno per tenere a lungo la cottura e assorbire meglio il condimento. In più ci sono le collaborazioni con alcuni fra i migliori artigiani romani: il Forno Roscioli per la pizza bianca e la focaccia genovese, la Boulangerie MP per le pizzette rosse e la pasticceria De Bellis per la zuppa inglese.

E fritto sia: a Roma apre finalmente Supplizio

E fritto sia: a Roma apre finalmente Supplizio

tutte le foto

Ad accompagnare il vulcanico Arcangelo in questo bel progetto c’è Lorenzo D’Ettorre, un passato da imprenditore ormai votato da qualche anno alla cucina. I due si sono conosciuti 15 anni fa quando Lorenzo era cliente di Arcangelo al Simposio, proprio dove lo chef romano ha studiato e perfezionato la ricetta attuale del suo celeberrimo supplì. In bocca al lupo, anzi in bocca a tutti!

I commenti degli utenti