Canestrelli della Liguria Terre D’Italia: la degustazione

18 aprile 2014

I Canestrelli della Liguria Terre d’Italia sono un’ottima interpretazione dei classici canestrelli, biscotti a forma di piccolo fiore forato al centro e ricoperti con una spolverizzata di zucchero a velo. il sapore ricco e la consistenza friabile rendono i canestrelli Terre d'Italia ottimi con il caffè o anche da soli Dalla consistenza friabile e dal sapore ricco di burro, sono tra i biscotti più semplici ed essenziali della pasticceria italiana. Inimitabili e tentatori, sono ottimi con il caffè, la crema di caffè o il tè, ma si gustano a pieno anche da soli, come piacevole intermezzo. Come sempre siamo in 5 attorno al tavolo e, come primo interrogativo, ci poniamo quali criteri di valutazione applicale all’assaggio dei biscotti, al di là della golosità. Abbiamo convenuto che l’aspetto visivo sia importante come primo impatto, perché la forma dei canestrelli è inequivocabile, e poi ci sono il profumo e il sapore, la friabilità e il retrogusto. Da questi parametri abbiamo deciso di iniziare senza ingordigia a parlare di biscotti.

Canestrelli

8

Alessandro

A un primo sguardo mi sembra che questi biscotti abbiamo sì la forma che mi aspettavo ma anche dimensioni leggermente superiori alla norma, non che sia un male tutt’altro. Il profumo di zucchero a velo è avvolgente e insistente; il biscotto mi sembra friabile e fragrante, il sapore di burro lo distinguo più come retrogusto che altro. Mi piace pensare a questo biscotto con il caffè del dopo pranzo.

8.5

Alfonso

L’estrema friabilità, tratto essenziale e distintivo del canestrello, ha fatto sì che si perdesse l’integrità dei biscotti: aprendo la confezione circa il 40% del prodotto era rotto nonostante il trasporto dal punto vendita al luogo della degustazione sia stato corretto. La compattezza della pasta è buona, ho riconosciuto il sapore di burro già dal primo boccone come sapore piacevole e di buon effetto.

7.5

Giulia

L’abbondanza di zucchero a velo mi lascia un po’ perplessa, temo che in bocca possa risultare invasiva; al naso trovo che la vaniglina abbia un impatto forte: avrei preferito zucchero a velo semplice e non vanigliato. Apprezzo la friabilità e la scioglievolezza in bocca, mi piace la quantità di burro adoperata che li rende gradevoli senza che siano stucchevoli. Ottima la consistenza in bocca

8

Francesca

Lo strato abbondante di zucchero a velo invece a me piace, fa sì che il biscotto abbia un aspetto gradevole. Apprezzo la friabilità della pasta e la cottura omogenea sia nelle varie parti del biscotto sia tra i biscotti stessi: i bordi non sono più dorati del centro, tutto a favore di una compattezza piacevole e di buon impatto gustativo.

8

Alessio

Oltre che l’omogeneità della cottura valuto positivamente anche il colore dorato. Con l’olfatto riscontro la presenza di burro e di uova. Il sapore del burro non è pervasivo ma avvolgente, mi sorprende la friabilità. Penso che il miglior abbinamento per questo dolcetto possa essere un tè nero profondo i cui tannini vengano smussati dalla componente grassa e avvolgente.

Conclusioni

Al primo esame, appena aperta la confezione, abbiamo riscontrato che nonostante il packaging risultasse integro purtroppo i biscotti avevano subito dei danni, nonostante le cautele prese durante il trasporto. Il vassoietto in plastica forse non è stato sufficiente per attutire gli urti e preservare l’integrità dei canestrelli; ci permettiamo di suggerire l’utilizzo di una confezione in cartone rigido. Come valutazione complessiva ci siamo trovati tutti d’accordo sull’ottima consistenza dell’impasto, di buonissima friabilità e freschezza, e sulla bella presenza di burro che avvolgeva i sensi senza ottunderli. Il gruppo di assaggiatori si è diviso sullo zucchero a velo: una parte pensava fosse troppo e l’altra invece riteneva andasse bene così. Ma in definitiva il biscotto ci ha convinti: chi lo preferisce meno inzuccherato può eliminarne l’eccesso con un soffio.

8

I commenti degli utenti