Il cibo di strada giapponese sbarca al Milano Manga Festival

26 maggio 2014

Anche i personaggi di fantasia amano la buona cucina. Tra cinema e show televisivi, la declinazione del rapporto tra protagonisti e cibo è sempre più evidente e sapientemente inserita: fino al 2 giugno sarà possibile gustare cibo di strada giapponese al Milano Manga Festival l’alimentazione snoda la trama, diventa spunto per riflessioni o sketch comici, aiuta a sviluppare una sorta di canovaccio invisibile che lega tutti i personaggi. Ma c’è un altro universo, oltre a quello del piccolo e grande schermo, che fa della cucina un proprio punto d’orgoglio: quello del fumetto e del cartoon. Lo spiega il Milano Manga Festival, la kermesse dedicata alle produzioni giapponesi giunta alla sua seconda edizione nella Fabbrica del Vapore, in via Procaccini 4. La cultura della cucina è legata indissolubilmente con l’anime orientale.

milano manga festival

L’evento, inaugurato lo scorso 24 maggio e previsto fino al 2 giugno, è più contenuto rispetto alla sua prima edizione, ma questo non ne ha limitato il proliferare di workshop e proiezioni a tema. Tra i vari argomenti che verranno analizzati, quello del Gourmet Manga, una vera e propria corrente artistica che già dal nome spiega come tra piatti giapponesi e fumetto vi sia un legame imprescindibile. Il genere, nato a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, non vede fra i protagonisti supereroi salvatori dell’umanità, bensì abili cuochi pronti a sfidarsi l’uno con l’altro a colpi di sushi, sashimi, ramen e quant’altro. L’esempio più noto e famoso è quello di Oishinbo, storia di un critico gastronomico e della sua passione per la cucina tradizionale.

Oishinbo-01

Un’idea, quella di ripercorrere la storia del Gourmet Manga, che non nasce per far felici solamente gli appassionati, ma anche in concerto con l’Expo 2015 dedicato appunto all’alimentazione. Non è però tutto, perché nel piazzale della Fabbrica del Vapore a inaugurare il Festival ci ha pensato la rassegna “Milano Matzuri 2014”, una festa di piazza organizzata dall’Associazione Italiana Ristoratori Giapponesi.

milano manga

Non solo sushi, però, ma anche street food ai gusti del Sol Levante: i primi due giorni della kermesse, infatti, hanno visto showcooking e workshop dedicati al cibo di strada giapponese. E infine la consueta e ricchissima proposta di manga e film animati provenienti dall’oriente, con screening in anteprima italiana e mondiali, concerti di band musicali a tema e percorsi artistici tutti da scoprire. Tra i più attesi, la proiezione in prima assoluta di Tokyo Slaves.

I commenti degli utenti