5 macedonie da provare per l’estate

14 giugno 2014

Il sole picchia, l’afa è soffocante e la sabbia si è infilata nelle scarpe: chi ha voglia di uno spuntino traboccante crema o cioccolato? Quasi nessuno: d’estate, al rientro dalla spiaggia o dopo aver attraversato l’asfalto bollente della città, la voglia di cibi pesanti tocca i minimi storici. con la bella stagione e il caldo niente è meglio di una rinfrescante macedonia Per uno spuntino l’unico desiderio è qualcosa di fresco e leggero: frutta. O meglio ancora, macedonia, che risolve in un colpo solo il fastidioso dilemma della buccia e la noia dell’enorme frutto da affrontare in solitaria. Della macedonia esistono innumerevoli versioni, a seconda dei gusti personali e della disponibilità del frigo: uno scrigno che, oltre a pesche e albicocche, potrebbe custodire anche yogurt, gelato o panna perfetti per guarnire la creazione. Il consiglio sarebbe di sbizzarrirsi con tutti gli ingredienti a disposizione; ma se cercate l’ispirazione, ecco qui 5 ricette di macedonie di frutta estiva.

  1. Banane mele pereClassica: banane, mele o pere, pesche e ananas nella versione fresca o sciroppata, melone se disponibile. Il segreto, come in ogni insalata di frutta, è preparare tutto con un certo anticipo: i frutti vanno tagliati a piccoli pezzi e lasciati macerare con zucchero e succo di limone per almeno un’ora (ma di più è meglio). Abbinamento consigliato: gelato alla vaniglia o al fiordilatte.
  2. Frutti rossiDi piccoli frutti. È l’ideale per l’inizio dell’estate o le vacanze in montagna: la giusta ricompensa per chi durante la passeggiata nel bosco ha fatto un buon raccolto, incurante dei rovi e delle ortiche che nascondevano quelle minuscole deliziose fragoline. Si radunano quindi in un’ampia ciotola more, ribes, fragoline di bosco, mirtilli e lamponi, puliti ma non necessariamente tagliati; si condiscono con abbondante zucchero di canna, succo di limone e, nella versione per adulti, qualche cucchiaio di rum già zuccherato. Da guarnire con uno sbuffo di panna montata o yogurt bianco di alta montagna.
  3. insalata di anguriaPer chi trascorre l’estate ad altitudini minori – e a temperature in crescita inversamente proporzionale – ci vuole una freschissima alternativa: anguria, melone e menta, con il dolcissimo contributo di qualche ciliegia o amarena denocciolata. Niente panna montata, che rischierebbe di appesantire e annullare la portata rinfrescante, ma provate ad abbinarla con un bicchierino di dolce granita al limone.
  4. Frutta tropicaleSe invece volete richiamare quella lontana vacanza alle Maldive o sulle coste del Madagascar, non potete rinunciare alla frutta tropicale. Al mercato è difficile che troviate il jackfruit o le enormi papaie africane, ma potreste ripiegare sulle più modeste cugine sudamericane e fare qualche nuova scoperta curiosando nei negozietti etnici in città. Ad esempio la carambòla, frutto dalla sezione a stella, dolce e aspro, ben si abbina a papaia, mango, ananas e uva: addolcite il mix con zucchero di canna e aggiungete del cocco grattugiato per chi lo gradisce. Si può anche arricchire con una vinaigrette di lime (o limone) e vaniglia: per prepararla basta spremere il succo dell’agrume, aggiungere lo zucchero e i semini interni ai baccelli di vaniglia e mescolare bene.
  5. Macedonia con gelatoPer tutto l’anno. La macedonia potrà tenervi compagnia anche quando la bella stagione se ne sarà andata. Per un’insalata di frutta adatta in ogni momento potete procedere così: la base è costituita da mele e banane, che si trovano tutto l’anno; aggiungete spicchi d’arancia, di clementine (in stagione), piccoli pezzi di kiwi e gherigli di noci a volontà. Si può addolcire con lo zucchero o con del miele leggermente diluito in acqua tiepida. Per i più golosi: provate ad aggiungere cioccolato fondente tritato in piccoli pezzi o in gocce, oppure affiancate qualche cucchiaio di gelato alla stracciatella.

I commenti degli utenti