Panineria Pigneto con Speakeasy apre a Roma

24 giugno 2014

Oggi è una data da segnare sul proprio calendario, soprattutto se si è golosi di nuove aperture. Rimandate pure gli appuntamenti precedenti e stasera fate un salto al Pigneto perché, in uno dei quartieri gastronomicamente più effervescenti, aprono i battenti ben due nuove realtà. Premiata Panineria Pigneto e Spirito (Via Fanfulla da Lodi 53). Ma se l’uno è più goloso l’altro strizza l’occhio alla cocktailerie più dura e pura (a due passi dal nostro già amato CO.SO). Dietro questo progetto ci sono le menti argute di Massimo Innocenti e Agathe Jaubourg la cui fama di ideatori del Micca Club e del Bar ristorante Necci li precede.

Premiata Panineria Pigneto_Ph Livia Mucchi (2)

La Premiata Panineria Pigneto coniuga un pane realizzato ad hoc con le farciture più varie e pregiate. Non chiamatela semplicemente paninoteca gourmet. Come si conviene a un locale attento alla clientela, dei 6 panini in carta alcuni sono adatti a chi segue una dieta vegetariana e vegana. Ma non solo carne, pur accontentando i carnivori con hamburger di vitellone di razza marchigiana, il menu propone filetto di merluzzo o baccalà del Baltico. Le salse sono studiate per esaltare i sapori di ciascun ingrediente e per chi avesse bisogno di una dose in più di gusto ogni panino e modificabile in base ai propri capricci.  Non mancano piatti sfiziosi che aiuteranno anche gli stomaci più capienti a essere saziati: ci riferiamo alle chips realizzate con le patate a pasta gialla del Fucino o alle panelle con lime e pepe rosa (queste ultime possono essere inserite in un panino proprio come tradizione siciliana vuole).

Premiata Panineria Pigneto_Ph Livia Mucchi (3)

Non fatevi ingannare dall’ampio bancone neanche se siete amanti della pasticceria e vorrete fiondarvi sui dolci della casa. Il meglio è di là da venire: in senso letterale. L’insegna Carni Scelte non nasconde una cella frigorifera, anche se così sembrerebbe: subito sotto la scritta si apre la porta per avere accesso a Spirito. Un club, o meglio uno speakeasy (se non sapete di cosa stiamo parlando pensate all’epoca del proibizionismo e al modo clandestino in cui gli incontentabili si approvvigionavano di bevande alcoliche) riservato a chi ama bere con stile.

SPIRITO_Bar_Ph Livia Mucchi

La carta del locale parla chiaro è un luogo per gentlemen e signore discrete. Il pianoforte, la roulette e la bottigliera sono un piacevole contorno per la sala in cui si uniscono elementi di design e comodità. Per gli amanti dell’aria aperta, tanto più che siamo a giugno e la stagione più calda si avvicina, la terrazza esterna (60 coperti) è arredata con un arredamento informale e colorato in puro stile Pigneto. Non temete di sentirvi fuori luogo però, anche se non siete dei guru del bere miscelato potrete prenotate un tavolo e farvi guidare dai consigli esperti dei bartender. I locali non hanno ancora aperto e già abbiamo voglia di trascorrere qui una serata memorabile.

I commenti degli utenti