I segreti della conserva di pomodoro

21 luglio 2014

Lo dicono spesso anche i grandi chef: la semplicità vince su tutto. Che cosa c’è di più semplice e buono di una conserva di pomodoro con cui condire la pasta o la pizza fatta in casa? E avete mai provato a bagnarci il pane o assaggiarla così, al naturale? sempre più persone tornano a preparare le proprie conserve in casa, specialmente quella di pomodoro Mia mamma quando ero piccola diceva che faceva male mangiarla senza cuocerla, ma sospetto lo dicesse perché altrimenti le avrei finito il barattolo a cucchiaiate prima ancora che gli spaghetti fossero pronti. Oggi, sarà la crisi, sarà la ricerca continua di prodotti naturali e genuini, ma sempre più persone tornano a preparare le conserve come si faceva una volta: tra queste una delle più gettonate è quella di pomodoro, che preserva in barattolo tutta la bontà dell’estate. Qual è il segreto per farla in modo perfetto? Ho chiesto consiglio alle esperte di casa che ogni anno, alla fine dell’estate, trasformano in conserva chili di pomodori per tutta la famiglia. Non tutti saranno d’accordo con questi metodi perché ogni nonna e ogni mamma ha i suoi trucchi e le sue abitudini, ma può essere un buon modo per iniziare se vi state avvicinando alle conserve.

  • Per prima cosa: quali pomodori scegliere? I migliori sono i San Marzano (o perini da sugo), dalla forma allungata e dalla polpa profumata e carnosa. Meglio acquistarli in agosto, quando avranno raggiunto un maggior grado di maturazione. Assicuratevi che siano di un bel colore rosso acceso e che al tatto siano pieni e pesanti. san marzano
  • I pomodori devono essere lavati sotto l’acqua corrente.
  • Lasciateli asciugare stesi su un tavolo al sole per un paio d’ore prima di cuocerli. Se non avete spazio perché i pomodori si asciughino spontaneamente al sole, proseguite con il resto delle fasi: asciugateli delicatamente con un panno, tagliateli a metà e metteteli in una pentola in acciaio.
  • Evitate contenitori in alluminio perché altrimenti la vostra conserva avrà un leggero sentore di metallo.
  • Alcuni aggiungono sedano, carota, cipolla e altri aromi: seguite il vostro gusto. odori
  • I pomodori devono cuocere a fuoco medio per un’ora circa, in modo che siano completamente disfatti. Ricordatevi di girarli spesso, soprattutto all’inizio quando non hanno ancora perso liquido e possono rischirare di attaccarsi al fondo. san marzano
  • Regolate di sale; alcuni aggiungono anche lo zucchero, ma se i pomodori sono davvero maturi non è necessario correggerne in questo modo l’eventuale acidità.
  • Versate la conserva in un passaverdura e lasciate scolare per circa 30 minuti così da far diventare il sugo più denso.
  • Trascorso il tempo, passate e versate nei barattoli precedentemente sterilizzati. Non riempiteli fino all’orlo ma lasciate uno spazio di circa 1 centimetro.
  • Aggiungete qualche foglia di basilico fresco e chiudete il tappo. conserva al basilico

Per il passaggio conclusivo anche nella mia famiglia ci sono 2 teorie. Mia nonna mette tutti i barattoli in piedi dentro una pentola, copre con acqua, fa bollire per mezz’ora in modo da creare il vuoto e lascia raffreddare i barattoli nella pentola con l’acqua di cottura. Se, dopo questa procedura, nello spazio lasciato libero vedete dell’acqua vuol dire che non si è formato il vuoto e quindi è meglio consumare subito il pomodoro.

bollitura barattoli

Mia madre invece preferisce mettere le conserve in freezer e scongelarle in inverno al momento del bisogno: questo conserva al meglio il sapore del pomodoro che, altrimenti, bollendo due volte, può perdere di intensità. E voi come procedete?

I commenti degli utenti