Prima che sia tardi: cibi da provare in estate

23 agosto 2014

Mentre qualcuno ancora pianta l’ombrellone sulla spiaggia, altri sono già in fila per rinnovare l’abbonamento del tram;  prima che l'estate finisca, dobbiamo essere certi di aver mangiato tutti i frutti migliori di questa stagione  già da fine agosto le città ricominciano a popolarsi di abitanti frenetici e i pochi saggi che hanno rimandato le vacanze a settembre gongolano per il ritorno dei colleghi. Ma a prescindere dal termine delle ferie, il tramonto prima delle 8 di sera è un segnale inequivocabile: l‘estate sta finendo (cit.). Prima però di mettersi a preparare conserve di frutta e ortaggi, sperando di inscatolare gli ultimi raggi del sole, c’è ancora qualche possibilità di godersi i freschissimi cibi estivi. E se organizzaste una festa di arrivederci all’estate, ecco che cosa non dovrebbe mancare nel buffet.

  1. verdure estivePomodori, peperoni, zucchine e melanzane: sono ortaggi che ormai, grazie alle serre e ai supermercati, si trovano in ogni periodo dell’anno. Ma d’estate le varietà improvvisamente si moltiplicano e anche il profumo sembra farsi irresistibile: i pomodori camone, i dolci datterini, i San Marzano e i cuore di bue sembrano fare a gara per saltare dentro la borsa della spesa. Sino alla fine di settembre avete la possibilità di trovare anche ottime e piccole zucchine striate, magari corredate dal fiore, o le grandi melanzane ideali per completare, con il loro sapore delicato, qualunque piatto di verdure.
  2. La preparazione della vellutata di piselliPiselli, fave, fagiolini. Sono già spariti da qualche mese, ma con un po’ di fortuna al mercato potrete trovare ancora qualche legume fresco: le ultime fave, da mangiare cotte con il pomodoro o crude con il pecorino, e i fagiolini, ottimi in insalata con olio, sale e aceto balsamico.
  3. Frutta tropicaleFrutta in generale. L’estate, per molti, è sinonimo di frutta in abbondanza: e con gli ultimi caldi, cosa c’è di meglio di una fetta di anguria o di melone per rinfrescarsi? Per gustarla come si deve si consiglia il consumo in giardino, in conclusione di un’abbondante grigliata, o sul marciapiede vicino al chiosco che vende la frutta, al termine di una lunga passeggiata in città o sul lungomare.
  4. fichi verdiFichi. A giugno e luglio sembrava che non dovessero mai giungere a maturazione, ma ora sono arrivati e la loro abbondanza durerà appena per qualche settimana. È il caso di farne una scorpacciata, eventualmente accompagnandoli con qualche fetta di prosciutto crudo dolce o con un cucchiaio di formaggio morbido di capra.
  5. frutti di boscoFrutti di bosco. Anche i frutti di bosco avranno vita breve: more, lamponi, fragoline di bosco e mirtilli spariranno quasi completamente dal banco del fresco entro l’inizio dell’autunno. Approfittatene in ogni modo: se il cinema all’aperto ha ancora in programma qualche proiezione, portatevi una ciotolina di mirtilli da sgranocchiare.
  6. MacedoniaMacedonia. I frutti di bosco sono anche l’ideale per coronare qualsiasi macedonia. Preparate quindi le vostre insalate di frutta abbondando con le golosità di stagione: sono le ultime occasioni per evitare le pesche sciroppate e le ciliegie candite che troverete in qualsiasi composizione invernale.
  7. granita sicilianaGranite. Più rinfrescanti delle macedonie, ma ugualmente ricche di frutta, sono le granite: oltre alle classiche limone e caffè, cercate di provare quelle al fico, al gelso, al pistacchio salato o al maracuja. E se abitate nelle vicinanze della Capitale, sbizzarritevi con le grattachecche, magari arricchite da frutta fresca.
  8. insalataInsalate. Per quanto riguarda i pasti principali, prima che arrivino il freddo e la voglia di piatti caldi, è il caso di provare le insalate più ardite. Recuperate dalla dispensa tutti i cereali a disposizione, le spezie e le verdure di stagione: combinate il cous cous con lo zafferano e i gamberi, l’orzo con il mais e la curcuma, il farro con la feta e il riso basmati con la rucola e il pomodoro.
  9. Pulire il pescePesce di stagione. Pochi ne sono consapevoli, ma chi ha trascorso l’estate in un mare limpido e ricco di vita forse se ne è accorto: anche la pesca segue una certa stagionalità. Il mediterraneo in estate è popolato dalle sardine, dalle sogliole, dalle orate e dai dentici: il periodo da agosto a settembre è l’ideale per acquistare le triglie di scoglio, più pregiate di quelle di fango e decisamente più saporite.
  10. aragostaCrostacei. Per completare le ultime zuppe di pesce della stagione manca ancora qualche ingrediente: che ne dite dei crostacei? Fra luglio e agosto abbondano i granchi e gli scampi: aggiungete qualche pomodoro da sugo, una manciata di cozze, pepe appena macinato e olio extravergine di oliva, ed ecco pronto un ottimo conforto per le ultime serate d’estate.

I commenti degli utenti