A Rimini il Festival della Cucina Italiana 2014

30 agosto 2014

Tutto è pronto per la quattordicesima edizione del Festival della Cucina Italiana, in programma al Parco Terme Galvanina di Rimini, A Rimini c'è il Festival della Cucina Italiana, con approfondimenti su cuochi, pizza, pasta, street food al 5 al 7 settembre. Una grande kermesse per fare il punto sulla situazione dei cuochi e dei fornelli tricolore, con ristoranti a tema sugli ingredienti tipici e le peculiarità delle tradizioni regionali. Non mancheranno le scuole di cucina con i più quotati chef e personaggi – Gualtiero Marchesi, Gianfranco Vissani, Carlo Cracco, Gino Angelini, Fede e Tinto, Lorenzo Ercole e Andy Luotto – così come percorsi di degustazione abbinati all’acqua minerale Galvanina e alla sue bibite biologiche.

Programma e percorsi

parco_galvanina

Patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna, il Festival vuole trasformare Rimini nella capitale del cibo italiana, anticipando l’approfondimento dell’Expo 2015 di Milano. Una kermesse del gusto che si estende su oltre 10.000 metri quadrati, fondata sull’enogastronomia tricolore tra degustazioni, incontri con produttori e cuochi, ma anche musica, spettacoli, convegni e benessere.

vissani

Gianfranco Vissani

Tante le declinazioni del Festival, sotto la supervisione del Maestro Gianfranco Vissani e di Gino Angelini, chef riminese di culto negli Stati Uniti, ospite d’eccezione della rassegna. Spazio anche ai premi nella serata di domenica 7, con la consegna del Premio Nazionale Galvanina a quattro personalità di spicco: Gualtiero Marchesi per il nuovo corso impresso alla gastronomia italiana, Carlo Cracco per la cucina, Fede e Tinto di Rai Uno e Decanter di Rai Radio 2 per i giornalismo, Lorenzo Ercole per l’imprenditoria food con Saclà. Diverse le declinazioni degli eventi, come riportato di seguito:

  • Festival della cucina di strada: un lungo approfondimento sul ruolo dello street food nella cucina moderna, con attenzione alla qualità dei prodotti ma anche ai piatti tipici dello Stivale, dagli arrosticini di pecora abruzzesi al cono di pesce fritto e alla piadina romagnola;
  • Festival della pasta: un grande ristorante per gustare il prodotto principe italiano in tutte le sue varianti, dai tortelli di burro e salvia ai cappelletti bolognesi, il tutto con il giusto abbinamento di vino e birra;
  • Festival del pesce: i prodotti ittici tricolore con tracciabilità garantita, con i portavoce dei pescatori di Mazara del Vallo e proposte dai gamberi rossi ai mitili crudi e le ostriche;
  • Festival dei mastri carnaioli: tutto sulle eccellenze della carne italiana, dalla Chianina toscana al culatello, presentati dai maestri macellai come Simone Scozzese. Spazio anche all’originale Salumoterapia di Ivan Albertelli, con abbinamenti di bollicine per ogni carne;
  • Festival della pizza: tutti i segreti e le farciture del prodotto italiano più conosciuto al mondo, grazie all’esperienza del ristorante Pomod’Oro di Rimini;
  • Festival del bere etico: uno sguardo alle bibite bio, dai succhi 100% di frutta alla verdura biologica passando per la birra artigianale, per bere in armonia con l’ambiente e il corpo;
  • Festival dell’acqua salutare: a margine del Festival verrà riaperto il reparto di cure idropiniche del parco: il pubblico potrà bere le acque termali e digestive della Galvanina e imparare quanto l’acqua sia importante per il benessere dell’organismo.

L’evento si completa con una scuola di cucina – 9 appuntamenti con lezioni semplice e pratiche, con uno sguardo anche all’universo vegetariano e vegano – e con il Festival della Musica, con l’attore e comico Andy Luotto a intrattenere il pubblico. Spazio anche ai bambini, con un parco divertimenti, zucchero filato, gelato e succhi bio.

I commenti degli utenti