Sapete come cresce la frutta?

3 settembre 2014

Prendete un casco di banane e capovolgetelo: è così che i frutti crescono sulla pianta. Ebbene sì: dopo decenni di coloratissimi spot e di ballerine dal sapor latino, abbiamo dato per scontato che la banana crescesse sull’albero così come la vediamo dal fruttivendolo. Qualcuno ci ha evidentemente tratto in inganno ma, senza bisogno di scomodare il complottismo, raccogliete i cocci delle vostre convinzioni infrante e preparatevi a conoscere tutta la verità su come cresce la frutta.Non tutta la frutta cresce sui rami degli alberi, qualche varietà cresce sotto terra, altre direttamente sul fusto. L’ananas, ad esempio, si erge sulla cima di arbusti di ridotta altezza, dalle foglie lunghe e strette, simili all’aloe. Le arachidi, invece, non si trovano sull’albero così come da facile analogia alle noci, bensì si formano sottoterra: in superficie emerge solo una fitta vegetazione erbacea, alta dai 30 agli 80 centimetri. E che dire del caffè? I chicchi sono contenuti in una bacca appesa al tronco della pianta e non ai suoi rami. Non è però tutto, poiché la lista delle verità che il vostro ortolano ha ben pensato di tenervi nascosta è virtualmente infinita. Meloni e angurie crescono a livello del suolo, in modo molto simile alle zucche. I kiwi, invece, nascono da arbusti delicati e simili delle viti, tanto esili da necessitare di un’apposita struttura per il loro sostegno. E se il mistero non fosse sufficientemente intricato, basti sapere che l’Italia è uno dei primi produttori mondiali di kiwi, sebbene il frutto non nasca per vivere in un clima mediterraneo e necessiti di una quantità abbondante di acqua che spesso scarseggia in Italia. Infine, una chicca sempre sui caschi di banane, molti di voi da oggi saranno traumatizzati dal reparto frutta del supermercato: le coltivazioni di banane sono l’habitat preferito della Phoneutria nigriventer, uno dei ragni più velenosi al mondo.

I commenti degli utenti