Al cinema per Amore, Cucina e Curry

2 ottobre 2014

Un romantico paese sperduto nelle campagne a sud della Francia fa da sfondo alla vicenda di un giovane cuoco indiano. Appassionato, di grande talento, forte di una famiglia unita e del patrimonio più importante: i diversi blend di spezie tramandati da generazioni. Gli altri ingredienti di questo drama comedy dello svedese Lasse Hallström sono l’amore, l’incontro e scontro tra culture diverse, la cucina tradizionale – con una divertente quanto poco reale tappa nel mondo delle sperimentazioni molecolari – e le stelle della guida Michelin. “Le stelle in Francia sono sacre […] Una stella è buono. Due stelle è ottimo. Tre stelle… Tre stelle sono per gli Dei“, dirà una delle protagoniste per spiegare agli stranieri il senso dell’icona.

Amore, Cucina e Curry

Esattamente com’era successo nel fortunato Chocolat dello stesso regista, in Amore Cucina e Curry Hallström racconta con regia sognante e delicata la vicenda di un outsider che trova accoglienza in una comunità che inizialmente non lo accetta. Lo fa grazie a pietanze e sapori radicati nella sua storia ma contrastanti fino alla trasgressione con il contesto sociale. Il percorso da qui in poi è noto, non c’è nessuna grande novità o colpo di scena inaspettato.

Amore, Cucina e CurryC’è però una favola ben scritta e ben girata e una recitazione sensibile, come quella del notevole Manish Dayal (nella parte del cuoco Hassam) e di Helen Miller (la sua più acerrima nemica). Hallström si è avvalso della sceneggiatura di Steven Knight ispirata dal romanzo Madame Mallory e il piccolo chef indiano di Richard C. Morais e di una produzione d’eccezione, firmata Steven Spielberg. In copertina vi proponiamo una clip del film in esclusiva per Agrodolce, in rete già disponibile il trailer ufficialeAmore, Cucina e Curry

Il film sarà nelle sale italiane dal 9 ottobre. Fortemente consigliato agli amanti del cinema romantico, ben confezionato.

I commenti degli utenti