Ristoranti d’Italia 2015: in diretta dal Gambero Rosso

17 novembre 2014

Ore 9.01: cosa rende tanto speciale la presentazione della Guida ai Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso 2015, che inizierà a breve in diretta liveblog su Agrodolce? Le polemiche, naturalmente. Utile ripetere: aggiornate spesso questa pagina a partire dalle ore 11.30, perché ne vedrete delle belle.

Perrotta Barra

Giancarlo Perrotta e Clara Barra

Ore 9.04. Una cosa bisogna dirla: i curatori della GR nazionale – Giancarlo Perrotta e Clara Barra – hanno il coraggio delle loro opinioni. Da sempre ci colpiscono con giudizi a volte poco condivisi dalla comunità del cibo ma taglienti, forti, a tratti dissacranti. I più grandi chef d’Italia, da Carlo Cracco a Davide Scabin, passando per Mauro Uliassi e Salvatore Tassa, hanno avuto momenti difficili a causa di forchette date, mai date o poi tolte e gli appassionati del giro, con gesti a volte plateali, si sono scagliati in difesa dei loro beniamini, alla ricerca di verità e giustizia. Insomma, se vogliamo, una cosa anche divertente.

Pier Giorgio Parini

Pier Giorgio Parini

Ore 9.06: vero è che la Guida del Gambero è quella che ha portato nell’Olimpo delle 3 forchette (riconoscimento più alto) cuochi giovani come Pier Giorgio Parini de Il Povero Diavolo di Torriana o Ilario Vinciguerra dell’omonimo ristorante di Gallarate, lasciando però a languire con una 1 sola forchetta, ragazzi piuttosto meritevoli come i fratelli Costardi dell’Hotel Cinzia di Vercelli. Insomma, come potete intuire, un bel po’ di trambusto è il minimo che ci aspettiamo.

Marco Martini

Marco Martini

Ore 9.10: trambusto per altro già iniziato grazie al dibattito che si è scatenato intorno a un ristorante romano, Stazione di Posta, subito dopo la presentazione della Guida di Roma a giugno scorso. Riassumo gli eventi.

Ore 9.11: il giovane Marco Martini – dopo varie e rilevanti esperienze in cucine stellate – guadagna il posto di primo chef a Stazione di Posta, ristorante nascosto all’interno dell’ex-Mattatoio di Roma, caratterizzato da un design moderno che manco a Berlino e da uno staff under 30 con gli attributi. Diventa in poco tempo uno dei locali più amati dai gourmet della Capitale. La guida GR Roma decide però di non inserirlo nell’edizione 2015. Non gli dà forchette né gamberi, non sceglie un voto basso e rinuncia persino a una pacca sulla spalla della serie: “il ragazzo si farà”. Niente. Stazione di Posta per la guida di Roma del Gambero Rosso 2015 semplicemente non esiste.

michelin2

Ore 9.12: l’onda d’urto di questa esclusione è violenta. Reazioni scomposte si accavallano sui social network contro i curatori. La decisione presa, sembra non trovare l’appoggio di nessuno. A dare forza e riverbero ai sostenitori di Marco Martini arriva poi la voce più autorevole di tutte: la Rossa Guida Michelin gli concede la preziosa stella.

Ore 9.13. Voi direte: “E quindi? Ormai Stazione di Posta è stato escluso dalla Guida di Roma 2015, cosa mai potrà succedere sulla guida nazionale dello stesso anno?“, e sbagliereste. Altre volte infatti, nella storia recente, il GR ha cambiato il proprio giudizio a distanza di pochi mesi, dalla guida di Roma a quella nazionale. Quindi: Marco Martini comparirà magicamente in guida Ristoranti d’Italia 2015? E con quale punteggio?

Guida

Ore 9.14: per questo e molto altro, aggiornate la pagina a partire dalle 11.30. Prima di andare avanti, un ripasso delle 3 forchette e 3 gamberi dell’anno 2014.

gambero rosso

Ore 12.03: Arrivo alle 12 alla Città del Gusto e puntualissimi, Barra e Perrotta danno il via alle danze. Abbiamo già la guida quindi ecco tutti i voti.

Ore 12.10: partiamo dalle 3 forchette. Osteria Francescana (Modena), La Pergola (Roma), Don Alfonso 1890 (Sant’Agata sui Due Golfi), Villa Crespi (Orta San Giulio), Le Calandre (Rubano), La Madia (Licata), La Torre del Saracino (Vico Equense), Laite (Sappada), Lorenzo (Forte dei Marmi), Dal Pescatore (Canneto sull’Oglio), Reale (Castel di Sangro), St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina (San Cassiano), Casa Vissani (Baschi), Devero Ristorante (Cavenago di Brianza), La Madonnina del Pescatore (Senigallia), Piazza Duomo (Alba), La Trota (Rivodutri), Ilario Vinciguerra Restaurant (Gallarate), Da Vittorio (Brusaporto), Il Povero Diavolo (Torriana), Romano (Viareggio), S’Apposentu a Casa Puddu (Siddi), Enoteca La Torre (Roma), Uliassi (Senigallia).

foto(30)

Ore 12.13. Interrompiamo la trasmissione dei voti per la notizia su Stazione di Posta: c’è e c’è con un punteggio di 77 e 1 forchetta. Complimenti a Martini e a tutto il suo gruppo. Sui misteri sopra citati torneremo poi.

Pino Cuttaia e Parini

Ore 12.15: incontro anche due raggianti 3 forchette, Pino Cuttaia e Pier Giorgio Parini.

Ore 12.17. La prima osservazione: scende Casa Vissani e torna alle 3 forchette il nostro Mauro Uliassi. Una guida redenta?

Ore 12.19: proseguiamo con i premi della guida Ristoranti d’Italia 2015. Ora tocca alle 2 forchette con 89 punti: Da Caino (Montemarano), Combal.Zero (Rivoli), Duomo (Ragusa), Miramonti L’Altro (Concesio), Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni (Bellagio), Enoteca Pinchiorri (Firenze).

uliassi torrente

Ore 12.20. Un 3 forchette incontra un 3 gamberi: Mauro Uliassi e Pasquale Torrente.

Ore 12.21. Le 2 forchette con 88 punti: Agli Amici Trattoria dal 1887 (Udine), Aminta (Genazzano), L’Angolo d’Abruzzo (Carsoli), Antica Corona Reale (Cervere), Antica Osteria Da Cera (Campagna Lupia), Arnolfo (Colle di Val d’Elsa), The Cesar dell’Hotel La Posta Vecchia (Ladispoli), Il Desco (Verona), Dolada (Pieve D’Alpago), Il Faro di Capo D’Orso (Maiori), Al Gambero (Calvisano), Già Sotto L’Arco (Carovigno), Giardino (San Lorenzo in Campo), Guido (Serralunga D’Alba), Guido Da Costigliole (Santo Stefano Belbo), Il Pagliaccio (Roma), Il Pashà (Conversano), La Peca (Lonigo), Pinocchio (Borgomanero), Quadri (Venezia), Quattro Passi (Massa Lubrense), La Siriola (San Cassiano), Zur Rose (Appiano), Symposium Quattro Stagioni (Cartoceto), Taverna Estia (Brusciano), La Tenda Rossa (San Casciano Val di Pesa), Villa Maiella (Guardiagrele).

Ore 12.28. Per finire ecco anche le 2 forchette con punteggio 87: 21.9 (Albissola), A’Anteprima (Chiuduno), La Bandiera (Civitella Casanova), Berton (Milano), La Ciau del Tornavento (Treiso), Cracco (Milano), Dolce Stil Novo alla Reggia (Venaria Reale), All’Enoteca (Canale), L’Enoteca (Macerata), Oliver Glowig (Roma), Kupperlrain (Castelbello Clardes), Zum Lowen (Tesimo), Lunasia del Green Park Resort (Tirrenia), L’Oliva del Capri Palace (Capri), La Parolina (Acquapendente), Il Patio (Pollone), Piccolo Lago (Verbania), La Primula (San Quirino), Il Ridotto (Venezia), Sadler (Milano), Sissi (Merano), Paolo Teverini (Bagno di Romagna), Vun dell’Hotel Park Hyatt (Milano).

la premiazione del ristorante Dao

la premiazione del ristorante Dao

Ore 12.33. I ristoranti etnici sono premiati con 3 mappamondi: a Roma trionfa Dao, a Milano il premio se lo aggiudica Iyo.

3 gamberi per Armando al Pantheon

3 gamberi per Armando al Pantheon

Ore 12.41: non sarebbe completa una guida del Gambero Rosso senza, appunto, i 3 gamberi dedicati alle trattorie. Ecco chi si è distinto in questa edizione: Angiolina (Pisciotta), Antica Osteria del Mirasola (San Giovanni in Persiceto), Antichi Sapori (Andria), Armando al Pantheon (Roma), Ai Cacciatori (Cavasso Nuovo), Consorzio (Torino), Al Convento (Cetara), Caffè La Crepa (Isola Dovarese), La Locanda delle Grazie (Curtatone), La Locandiera (Bernalda), La Madia (Brione), Osteria del Treno (Milano), Un Posto a Milano (Milano), Pretzhof (Val di Vizze), Sora Maria e Arcangelo (Olevano Romano), Tischi Toschi (Taormina), Vecchia Marina (Roseto degli Abruzzi), Osteria della Viletta dal 1900 (Palazzolo sull’Oglio).

giovanni milana

Ore 12.42: il nostro Giovanni Milana viene premiato con 3 gamberi per Sora Maria e Arcangelo.

del gatto

premiazione di del gatto

Ore 12.44: i proprietari di Del Gatto (Anzio) sono premiati con 3 bottiglie. Assieme a loro: La Baita (Faenza), Casa Bleve (Roma), Le Case della Saracca (Monforte d’Alba), Damini Macelleria & Affini (Arzignano), Al Donizetti (Bergamo), Lanzani (Brescia), Enoteca Marcucci (Pietrasanta), Ombre Rosse (Preganziol), Oste della Mal’ora (Terni), Picone (Palermo), Roscioli (Roma).

Ore 12.48: i 3 boccali per i locali attenti al mondo della birra vanno a Casa Baladin (Piozzo) e Open Baladin (Roma).

mauro uliassi

la premiazione di mauro uliassi

Ore 14.14: sulla sfilata delle 3 forchette, in chiusura alla lunga presentazione, l’accoglienza più calda è stata dedicata a Mauro Uliassi, rientrato e rivoluto a furor di popolo tra i ristoranti meritevoli del risultato più alto per il Gambero Rosso, le 3 forchette appunto.

guida gambero

Ore 14.18: grosso invece il dispiacere per di Salvatore Tassa, che rimane a 2 forchette. Per noi è sempre uno dei migliori.

Ore 14.40. Altra nota di colore: l’assenza inusuale di Gianfranco Vissani sceso di 3 punti. Le malelingue dicono che assenza e discesa siano connessi.

guida ristoranti d'italia 2015

Ore 15.01. Poco altro da dichiarare per questa edizione 2015: giusto un plauso per le due forchette meritate e finalmente riconosciute a Christian e Manuel Costardi.  Insomma, buona la partecipazione, atmosfera allegra, non troppo appassionata; qualcuno si prepara alla cena delle 3 forchette, altri raggiungono Eataly per celebrare i nuovi premiati e per quest’anno la questione guide termina così. Da Roma per ora è tutto.

I commenti degli utenti