Odio gli ignoranti a tavola, e altri 15 punti del pensiero di Maestro Marchesi

18 novembre 2014

Leggevo ieri la lunga intervista a Gualtiero Marchesi, il più importante cuoco italiano vivente, realizzata da Eleonora Barbieri per il Giornale, e sono rimasta davvero colpita. Da cosa? Dal fatto che il nostro Maestro 85enne ha idee chiare e taglienti, a tratti violente, più di un liceale in vena di rivoluzione, e che forse solo dall’alto di quegli anni e di quella esperienza ci si possa permettere di parlare senza filtro e dire cose come: “i clienti peggiori sono gli ignoranti”. Non so in quanti lo avrebbero detto. Forse Fulvio Pierangelini. Comunque, ho riletto l’intervista con occhi più attenti ed ho condensato tutto in 16 punti fondamentali del pensiero di Gualtiero Marchesi. 

  1. CompositoreMarchesi è figlio di albergatori e grande amante della musica. Per un periodo è stato persino combattuto tra la carriera di cuoco e quella di musicista. Ecco perché parla di sé come un compositore. Senza timore di sembrare eccessivo.
  2. Non è importante l’età biologica per imparare e migliorare. Egli stesso aveva 40 anni quando – con moglie e due figlie – decise di andare a imparare dai grandi chef in Francia.
  3. I francesi hanno una tecnica in cucina di gran lunga migliore degli italiani, soprattutto in termini di cottura degli alimenti.
  4. E gli italiani fanno tutto un po’ stracotto.
  5. Berton è un cuoco pignolo.
  6. Polo lopriorePaolo Lopriore è il migliore tra tutti i suoi allievi ed è l’unico vero artista della cucina italiana.
  7. Il Maestro festeggia i compleanni al ristorante di Carlo Cracco.
  8. Il Maestro ama le donne. E non ha niente contro le chef, anzi è stupito che ce ne siano ancora poche a governare le cucine. Anche noi.
  9. IpnotistaSe sei una donna e mangi al fianco di Gualtiero, potrà capitare di trovarlo a fissarti. È così infatti che capisce come sei a letto: da come mangi.
  10. Nasconde nello sguardo anche altre capacità sovrannaturali: solo guardando un piatto capisce se è perfetto, sale compreso.
  11. Al ristorante Trattoria ai Due Platani (provincia di Parma), fanno degli ottimi tortelli di zucca.
  12. Il Maestro vorrebbe rinchiudere radunare in vecchiaia tutti i grandi cuochi italiani dentro un solo ospizio. Noi ci prenotiamo per andare a mensa lì.
  13. I clienti peggiori sono gli incivili, i rozzi e i filistei. Filistei?
  14. Partecipare ai programmi in TV è sbagliato perché si comunica una cucina falsa.
  15. La cucina è una scienza.
  16. Il Maestro pensa di essere unico. Anche questo, lo pensiamo anche noi.

I commenti degli utenti