Come si ricava il succo di melagrana?

29 novembre 2014

C’è una fiaba popolare abruzzese, riportata da Italo Calvino ne Le Fiabe Italiane, che racconta di donne bellissime, bianche come il latte e rosse come il sangue, che vivono all’interno delle melagrane. uno dei modi più diffusi per consumare la melagrana è ottenerne il succo Si tratta di un topos diffuso in molte regioni del Mediterraneo, come la Turchia, dove le piante di melograno sono molto diffuse e amate. Perché le melagrane sono frutti affascinanti, che stimolano l’immaginazione, ma non solo. Uno dei modi più diffusi di consumare questo alimento è ricavarne il succo. In alcune zone d’Italia la sua produzione per la vendita al pubblico si è diffusa grazie a piccole aziende che cercano di valorizzarlo. All’albero di melograno è dedicato persino un piccolo comune in provincia di Lecce, Palmariggi.  Sono tanti i modi in cui si può ottenere il succo di melagrana a casa propria.

Spremitura

succo di melagrana

Tutto si basa sulla spremitura, tanto che esistono in commercio anche attrezzi da cucina dedicati. Se non se ne possiede uno, lo stesso risultato si può ottenere con utensili di uso comune. Prima di tutto è necessario eliminare la buccia: basta effettuare alcuni tagli verticali con il coltello, aprire il frutto e togliere i grani rossi che gli danno il nome – il termine deriva infatti dal latino malum granatum, ossia mela granata. I grani possono essere spremuti con uno schiacciapatate, in modo da separare facilmente il succo dai semi. Un metodo meno agevole, ma comunque efficace, prevede l’utilizzo di un colino e di un cucchiaio con cui schiacciare i semi e ottenere il succo filtrato. Per finire si può tagliare la melagrana a metà e spremerla con uno spremiagrumi, come si fa per un’arancia o un limone.

Benefici

succo di melagrana

Quale che sia il metodo per ottenerlo, il succo di melagrana fa bene alla salute per via della sua composizione. Il frutto in sé contiene anche molte fibre, che aiutano l’intestino a regolarizzarsi, ma si trovano nei semi, che sono però esclusi nel processo di realizzazione del succo; quest’ultimo ha in realtà un effetto astringente. Tra le sostanze contenute nel succo, vanno annoverate le vitamine A, B, C, E, K, flavonoidi e acido ellagico. Va da sé che la melagrana è portatrice di effetti benefici sull’organismo, perché protegge dall’invecchiamento, dai raffreddori, riduce il colesterolo cattivo ed è un gastroprotettore naturale.

I commenti degli utenti