Lacrime di coccodrillo: ecco le scuse di Buddy Valastro

2 dicembre 2014

Dopo l’arresto per guida in stato di ebbrezza, Buddy Valastro, meglio conosciuto come il Boss delle torte, fa mea culpa e chiede scusa sulla sua pagina ufficiale Facebook. Dopo essere stato fermato dalla polizia stradale per un controllo di routine, il pasticcere più famoso del mondo è risultato positivo all’alcool test ma non solo: avrebbe anche urlato ai poliziotti: “Non potete arrestarmi, io sono il boss delle torte”.

Buddy scuse

Questa sua ultima affermazione, in particolare, lo avrebbe messo in cattiva luce non solo di fronte alla polizia ma anche ai suoi numerosissimi fan. Quanto successo lo scorso 13 novembre, quindi, deve aver segnato davvero il pasticcere, ragion per cui, poche ore fa sulla pagina Facebook ufficiale del Cake Boss è comparso questo messaggio rivolto ai fan: “Voglio ringraziare tutti per il loro supporto. Voglio anche chiedere scusa a tutti. Mi dichiaro colpevole oggi perché volevo fare la cosa giusta. Ho imparato una lezione importante: se anche si beve un drink non si deve guidare. Pensavo di stare bene per mettermi alla guida, ma non era così. Ho messo le persone in pericolo. Sono molto deluso di me stesso. Non mi metterò mai più al volante di una vettura anche solo dopo un sorso. Le mie scuse più sincere alla mia famiglia, ai miei amici e fan”.

Basteranno le scuse a fargli riacquistare la stima e la fiducia dei suoi telespettatori?

I commenti degli utenti