Community Shops, nasce a Londra il primo supermercato sociale

18 dicembre 2014

Ha aperto i battenti lunedì scorso a Londra il primo supermercato sociale: si chiama Community Shops ed è rivolto a chi non riesce ad arrivare alla famigerata quarta settimana perché in condizioni economiche precarie. i clienti economicamente disagiati possono fare qui la spesa spendendo il 70% in meno In questo particolare supermercato, infatti, i clienti potranno fare la spesa spendendo il 70% in meno sui prodotti che sono offerti dalle grandi catene di distribuzione inglese come Marks & Spencer, Asda, Tesco, Morrisons, The Co-operative, Ocado, Innocent, Brake Brothers, Nestlé and Muller. Il market si basa soprattutto sulle eccedenze e sugli sprechi di cibo: ogni anno, infatti, sono oltre 3 milioni le tonnellate di derrate alimentari che vengono sprecate nel Regno Unito. Il 10% di queste molto spesso è ancora buono per essere mangiato ma a causa degli imballi danneggiati o per errori di etichettatura viene respinto. Community Shops, in questo senso, ridistribuisce le eccedenze alimentari.

community_shop_Lam_3137905b

Rivolto principalmente alle persone che sono economicamente disagiate e che per questo ricevono i benefit del governo inglese, Community Shops apre a un massimo di 750 persone membri della comunità locale. Lo scopo del supermercato sociale però, è anche quello – attraverso un programma chiamato The Succes Plan – di aiutare i cittadini aderenti a gestire il proprio denaro, cucinare cibo sano risparmiando e stilare un curriculum vitae affinché possano trovare lavoro. Un vero e proprio aiuto sociale, quindi, già sperimentato a Nord del Regno Unito lo scorso anno e che grazie al successo ottenuto (1 persona su 5 è riuscita a trovare lavoro), ha convinto la Company Shop Group ad aprirne una sede a Londra. Un obiettivo, quello del supermercato sociale, che ha trovato larga condivisione anche da parte delle amministrazione locali.

I commenti degli utenti