Domande ricorrenti: cos’è il kamut?

10 febbraio 2015

La prima cosa che c’è da sapere è che il Kamut non è un tipo di grano antico, ma solo il suo nome commerciale: il grano in questione è noto come Khorasan, dalla regione dell’Iran di cui è originario. si tratta di un grano duro dai chicchi grandi il doppio delle altre varietà diffuse nel mondo È un grano duro, dai chicchi grandi il doppio delle altre varietà coltivate nel mondo, con una bassa resa produttiva e poco resistente alle malattie. Nel corso dei secoli è stato accantonato a favore di altri tipi di grano, più redditizi per gli agricoltori; la leggenda vuole che alcuni chicchi provenienti da una tomba di un faraone di 4000 anni fa furono recuperati dopo la seconda guerra mondiale da un aviatore statunitense. Verosimilmente, i chicchi furono invece trovati al mercato, visto che si tratta di un tipo di grano ancora coltivato in Medio Oriente e in Nord Africa.

pasta integrale

Una volta coltivati negli USA, i chicchi ebbero un breve periodo di notorietà con il nome di grano del Faraone. Dopo 30 anni di oblio la famiglia Quinn ha recuperato alcuni semi e dato vita ad una produzione biologica, registrando quel prodotto con il termine kamut, da un geroglifico usato per indicare il grano. Nell’ultimo ventennio le coltivazioni biologiche hanno assunto sempre maggiore importanza, e le caratteristiche nutritive del Kamut, che contiene più proteine degli altri tipi di grano, hanno decretato il suo successo. Il prezzo di vendita e il fatto di essere un monopolio mondiale lo hanno reso uno straordinario business. Non è adatto a chi soffre di celiachia, in quanto il suo contenuto di glutine è pari o superiore a quello degli altri tipi di frumento.

I commenti degli utenti