10 oggetti da non mettere mai in lavastoviglie

18 febbraio 2015

Vi diamo alcuni indizi: da quando esiste avete sicuramente più voglia di cucinare, anche per una tavola stracolma di persone e quindi di portate. È ciò che vi permette di sedervi a chiacchierare dopo cena senza preoccupazioni, ma soprattutto di perdere il minor tempo possibile una volta andati via gli ospiti. le alte temperature e i diversi programmi di lavaggio rischiano di rovinare molti utensili Ci riferiamo alla lavastoviglie. Siamo certi non potreste proprio farne a meno, ma ci sono tante cosa da sapere sul suo funzionamento e tanti trucchi per fare in modo che questo prezioso elettrodomestico duri nel tempo. Con qualche accortezza in più potrete non solo salvaguardare la sua longevità, ma anche quella delle vostre stoviglie. Le alte temperature dell’acqua e i vari programmi di lavaggio infatti, rischiano di rovinare molti degli utensili che vi inserite. È per questo che, dopo avervi dato qualche consiglio utile su cosa non mettere mai nei vostri microonde, stileremo una lista delle 10 cose che vi converrà tenere lontane dalla sua portata e per cui vi consigliamo di ricorrere alle mani.

  1. bicchieri di vinoBicchieri di cristallo. Tra le cose da evitare di mettere in lavastoviglie ci sono i vostri bicchieri del servizio buono, quelli delle grandi occasioni. Il cristallo infatti soggetto ad alte temperature, tende a lungo andare a striarsi e potrebbe addirittura rompersi.
  2. cucchiai di legnoCucchiai e utensili in legno. Anche se sicuramente di minor valore, il legno e i collanti utilizzati per la realizzazione di tali utensili non sono fatti per la lavastoviglie. In quanto materiale poroso, il legno tende ad assorbire acqua e con il tempo può perdere sia il colore che la sua forma originaria.
  3. coltello paneColtelli con lame affilate. Se possedete coltelli professionali con lame adatte ai più disparati alimenti, vi consigliamo di evitare l’utilizzo prolungato della lavastoviglie per lavarli. Le lame infatti, di lavaggio in lavaggio, perderanno la loro funzionalità originaria.
  4. tazza anticaTazzine o piatti con inserti decorativi. Materiali come il ferro, il rame o lo stagno sono spesso rovinati dall’acqua a elevate temperature. Cercate di lavare a mano le tazzine decorate ereditate dalla nonna o qualsiasi tipo di tazza dipinta a mano, quindi più delicata.
  5. pentola di alluminioPentole in alluminio. È vero, lavare pentole di grandi dimensioni richiede un certo impegno, soprattutto per sgrassarle, ma è un vero peccato rovinarle. Le pentole in alluminio vanno purtroppo trattate a mano.
  6. Padella antiaderentePadelle antiaderenti. Questa non è una prescrizione severa, talvolta è consentito uno strappo alla regola, ma se volete che le vostre padelle e pentole antiaderenti abbiano una discreta durata nel tempo, evitate di sottoporle a questo stress.
  7. TupperwareContenitori di plastica. A meno che non si tratti di contenitori di plastica resistenti alle alte temperature o non vogliate creare delle fantasiose sculture post moderne, vi consigliamo di non inserire nella vostra lavastoviglie oggetti di plastica.
  8. pentoleUtensili in pietra ollare. La pietra ollare, materiale notevolmente usato per la realizzazione di pentole, piastre e utensili da cucina, è molto porosa ed è danneggiata dall’acqua calda e detergenti aggressivi.
  9. padella di ceramicaCeramica. Anche la ceramica, utilizzata per il rivestimento di padelle e casseruole, risulta troppo delicata per il lavaggio prolungato in lavastoviglie.
  10. mokaMoka. Se desiderate che il vostro caffè sia sempre perfetto, tenete lontana la moka dal sapone, suo nemico giurato; di conseguenza non fatevi venire strane idee: la moka lavatela sempre a mano con acqua calda e tanto amore.

I commenti degli utenti