La Brambilla e il coniglio: cibo o animale d’affezione?

25 febbraio 2015

Che i conigli siano animaletti simpatici e teneri non c’è dubbio alcuno, come si possono sollevare poche questioni riguardo la prelibatezza del coniglio all’ischitana o fritto alla maniera toscana; la brambilla propone di abolire la macellazione del coniglio in quanto animale da compagniavederli saltellare in giardino è divertente per i bambini, seguirli e coccolarli altrettanto. Alla stregua di altri animali domestici, sono in grado di fare compagnia e indubbiamente occupano meno spazio di un cane di grande taglia. Da qui alla proposta di legge firmata da Michela Vittoria Brambilla e depositata alla Camera nei giorni passati ce ne passa. La proposta era stata anticipata durante la manifestazione Conigliando&Friends, organizzata a Milano nella Cascina Cuccagna da AAE, l’Associazione Animali Esotici che si batte nella tutela di tutti gli animali considerati non convenzionali.

CAVIE

Anche il porcellino d’India è considerato un animale esotico

Quale sia la differenza tra convenzionale e non pone dei quesiti sottili a cui rispondere. Vero che in casa siamo abituati a convivere convenzionalmente con animali d’affezione, come cani, gatti, pappagalli, criceti o pesci rossi; vero anche che siamo abituati a mangiare agnello, pollo, vitella e maiale. La differenza tra queste due categorie di animali non risiede nel convenzionale o meno, quanto semmai nell’abitudine a coccolarli teneramente.

La Brambilla coccola una nutria

La Brambilla coccola una nutria

La Brambilla chiede che venga abolita la macellazione dei conigli, che se ne impedisca l’allevamento per la vendita di pelliccia e carne. Senza entrare nel merito delle questioni di scelta alimentare, vegetariana o flexitariana, la domanda che si affaccia per prima nella mente di chi legge la notizia apparsa oggi sui quotidiani è: ma perché i cavalli non sono animali a cui affezionarsi? Raccontatelo a George Clooney che ha convissuto con un maialino vietnamita Max, che peraltro ha pure volato sul jet privato di John Travolta.

shutterstock_254980561

I conigli sono animali docili e belli da vedere, pure da accarezzare, ma allora chi ha nella bolla un pesce rosso dovrebbe chiedere la soppressione degli allevamenti di carpe? D’accordo, il pesce rosso non è molto collaborativo ma ci si affeziona pure a lui, vero anche che le carpe non sono bellissime esteticamente ma la bellezza è negli occhi di guarda, diceva qualcuno. Sono solo questioni geografiche e culturali quelle che ci spingono a non mangiare cani o gatti; tanti bambini della mia generazione sono cresciuti con un porcellino d’India (volgarmente, cavie) eppure la cucina peruviana li elegge a ingrediente prelibato come gli istrici o i porcospino.

shutterstock_250314976

Un pulcino dalle tenere piume giallicce prima o poi diventa pollo o gallina, a qualcuno è mai venuto in mente di chiedere l’abolizione della pollicoltura? Ora solo perché i maiali grugniscono nella sporcizia non potrebbero essere animali a cui affezionarsi? Senza voler asservire la natura a meri scopi commerciali, siamo ragionevoli: ogni animale è bello e tanti sono anche buoni da mangiare, a ciascuno di noi la scelta.

I commenti degli utenti