I migliori piatti di Chef e Pizzachef Emergente Centro-Sud

3 giugno 2015

Stravince il Centro Italia con due ex aequo sia per la categoria Chef che per quella Pizzachef Emergente al Cooking for Art 2015 che si è tenuto al Circolo Canottieri di Napoli. Due coppie di giovanissimi si contenderanno il titolo durante la gara finale del 5 ottobre alle Officine Farneto a Roma. Ancora una volta un boom di presenze alla kermesse creata da Luigi Cremona e Lorenza Vitali con il team di Witaly.

Nikita Sergeev e Gianfranco Bruno

Nikita Sergeev e Gianfranco Bruno

Mattia Lattanzio di Pipero al Rex e Nikita Sergeev del ristorante L’Arcade di Porto San Giorgio sono i due Chef Emergenti del Centro Italia, mentre Elio Santosuosso de La Gatta Mangiona e Pier Daniele Seu di Gazometro 38 sono i Pizzachef Emergenti sempre del Centro. Per il Sud Italia passano alla fase finale lo chef lucano Gianfranco Bruno del ristorante Lo Scrigno dei Sapori di Forenza ed il pizzaiolo Fabio Cozzolino di 50 Kalò di Napoli.

Pier Daniele Seu ed Elio Santosuosso

Pier Daniele Seu ed Elio Santosuosso

Un’edizione ricca di sorpresa ma anche di tante delusioni: nella categoria Chef nessun campano è riuscito ad accedere alla finale del 1 giugno. L’emozione gioca brutti scherzi, troppa tensione e ricette azzardate. Ma sono emersi anche tanti nuovi talenti, di cui si sentirà presto parlare, come Giuseppe Raciti, chef dello Zash, unico siciliano in gara, Andrea Giuseppucci de La Gattabuia di Tolentino e il pizzaiolo Gianluca Graci di Sarda Salata, Pizza e Spaghetti di Licata. Ma veniamo ai piatti più interessanti della manifestazione, sia per le creazioni degli chef che dei pizzaioli.

  1. Torta frangipane alle mandorle, stracciatella di bufala, sfere di sorbetto all'amarena ricoperte di cioccolato fondente e polvere di lamponi di Nikita SergeevIl dessert di Nikita Sergeev: il giovane chef ha chiuso la sua performance con un dolce costituito da stracciatella di bufala, frangipane alle mandorle, sfere di sorbetto all’amarena in crosta di cioccolato fondente e polvere di lamponi.
  2. Meringa salata al cetriolo rotondo, spuma all'olio al tabacco e salsa zuccarancia di Gianfranco BrunoMeringa salata al cetriolo rotondo, spuma all’olio al tabacco e salsa zuccarancia di Gianfranco Bruno: un piatto molto fresco, piacevole, adatto sicuramente come amuse bouche in un menu degustazione.
  3. Il cannolo di carbonara di Mattia LattanzioLa carbonara rivisitata di Mattia Lattanzio: Mattia ha deciso di rendere onore ad uno dei piatti culto di Pipero al Rex, la carbonara, presentata in un cannolo di pasta stracotta e reso croccante con crema di parmigiano e pecorino, tuorlo d’uovo cotto, congelato e grattugiato e guanciale croccante macinato.
  4. Parodia di un'insalata di seppia di Andrea GiuseppucciParodia di un’insalata di seppia di Andrea Giuseppucci: questa ricetta sembra quasi un riferimento alla Seppia sporca di Mauro Uliassi ma non lo è. La seppia viene cotta nel sottovuoto a 60°, il fondo è un sugo stracotto ottenuto dalle parti interiori della seppia, con aggiunta di pasta di piselli, zenzero candito ed erba ostrica.
  5. Arancino di alici di Giuseppe RacitiL’arancino di alici di Giuseppe Raciti: è un siciliano doc che con un solo piatto riesce a lasciare a bocca aperta tutta la giuria, compreso lo chef Gianfranco Vissani. Raciti in finale ha presentato un arancino di alici a beccafico, con maionese di fave, finocchietto selvatico e limone. Panatura perfetta, cottura ad hoc, risultato eccellente.
  6. La pizza con carciofi, capocollo e fior di latte di Fabio CozzolinoFabio Cozzolino: cugino di Ciro Salvo, lavora con lui nella pizzeria 50 Kalò. Ha portato in gara un cult della pizzeria di Piazza Sannazaro, la pizza con carciofi, capocollo e fior di latte.
  7. Elio Santosuosso: salernitano di nascita, romano d’adozione, Elio da qualche anno è approdato alla corte di Giancarlo Casa a Roma. Una delle migliori pizze presentate in gara è quella con salsa di pomodoro preparata alla maniera classica con aggiunta di peperoncino, limone e frutti di mare in uscita.
  8. Pizza con alici, formaggio, mix di erbe e zeste di arancia di Pier Daniele SeuPier Daniele Seu: la pizzeria Gazometro 38 ha solo tre mesi di vita, ma Pier Daniele è stata una vera rivelazione, partecipando alla competizione con una pizza con alici, formaggio, mix di erbe spontanee e zeste di arancia.
  9. La margherita con impasto all'acqua di mare di Guglielmo VuoloFuori gara, grande successo delle pizze di Guglielmo Vuolo, storico pizzaiolo attualmente in opera ad Eccellenze Campane. Alla kermesse ha portato le sue pizze realizzate con acqua di mare senza aggiungere sale, un rimedio che dà all’impasto la giusta sapidità senza alterarne il gusto, adatto soprattutto a chi ha problemi di ipertensione.

I commenti degli utenti