L’alimento del futuro? La farina di grillo

8 giugno 2015

Loro si chiamano Elliot, Matt, Peter e Max e sono quattro giovani americani che hanno aperto a Van Nuys, in California, la Coalo Valley Farms, la prima azienda in tutti gli Usa che produce farina di grillo a scopo alimentare. La commercializzazione inizierà tra qualche mese e costerà 90 dollari circa al chilo. I giovani che hanno trasformato una scommesso in un vero e proprio business sono certi che questa particolare farina “cambierà le nostre abitudini alimentari”. Ecosostenibile e nutriente, la farina di grillo sarà venduta sia ai privati che a ristoranti e aziende alimentari.

farina di grillo

Sono dunque gli insetti il cibo del futuro? Per molti è così. Sono economici ed ecosostenibili e per questo gli scienziati sono certi che li ritroveremo ben presto sulle nostre tavole. Oltre agli scienziati che vedono negli insetti l’alto potere nutriente (ricchi di proteine, sali minerali, ferro e zinco e colesterolo pari a zero), sposano la causa anche gli ecologisti che puntano tutto sulla facilità di allevarli in poco spazio e con poche risorse. Infine anche alcuni grandi cuochi sono affascinati dalla possibilità di sperimentare nuovi gusti e consistenze. Secondo la Fao sono 1900 le specie di insetti commestibili tra cui cavallette, vespe, formiche, ragni, bruchi e coleotteri. Voi li mangereste?

I commenti degli utenti