I piatti migliori di Taste of Milano

9 giugno 2015

Un’altra estate, un altro Taste: per il quinto anno consecutivo a Milano sono andati in scena i piatti dei migliori ristoranti della città e non solo. quest'anno a taste of milano sono passati moltissimi chef, abbiamo scelto di mettere in classifica i 5 migliori piatti dei giovani ristoratori d'europaLa sala più grande del Taste of Milano 2015 è stata riservata ai rappresentanti italiani dei Jeunes Restaurateurs d’Europe, gli unici a tenere la postazione per due giorni durante l’evento, per poi lasciare spazio ai colleghi. Fra ristoranti dalla Campania alla Valtellina, alla ricerca dei più promettenti talenti della cucina italiana, abbiamo assaggiato piatti come il risotto con formaggi acidi e sarda di lago essiccata di Davide Botta (del ristorante L’Artigliere), la punta di spalla di manzo di Sookar Vinod e Antonella Ricci (Al fornello da Ricci), i pizzoccheri alla valtellinese di Andrea Tonola (Lanterna verde), le alici con accenni di limone e peperone di Marcello Leoni (Home Kitchen Atelier), l’ottimo macaron salvia, rosmarino e tartufo nero di Eugenio Boer (Essenza), lo sgombro di Giuseppe Iannotti (Kresios) e molto altro. Scegliere i 5 miglori assaggi è stata un’impresa degna dei Titani, uno sforzo del palato forse mai eguagliato ma alla fine ce l’abbiamo fatta: ecco i migliori piatti dei Jeunes Restaurateurs d’Europe al Taste of Milano 2015. 

 

  1. paninoPanin’ovino, di Valerio Centofanti, del ristorante L’angolo di Abruzzo a Carsoli, provincia dell’Aquila. Il riassunto in pochi morsi il gusto dei pascoli, con la porchetta di pecora (una piccola aggiunta di grasso di maiale è concessa, per legare tessuti e sapori), l’agrodolce della confettura di cipolle rosse e la leggera acidità della maionese.
  2. 2 coniglio con cavolo cinese, salsa di fegatini e ostricheConiglio, cavolo cinese, salsa di fegatini e ostriche di Alberto Faccani, di Magnolia Ristorante, a Cesenatico. La dimostrazione che mari e monti possono accordarsi in qualcosa di più che in un risotto o una pizza, e soprattutto che possono farlo lasciando che gli ingredienti si esaltino l’un l’altro, in una rincorsa di profumi fra il coniglio rosato, la leggera acidità del cavolo cinese, i fegatini che riportano con i piedi per terra.
  3. Polpo Ilario VinciguerraAltro piatto degno della nostra massima attenzione è questo Polpo alla plancia e il suo brodo, di Ilario Vinciguerra dell’omonimo ristorante. Già lo scorso anno, questo giovane cuoco del sud di stanza a Milano ci aveva colpito e quest’anno si è riconfermato tra i nostri preferiti.
  4. Corteccia di Cristiano TomeiIl pino della corteccia e il sapore succulento della carne rossa tagliata a straccetti è il famoso piatto di Cristiano Tomei, Corteccia, di cui si è già parlato parecchio. L’assaggio naturalmente non delude e il piatto si guadagna il secondo posto di questa nostra classifica, aspettando di tornare a Lucca, nel suo splendido ristorante L’imbuto.
  5. 1 orzotto rosa al sangueOrzotto rosa al sangue di Christian Milone, della Trattoria Zappatori, a Pinerolo. Il più creativo e il più narrativo dei piatti dei Jeunes Restaurateurs d’Europe al Taste of Milano 2015: racconta una storia di cucina di montagna, di una rosa colta, di un dito punto e di radici affondate nella terra. Anche per chi sul floreale è solitamente scettico, impossibile negare il matrimonio riuscito fra il forte aroma delle rose e quello della barbabietola: è la combinazione riuscita della sapidità, del profumo, della persistenza piacevole e che si continua a cercare anche dopo l’ultima cucchiaiata.

6 Santo Marcellin

Santo Marcellin

Menzione speciale: il Santo Marcellin, nuvola di St. Marcellin, croccante di miele e lime, verdure croccanti agli agrumi, di Jérémy Galvan, del ristorante L’Éphémère di Lione. Come rendere appetibile un formaggio quando il solo pensiero porta a sudare caldo? Stemperandolo con un biscotto dolce al limone, con verdurine fresche e rendendolo leggero come una nuvola di panna montata – ma gustosa come solo un formaggio del sud francese. Materie prime locali e freschissime, anche se fuori classifica perché in arrivo dalla Francia.

I commenti degli utenti