11 buoni motivi per mangiare un gelato

23 giugno 2015

Con l’arrivo dell’estate torna anche la stagione del gelato, rinfrescante e nutriente, è ottimo per trovare un po’ di sollievo dall’afa e dal caldo di questa stagione, oltre a essere un piacere per il palato. È diventato un vero e proprio rito, una dolce pausa capace di soddisfare la voglia di qualcosa di buono e rinfrescante. Da gustare all’aria aperta, passeggiando oppure stando seduti ai tavolinetti all’aperto delle gelaterie o dei bar, il gelato mette sempre d’accordo tutti. È prodotto principalmente con latte, uova e zucchero, ingredienti base ai quali sono aggiunti gli altri ingredienti che caratterizzano ogni singolo gusto come cacao, cioccolato, yogurt, miele, panna, caffè, frutta secca (pistacchi, mandorle, nocciole…) e così via. Il gelato alla frutta, invece, può essere prodotto anche senza latte e risultare così meno calorico.

gelato

Il gelato è un alimento altamente digeribile che, però, ha un indice di sazietà piuttosto basso e, dunque, il suo consumo deve essere attentamente valutato per poter sfruttare al meglio le sue qualità. pur essendo altamente digeribile, il gelato non è in grado di saziare a lungo e il suo consumo va valutato In realtà non esistono alimenti buoni o cattivi, ma per ogni cibo bisogna sempre tenere a mente le regole del mangiar sano: varietà nelle scelte alimentari, equilibrio e moderazione e in ciò non fa eccezione il gelato. Può essere consumato in qualunque momento della giornata: a merenda, in alternativa al pranzo o come legittima conclusione di una lunga giornata; l’importante è imparare a fare i giusti abbinamenti, rispettare le quantità e magari recarsi nella gelateria di fiducia, per essere certi della qualità e della freschezza delle materie prime utilizzate, o provare ad addentrarsi in una preparazione casalinga che consente un’accurata selezione in prima persona degli ingredienti, dal latte alla frutta. Vediamo insieme 11 ragioni per cui gustarsi un buon gelato non è solo una cosa buona e giusta, ma una gran bella idea.

  1. mangiare gelatoPerché tira su il morale e fa bene allo spirito. Il gelato fa bene all’umore e trasmette un piacere psicofisico. La forte sensazione emotiva di piacere e felicità, quando si gusta un gelato, è legata indubbiamente all’immagine che ognuno di noi ha di questo prodotto, ma è soprattutto riconducibile ad alcune sue caratteristiche particolari, quali la dolcezza e la cremosità, la freschezza, la sua consistenza soffice e vellutata, ma anche, talvolta e per contrasto, croccante e dura, soprattutto nel gelato che è fatto di tante componenti diverse come il biscotto, il cioccolato a pezzi, la granella di nocciola e di mandorla. Per tutti questi motivi il gelato produce benessere, energia, vitalità e voglia di vivere.
  2. Gusti di gelatoPerché ci offre un momento di convivialità. Mangiare l’alimento principe dell’estate non solo è gratificante, ma può diventare anche un momento di socializzazione, e non potrebbe essere altrimenti visto che il gelato vanta una dimensione davvero estroversa, capace com’è di divertire, creare aggregazione e momenti di svago.
  3. dolci-gelato-squaqueonePer le sue caratteristiche nutrizionali. È fonte di proteine a elevato valore biologico; di zuccheri come lattosio e saccarosio e il fruttosio della frutta, zuccheri a rapido assorbimento che danno energia di pronto utilizzo; contiene i grassi che gli conferiscono morbidezza e palatabilità e possono essere di origine animale o vegetale. Bisogna però fare attenzione all’eventuale presenza di grassi idrogenati, evitando in questo modo anche gli indesiderabili acidi grassi trans. Nel gelato sono presenti anche vitamine e sali minerali, che possono variare in funzione del gusto di gelato che si sceglie: vitamine A e B2, calcio e fosforo provenienti dal latte e dalla panna; potassio e vitamina C dalla frutta; vitamina E ed acidi grassi polinsaturi dalla frutta oleosa; possiamo trovare anche elementi antiossidanti provenienti dal cacao e dal caffè. Se poi aggiungiamo il cono o un paio di cialde o un biscotto, che sono a base di cereali, la composizione nutrizionale del gelato si arricchisce di amido, diventando così più completa. Anche l’acqua è una componente importante, infatti il gelato è in realtà è un liquido che è portato allo stato solido tramite il freddo. La quantità di acqua presente in un gelato varia, i gelati alla frutta ne hanno più di quelli alla crema mentre sorbetti, ghiaccioli e granite ne hanno più di tutti.
  4. coni gelatoPer viziarsi senza sentirsi in colpa. Se inserito nelle giuste quantità all’interno di una dieta varie e bilanciata, il gelato è un alimento che può essere mangiato senza troppi sensi di colpa per la nostra linea. Può apportare dalle 100 kcal (coppetta alla frutta) alle 300 kcal per gusti come nocciola e cioccolata. È un alimento completo che può sostituire il pranzo nelle giornate molto calde e può addolcire spuntini, merende e dopocena se preso in piccole quantità. Mentre se si decide di essere super light si può sempre optare per un ghiacciolo fatto in casa. Per regolarsi con i gelati confezionati, invece, basta leggere l’etichetta e non eccedere con le calorie. Quindi l’importante è scegliere le occasioni di consumo più adatte e i giusti alimenti da consumare in abbinamento. Senza mai dimenticare che quando parliamo di alimentazione, il piacere e il senso di appagamento a tavola sono fondamentali per mantenere un rapporto equilibrato con il cibo e un gelato può aiutare psicologicamente ad affrontare meglio una dieta.
  5. Gelato invernalePerché non passerà mai di moda. Il gelato è diventato negli anni un prodotto di consumo quotidiano, da tenere sempre in casa e da gustare in qualsiasi stagione dell’anno: chi non ha almeno una vaschetta di gelato nel freezer? Dal vecchio e caro gelato al cioccolato, magari nel barattolo, agli attuali gelati gourmetil rischio di essere fuori moda è impossibile.
  6. mamma e figlia mangiano il gelatoPerché ci fa tornare bambini. Il gelato permette a tutti di fare un salto indietro nel tempo e tornare all’infanzia: il gelato è qualcosa che ci rendeva felici da bambini. Al di là del piacere dovuto alle caratteristiche organolettiche, c’è anche questo aspetto psicologico, una piccola coccola che ci prendiamo e che ci fa tornare ai tempi dell’adolescenza, quando il gelato era un momento importante, poiché l’arrivo della stagione dei gelati indicava, soprattutto, l’arrivo dell’estate, la fine della scuola, le vacanze, le scorribande con gli amici, il mare e la spensieratezza.
  7. gelato al basilicoPer provare nuove esperienze di sapore. Negli ultimi anni sembra essere scoppiata una vera e propria sfida finalizzata alla creazione di gelati o abbinamenti sempre più particolari e insoliti: entrando in una gelateria può capitare di trovare tra i gusti peperone, parmigiano, zafferano, rosa, birra, gelsomino, cipolla…. E sono solo alcuni esempi. Le nuove proposte sono tante e sfiziose tanto che un gelato al cioccolato può sembrare old style, ma si sa, al cuore non si comanda e non si rinuncia mai al gusto che ci accompagna oramai da sempre, che ci ha stregato la prima volta e al quale abbiamo giurato eterna fedeltà.
  8. gelato da asportoPer ravvivare le cene estive. Cosa c’è di meglio che un buon gelato rinfrescante per concludere al meglio una cena estiva? Come dessert o accompagnato a della frutta fresca di stagione è un cadeau sempre gradito da offrire quando si è invitati a cena o quando si hanno degli ospiti: pratico e buono è una certezza che piace a tutti.
  9. gusti di gelato straniPerché va bene a ogni età. Il gelato è un simbolo del made in Italy, è amato dagli italiani di ogni genere ed età: è considerato un alimento sano per i bambini, magari da preferire alle merendine confezionate; ottimo per gli adolescenti che possono coccolarsi con un gelato nei momenti di crisi sentimentale; un momento di pausa per i più adulti, spesso ingabbiati in un frenetico ritmo di vita e sottoposti a stress sul lavoro e in famiglia; facile da mangiare e ottimo anche per gli anziani, soprattutto per i più nostalgici della spensieratezza e della libertà della loro infanzia.
  10. mangiare un gelatoPerché può diventare una pausa pranzo alternativa. Per rompere la monotonia ogni tanto una coppa di gelato, magari con 2-3 cialde, può sostituire un intero pasto. In questi casi l’importante è mangiare solo il gelato e non aggiungerlo a un primo piatto o a un secondo. Poi è fondamentale che la cena sia equilibrata e leggera: per esempio, una porzione di carne o pesce, accompagnata da verdura fresca di stagione condita con poco olio di oliva a crudo e una fetta di pane integrale.
  11. bambino che mangia il gelatoPerché è un ottimo snack pomeridiano. In ufficio o in spiaggia la merenda con la classica porzione di frutta di stagione o con il vasetto di yogurt può essere sostituita, di tanto in tanto, con una coppetta di gelato alla frutta o con un gelato confezionato nel formato mini. I vantaggi? Spezzare la monotonia della dieta e avere un’alternativa in più valida anche in un regime dietetico ipocalorico, rinfrescarsi nei caldi pomeriggi estivi; e poi a gioirne sarà senza dubbio il nostro palato e il nostro umore.

I commenti degli utenti