Quinoa: quello che c’è da sapere

26 giugno 2015

Conoscete la quinoa? La quinoa (in spagnolo quínoa o quinua) è un alimento che nell’aspetto e nel sapore ricorda il grano. Dalla macinazione dei semi della pianta si ottiene una farina che contiene in prevalenza amido, caratteristica che le ha conferito il titolo di cereale. la quinoa è un alimento dalle proprietà nutrienti seconde solo ai cavolfiori, è considerata una proteina completa e contiene poche calorieIn realtà la quinoa non appartiene alla famiglia botanica delle graminacee (o poaceae), famiglia cui appartengono gli alimenti classificati e venduti come cereali. Il suo fusto legnoso ha una lunghezza variabile dai 3 cm ai 30 cm. La semina della quinoa avviene solitamente tra fine marzo e i primi di aprile o tra settembre e ottobre (a seconda dalle varietà), la raccolta invece avviene tra aprile e giugno (a seguito della semina autunnale) e tra fine luglio e agosto (a seguito della semina primaverile). Dopo la raccolta viene lavata in acqua per eliminare la saponina, una sostanza nutriente amara ma idrosolubile, contenuta nella pianta. Infine viene essicata attraverso secadores solari. In cucina, solitamente viene consumata nelle insalate o trasformata in omelette e dolci. Ma quali sono le cose da sapere sulla quinoa?

insalata di quinoa

  1. È stata eletta Cibo internazionale dell’anno 2013 dalla Food and Agriculture Organization, in quanto le sue proprietà salutari sono seconde solo a quelle dei cavolfiori.
  2. Le origini di questo particolare alimento risalgono alle civiltà precolombiane e attualmente viene coltivata sulle Ande del Perù e in Bolivia.
  3. In natura esistono più di 200 varietà di quinoa ma la rossa, la bianca e la nera sono quelle più consumate e quindi le più coltivate.
  4. È simile al grano, ma di fatto è una pianta erbacea della famiglia delle Chenopodiaceae (come gli spinaci e la barbabietola).
  5. Per quanto riguarda le sue proprietà nutrienti, bisogna sapere che è una proteina completa perché contiene tutti e 9 gli aminoacidi essenziali di cui il nostro corpo ha bisogno ma che non riesce a produrre, inoltre è gluten-free ed è indicata per chi segue una dieta vegana.
  6. È ricca di riboflavina (vitamina B2) che si dice sia in grado di calmare gli attacchi di emicrania frequenti ed è poco calorica (372 calorie ogni 100 grammi).
  7. Prima di utilizzarla in cucina, il consiglio è quello di lavare ripetutamente la quinoa per eliminare tutte le tracce di saponine.

E voi avete mai provato la quinoa? Suggeriteci le vostre ricette nei commenti.

I commenti degli utenti