Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso: i premi dell’edizione 2016

22 settembre 2015

Questa volta si è fatta attendere un po’, ma la Guida Pizzerie d’Italia 2016 del Gambero Rosso ha finalmente espresso il suo verdetto. Ancora una volta la Campania pluripremiata nella categoria pizza napoletana, e non solo. rispetto allo scorso anno sono stati assegnati più spicchi, un segnale positivo Questa regione porta a casa ulteriori premi nelle categorie Tre Rotelle e I Maestri dell’Impasto. Anche quest’anno non mancano polemiche e delusioni, ma del resto si sa, ci si scontra sempre in fatto di guide. Rispetto allo scorso anno, sono stati assegnati più spicchi, evento che dimostra quanto si sta lavorando duramente affinché la pizza si confermi sempre di più un vanto tutto italiano, che sia napoletana, al taglio, all’italiana o a degustazione. Ecco tutti i premi.

  1. Pizza alla napoletanaTre Spicchi per la categoria Pizza Napoletana:  Montegrigna By Tric Trac (Via Grigna 10, Legnano – Mi), Enosteria Lipen (Via Conte Paolo Taverna 114, Triuggio – Mb), Palazzo Pretorio (Via del Giglio 26, Tavarnelle Val di Pesa – Fi), Sud (Piazza del Mercato Centrale, Via dell’Ariento – Fi), La Kambusa (Via della Torbiera 38, Massarosa – Lu), Mamma Rosa (Contrada Aso 62, Ortezzano – FM), Spirito Divino (Montefalco – Pg), Pepe in Grani (Via San Giovanni Battista 3, Caiazzo – Ce), 50 Kalò (Piazza Sannazaro 201/b, Napoli), Da Attilio alla Pignasecca (Via Pignasecca 17, Napoli), Trattoria Fresco (Via Partenope 8, Napoli), La Notizia (Via Michelangelo da Caravaggio 53, Napoli), La Notizia (Via Michelangelo da Caravaggio 94, Napoli), O’ Pizzaiuolo Guglielmo Vuolo – Eccellenze Campane (Via Brin 69, Napoli), Sorbillo ( Via dei Tribunali 32, Napoli), Starita (Via Materdei 27, Napoli), Villa Giovanna (Via Valle delle Delizie, Ottaviano – Na), Era Ora (Via Trieste 147, Palma Campania – Na), Pizzeria Salvo da Tre Generazioni (Largo Arso 10, San Giorgio a Cremano – Na), Palazzo Vialdo (Torre del Greco – Na).
  2. Sforno09Tre Spicchi per la categoria Pizza all’Italiana: Libery Pizza & Artigianal Beer (Torino), La Gatta Mangiona (Roma), Pro Loco Dol (Roma), Sforno (Roma), Tonda (Roma), La Sorgente (Guardiagrele – Ch), La Braciera (Palermo).
  3. Dry pizzaTre Spicchi per la categoria Pizza a Degustazione: Gusto Divino (Saluzzo – Cn), Pomodoro &Basilico (San Mauto Torinese – To), Pizza Sirani (Bagnolo Mella – Bs), Dry Cocktails & Pizza (Milano), Ottocento Simply Food (Bassano del Grappa – Vi), I Tigli (San Bonifacio – Vr), Saporè Pizza e Cucina (San Martino Buon Albergo – Vr), Mediterraneo (Brugnera – Pn), ‘O Fiore Mio (Faenza – Ra), La Divina Pizza (Firenze), Lo Spela (Greve in Chianti – Fi), Apogeo Giovannini (Pietrasanta – Lu), Urbino dei Laghi (Urbino), La Fucina (Roma).
  4. PizzariumTre Rotelle (il premio per la categoria delle pizze al taglio): Saporè Asporto (San Martino Buon Albergo – Vr), Menchetti (Arezzo), Angelo e Simonetta (Roma), Panificio Bonci (Roma), Pizzarium (Roma), La Masardona (Napoli), Pizzamore (Acri – Cs), Pizzeria Bosco (Tempio Pausania).
  5. Migliore Carta dei Vini: ‘O Scugnizzo (Arezzo) e Libero Arbitrio (Maiolati Spontini – An).
  6. ciro salvoPremio speciale I Maestri dell’Impasto: Graziano Monogrammi e Ciro Salvo.
  7. alberto morelloPremio Pizzaiolo Emergente: Alberto Morello.
  8. il guappoMigliore Pizzeria Gluten Free: Il Guappo (Moiano – Bn).

Inoltre, secondo il Gambero Rosso, le pizze dell’anno sono la Moroseta di Qbio (Forlì – Fc), con porcini, tartare di Mora Romagnola, pecorino e spuma di uova; la Provocazione de La Sorgente (Guardiagrele – Ch), impasto a base di farina semintegrale con bufala affumicata, cipolla rossa di Tropea marinata, mandorle amare, miele di arancio e finocchietto selvatico; la Margherita sbagliata di Pepe in Grani (Caiazzo – Ce), infornata solo con mozzarella, con aggiunta, dopo la cottura, di salsa di pomodoro riccio e riduzione di basilico.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti