Il miglior vino italiano è il Barolo

24 settembre 2015

Lunedì 21 settembre al centro congresso Fondazione Cariplo di Milano sono stati consegnati i Best Italian Wine Awards, i premi che riconoscono le 50 migliori etichette italiane e le fanno conoscere al mondo. i vini in gara, più di 300, sono stati valutati dagli ideatori dei biwa, tra cui luca gardini Quest’anno i vini in gara erano più di 300. A valutarli gli ideatori dell’ambito riconoscimento, il sommelier Luca Gardini e il giornalista Andrea Grignaffini, insieme a esperti e critici italiani e stranieri: Daniele Cernilli alias Doctor Wine, giornalista, Raoul Salama, professore di enologia a Bordeaux, Pier Bergonzi, sommelier e vice direttore de La gazzetta dello Sport, Christy Canterbury, giornalista statunitense, Antonio Paolini, critico enogastronomico, e infine, da Londra, Tim Atkin, wine writer. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, ha visto protagonisti vini da tutta Italia ma “quest’anno a dominare la classifica sono state le tre B: Barolo, Brunello e Barbaresco“, ha sottolineato Atkin. Al primo posto troviamo infatti il Monprivato Barolo Docg 2010 di Giuseppe Mascarello e figlio (che ha commentato dicendo: “Grazie, spero di essermelo meritato“), seguito dal Brunate Barolo Docg 2011 di Giuseppe Rinaldi. A chiudere il podio Duemani Costa Toscana Igp Cabernet Franc 2012 di Duemani.

Mascarello

il primo classificato, giuseppe scarello

Altro elemento che ha attirato l’attenzione dei giudici è stata l’annata: “Il 2010 e il 2011 sono stati anni di fantastici vini rossi“, ha commentato Atkin che poi ha aggiunto: “Viviamo in un secolo in cui cerchiamo novità, ma vediamo che ci sono etichette eterne, che vanno oltre le mode del momento“. Durante la presentazione, Bergonzi ha specificato che i punteggi tra le 50 referenze classificate sono molto vicini tra loro: “È stata una lotta dura, segno che il vino italiano è di qualità. Se nel nostro Paese ogni settore avesse produttori caratterizzati da qualità e passione, potremmo essere più sereni“.

bicchiere di vino

La serata ha però già dato un segno di speranza per la nostra Italia per quanto riguarda il comparto enologico. Salama ha infatti annunciato che la vendemmia 2015 sarà molto buona e che secondo le prime stime il nostro Paese sarà il primo al mondo per volumi. Nell’attesa, prepariamo i calici per assaporare i 50 migliori vini italiani secondo la classifica dei Best Italian Wine Awards 2015:

    1. Monprivato Barolo Docg 2010 – Giuseppe Mascarello e figlio (Località Borgonuovo, Monchiero, Cuneo)
    2. Brunate Barolo Docg 2011 – Giuseppe Rinaldi (Barolo, Cuneo)
    3. Duemani Costa Toscana Igp Cabernet Franc 2012 – Duemani (Località Ortacavoli, Riparbella, Pisa)
    4. Parafada Barolo Docg 2011 – Palladino (Serralunga d’Alba, Cuneo)
    5. Vecchio Samperi Ventennale – Marco De Bartoli (Marsala, Trapani)
    6. Brunello di Montalcino Docg 2011 – Tenuta Le Potazzine (Località Le Prata, Montalcino Siena)
    7. Sassicaia Bolgheri Doc 2012 – Tenuta San Guido (Località Le Capanne, Bolgheri, Livorno)
    8. Bussia Riserva Oro Barolo Docg 2006 – Parusso Armando (Monforte d’Alba, Cuneo)
    9. Furore Bianco Fiorduva Costa d’Amalfi Doc 2013 – Cantine Marisa Cuomo (Furore, Salerno)
    10. Trebbiano d’Abruzzo Doc 2012 – Valentini (Loreto Aprutino, Pescara)
    11. Giulio Ferrari Riserva del fondatore Trento Doc 2004 – Ferrari F.lli Lunelli (Trento)
    12. Brunello di Montalcino Docg 2010 – Biondi Santi (Montalcino, Siena)
    13. Lupi e Sirene Brunello di Montalcino Docg 2010 – Podere Le Ripi (Montalcino, Siena)
    14. Brunello di Montalcino Docg 2010 – Poggio di Sotto (Montalcino, Siena)
    15. Asili Vecchie Viti Barbaresco Docg 2009 – Roagna (Barbaresco, Cuneo)
    16. Ginestra Barolo Docg 2011 – Diego Conterno (Monforte d’Alba, Cuneo)
    17. Liste Barolo Docg 2010 – Giacomo Borgogno e figli (Serralunga d’Alba, Cuneo)
    18. Galatrona Toscana Igt 2012 – Tenuta di Petrolo (Mercatale Valdarno, Bucine, Arezzo)
    19. Tenuta Nuova Brunello di Montalcino Docg 2011 – Casanova di Neri (Montalcino, Siena)
    20. Mossone Marche Rosso Igt 2012 – Santa Barbara (Barbara, Ancona)
    21. Turriga Isola dei Nuraghi Igt 2011 – Argiolas (Serdiana, Cagliari)
    22. Vigneto di Monte Lodoletta Amarone della Valpolicella Doc 2010 – Dal Forno Romano (Località Lodoletta, Cellore d’Illasi, Verona)
    23. Selezione Madonna Delle Grazie Brunello di Montalcino Docg 2010 – Il Marroneto (Madonna delle Grazie, Montalcino, Siena)
    24. Currà Barbaresco Docg 2011 – Sottimano (Neive, Cuneo)
    25. Vintage Tunina Bianco Venezia Giulia Igt 2013 – Jermann (Dolegna del Collio, Gorizia)
    26. Bricco Fiasco Barolo Docg 2011 – Azelia (Serralunga d’Alba, Cuneo)
    27. Brea Vigna Ca’ Mia Barolo Docg 2011 – Brovia (Castiglione Falletto, Cuneo)
    28. Vigneti di Ravazzol, Amarone Della Valpolicella Doc Classico 2010 – Ca’ La Bionda (Marano di Valpolicella, Verona)
    29. Bianchi Grilli (Per La Testa) Abruzzo Doc Pecorino 2013 – Torre Dei Beati (Loreto Aprutino, Pescara)
    30. Cabochon Stellato Franciacorta Docg 2005 – Monte Rossa (Bornato di Cazzago S. Martino, Brescia)
    31. Il Solatio Chianti Classico Gran Selezione Docg 2010 – Castello d’Albola (Radda in Chianti, Siena)
    32. Vin Santo di Vigoleno Doc 2004 – Lusignani (Vigoleno di Vernasca, Piacenza)
    33.  Redigaffi Toscana Rosso Igt 2012 – Tua Rita (Suvereto, Livorno)
    34. Il Nocio Vino Nobile di Montepulciano Docg 2011 – Poderi Boscarelli (Montepulciano, Siena)
    35.  Cuvée Annamaria Clementi Rosé Franciacorta 2006 – Ca’ Del Bosco (Erbusco, Brescia)
    36. Vitovska Venezia Giulia Igt 2012 – Zidarich (Duino-Aurisina, Trieste)
    37. Arrocco Albana di Romagna Docg Passito 2012 – Fattoria Zerbina (Marzeno, Faenza, Ravenna)
    38. Riserva 33 Franciacorta Pas Dosè Docg 2007 – Ferghettina (Adro, Brescia)
    39. Vigna Rionda Riserva Barolo Docg 2009 – Massolino (Serralunga d’Alba, Cuneo)
    40. Camp Gros Martinenga Barbaresco Docg 2010 – Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy (Barbaresco, Cuneo)
    41. Il Poggio Chianti Classico Riserva Docg 2010 – Castello di Monsanto (Barberino Val d’Elsa, Firenze)
    42.  Es Primitivo di Manduria Doc 2013 – Gianfranco Fino (Sava, Taranto)
    43.  Cerequio Barolo Docg 2011 – Michele Chiarlo (Calamandrana, Asti)
    44.  Monvigliero Barolo Docg 2011 – Burlotto Comm. G.B. (Verduno, Cuneo)
    45. Mosconi Barolo Docg 2010 – Bussia Soprana (Monforte d’Alba, Cuneo)
    46. Donna Franca Marsala Superiore Riserva Doc – Florio (Marsala, Trapani)
    47. Polvanera 17, Primitivo Doc Gioia del Colle 2012 – Polvanera (Gioia del Colle, Bari)
    48. Riserva La Mattonara Amarone Classico della Valpolicella Dop 2004 – Zýmē (Località Mattonara, Verona)
    49. Fiorano Rosso 2010 – Fattoria di Fiorano (Roma)
    50. Hérzu Langhe Doc Riesling 2013 – Ettore Germano (Serralunga d’Alba, Cuneo)

  • IMMAGINE
  • Canio Romaniello / Olycom

I commenti degli utenti