Gustòvago: 5 motivi per andare a Parma a ottobre

7 ottobre 2015

Il Gustòvago è colui che viaggia, che vaga spinto dalla curiosità di provare tutti i sapori di un territorio, quello italiano“. È per questo che l’immagine di Gustòvago, la manifestazione che si tiene a Parma nei primi tre weekend di ottobre (2 – 3; 9 –  10; 16 – 17), è una valigia aperta. gustòvago continua a parma per i prossimi due weekend: ecco perché non dovreste mancare Un bagaglio speciale, che si riempirà di esperienze sensoriali, assaggi speciali e di buone scoperte. “Questa prima edizione – spiega Francesco Fadda, curatore dell’evento, organizzato da Affinità Cerebrali – è dedicato alla via Emilia, l’unica che in Italia ha dato il nome ad una regione intera: è qui che nascono quattro fra i prodotto più evocativi del Made in Italy come il prosciutto crudo, il parmigiano, la pasta all’uovo, l’aceto balsamico. Ma anche il culatello e prodotti eccezionali, per troppo tempo dimenticati, come la spalla cotta“. Fulcro di Gustòvago in questa prima edizione, è Parma, capitale della Food Valley italiana e città in cui la stessa toponomastica, da Borgo Felino a Strada Langhirano, parla di cibo. Abbiamo chiesto (almeno) 5 motivi per non perdersi Gustòvago, ma è bastato scorrere il programma per dedurre che, in qualsiasi fine settimana si decida di andare, si casca bene.

  1. gustòvago (1)Gli chef delle tre cene: il 2 ottobre la classicità di Massimo Spigaroli, chef del ristorante dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense  incontrerà  la cucina spinta, quasi sperimentale di Marcello Trentini di Magorabin (Torino); il 9 ottobre andranno in scena gli enfants terribles Costardi Bros (Da Cinzia, Vercelli) con un menu creato insieme a Marco Parizzi con la sua cucina territoriale contemporanea. Il 16 infine, Terry Giacomello, nuovo chef di INKiostro (Parma), incontrerà Daniele Usai del Tino di Ostia: entrambi porteranno a tavola l’alta cucina italiana arricchita dagli echi delle loro esperienze internazionali.
  2. Culatello di ZibelloDegustazioni preziose: “dal BBS al Brunello” è la degustazione di Biondi Santi del 3 ottobre, condotta da Sandra Ciciriello, e poi le due Verticali di Culatello di Zibello e di Parmigiano Reggiano previste per sabato 17.
  3. gustòvago (1)Street food all’italiana: non potevano mancare i maestri del nostro cibo di strada. Ogni week end ci saranno sette differenti Food Truck Made in Italy da diverse regioni, per gustare specialità locali accompagnate dai grandi vini e dalle più interessanti birre artigianali italiane.
  4. gustòvago (7)Priceless: come dovrebbe essere sempre la cultura, compresa quella del cibo. Tutti i Laboratori, le Degustazioni e i Gustòtalk sono gratuiti. Unico ‘prezzo’ da pagare: l’iscrizione obbligatoria.
  5. gustòvago (8)LocationWopa Temporary, ovvero Workout Pasubio, un ex complesso industriale riqualificato con materiali totalmente di recupero, nell’ottica no waste. Il palco è stato trovato nei magazzini del Teatro Regio e riadattato per l’occasione; lo schermo è quello dismesso del cinema cittadino The Space e il bancone del bar è stato allestito usando vecchi pallet.

I commenti degli utenti