Roma: siamo stati all’apertura di Proloco Farnesina

19 ottobre 2015

Girare pagina è possibile, ricominciare dalla passione è il primo passo, mettere in campo la competenza acquisita è intelligenza. Questa è la svolta di Francesca Riganati, ex direttrice delle Scuole del Gambero Rosso, da oggi al comando del nuovo Proloco Farnesina Territorio & Cucina (via della Farnesina, 91), francesca riganati affianca vincenzo mancino nella sua terza apertura nella capitale che affianca Vincenzo Mancino nella terza apertura a Roma. Conoscenza del territorio, professionalità, selezione di fornitori e materie prima, interpretazione locale di una tradizione regionale: il nuovo locale nato dalla concezione di DOL, di origine laziale, punta, come nella filosofia già affermata, a valorizzare attraverso la scelta e la cucina i prodotti del Lazio, proponendoli alla clientela in una cucina senza esasperazioni, fondata su sapori genuini e piatti tradizionali, senza mai perdere di vista il focus dell’alta qualità.

proloco_daniela-delogu

La presenza di Francesca Riganati, socia in questa nuova apertura, amplia ancora di più gli orizzonti: dopo un trascorso di formazione gastronomica passata per la cucina, a Francesca è affidata la direzione del comparto formativo del Gambero Rosso; lo dirige per anni organizzando e formando la nuova leva culinaria della capitale e non solo. Terminata la sua collaborazione torna al primo amore, la cucina in senso stretto, e qui si reinventa, riparte dalla passione per la tavola. In un locale non enorme con cucina a vista, i tavoli si susseguono come in una grande casa, in un ambiente caldo e accogliente, su una via poco fuori la frenetica movida di ponte Milvio. Completa l’ambiente un dehors fruibilissimo nella Capitale, dove potersi accomodare in uno spazio altrettanto grande, in cui campeggia un banco frigo dal quale scegliere e riconoscere, facendosi illustrare e indirizzare, la selezione di formaggi e salumi. Tutte le materie prime provengono dal Lazio, salumi e formaggi sono chiamati per nome da Vincenzo Mancino, che ormai da anni conosce personalmente gli artigiani che li producono.

proloco_paola-palombo

L’offerta del nuovo ristorante va ben oltre i piatti freddi, proseguendo con pasta all’uovo e ripiena del pasticcio di Mauro Secondi, fino alla pizza in teglia ormai collaudata nel ristorante di Centocelle e nel secondo punto nel quartiere salario: oltre a salumi e formaggi rigorosamente del lazio, paste ripiene, pizza in teglia e una buona carta dei vini  solo farine laziali macinate a pietra, con una quota parte di farro biologico, impasto maturato almeno 48 ore e condimenti ideati dalla selezione di prodotti presenti in carta. Carta dei vini che strizza l’occhio al territorio di provenienza, scegliendo e valorizzando cantine ed etichette altamente rappresentative, aziende biologiche e vini naturali; inoltre una piccola ma ricercata selezione di bollicine fuori dal territorio, per soddisfare quanto più possibile i gusti di tutti. Proloco Farnesina è aperto a pranzo (solo durante il weekend) con un’offerta semplificata, una formula più veloce che non mortifichi il gusto con la velocità ma consenta di appagare i sensi senza appesantirsi. Tutto è già esplicito nel nome di questa nuova avventura firmata Riganati e Mancino: Territorio & Cucina, conoscenza e valorizzazione del territorio e cucina di tradizione laziale.

I commenti degli utenti