12 modi di intendere il cioccolato nel mondo

6 novembre 2015

Passiamo la maggior parte del giorno a desiderarlo, ma magari non sappiamo esattamente di cosa si tratti; il cioccolato è un alimento ottenuto dalla tostatura delle fave di cacao, che sono poi macinate e mescolate con lo zucchero. Secondo la legge, il contenuto di cacao deve ammontare almeno al 35%. Si definisce puro quando l’unico grasso presente è il burro di cacao. Per quanto riguarda le varianti, il fondente possiede esclusivamente cacao e zucchero, il cioccolate al latte ha un’addizione di latte, con pasta di nocciola si parla di gianduia; il cioccolato bianco contiene soltanto zucchero e burro di cacao, eventualmente aromatizzato.

cioccolato al latte

Se il cioccolato può efficacemente essere abbinato a piatti salati, in particolare di cacciagione, in pasticceria costituisce un riferimento assoluto. Protagonista di budini e gelati, base per creme e farciture, copertura perfetta per torte e dolci da forno, guarnizione per biscotti e cialde, si presta a un’infinità di ricette. Conoscendo per esperienza la ricchissima tradizione italiana, abbiamo dato uno sguardo al resto del mondo: ecco a voi i marchi da procurarsi durante ogni viaggio e le ricette da cercare o sperimentare in casa. Da tutto il mondo, 12 modi di intendere il cioccolato nel mondo.

  1. påläggschokladPalaegshokolade. Se non ricordate nemmeno che la Danimarca fa parte dell’Europa, cominciate a riconsiderarla per queste delizie di cioccolato dal nome impronunciabile.  Si tratta di sottilissime lamelle di cioccolato con cui farcire il pane caldo. Potete scegliere tra fondente e al latte.
  2. Łużyckie-PralinyLuzyckie Praliny. Il padiglione Expo della Polonia era attraversato da un voluttuoso trenino di cioccolato, ma se volete assaggiare leccornie di cacao direttamente a Varsavia, cercate una delle confezioni di praline Luzyckie. Si tratta di dolcetti al cioccolato con forme e ripieni diversi: cioccolato bianco, rum, nocciola, noci e cocco.
  3. ischokladIschoklad. In Svezia, se sapete resistere al freddo, potrete assaggiare anche un’altra prelibatezza: il ghiaccio al cioccolato. Si prepara sciogliendo insieme 200 grammi di cioccolato fondente e cento di burro di cocco, per poi amalgamare il composto con uovo sbattuto. Una volta lasciato raffreddare in frigo per almeno un’ora in appositi stampini, si serve con un bastoncino come fosse un ghiacciolo.
  4. A. KorkunovA. Korkunov. È il produttore a cui dovete rivolgervi se volete del cioccolato in Russia; l’azienda si trova a Odintsovo e i prodotti sono esportati in tutto lo stato, ma a Mosca, nella prima boutique ufficiale, potrete assaggiare 15 diversi tipi di cioccolata calda.
  5. Bouchon VaudoisBouchon Vaudois. Il cioccolato è uno dei simboli assoluti della Svizzera. Oltre ai più classici, dovreste provare questo saporitissimo dolce; è la specialità delle zone attorno al Lago di Ginevra, è prodotto fin dal 1948 e si tratta di una sorta di biscottone fondente con cioccolato finissimo e mandorle a lamelle.
  6. zotter-chocolate-3Zotter Chocolate. Souvenir perfetto, dovrete portarne via a scatole dall’Austria; il cioccolato Zotter vanta preziose confezioni decorate dall’artista Andreas H. Gratze e ingredienti esclusivamente bio. I gusti sono particolarissimi, come marzapane e semi di zucca o mela e zenzero.
  7. francois_pralus_chuao_box_2François Pralus. François Pralus è considerato uno dei più grandi artisti del cioccolato di Francia; i suoi manufatti sono diventati veri e propri simboli per i buongustai, con una produzione che supera le 10 tonnellate di cioccolato. Di tavolette potete trovarne 18, quelle che fanno parte della cosiddetta Tropical Pyramid contengono cacao proveniente da Nuova Guinea, Tanzania, Trinidad, Venezuela, Madagascar.
  8. bruyerreBruyerre. Per assaggiare dolcetti e tartufi creati col più tipico cioccolato belga, Bruyerre rappresenta un riferimento imprescindibile. L’offerta di praline è praticamente infinita, vi faremo perciò venire l’acquolina soltanto con qualche esempio: Règina (involucro di cioccolato fondente con ripieno di nocciola),  Corbeille (come il precedente, ma con aggiunta di cioccolato al latte), Printanière al cioccolato bianco, Noisette (con ripieno di frutta secca tostata); le forme sono fantasiose e inusuali: noce, cuore, foglia, chicco di caffè, ma soprattutto palla da golf.
  9. chocofigoChocofigo. L’azienda Chocofigo ha lo scopo di comporre deliziose tavolette o saporiti dolciumi a base di cioccolato e prodotti tipici dell’Algarve, la regione più a Sud del Portogallo, come fichi, fichi d’india, arance, mandorle, patate dolci, grappa; per assaggiarli anche lontano dal Portogallo sono stati diffusi veri e propri kit di degustazione con tutti i gusti più particolari.
  10. ozelOzel Chocolate and Candy. Con la linea di prodotti Istanbul Avenue, Ozel propone fantasiosi pacchetti di leccornie con cui deliziare i palati più golosi di Turchia. La cioccolata rappresenta l’ingrediente principale, con tavolette, praline e cioccolatini ripieni; ma in ogni box troverete anche caramelle a tutti i gusti.
  11. tim tamTim tam. Sono i più popolari biscotti australiani, inventati nel 1964 da Ian Norris per l’azienda Arnott’s; si tratta di due strati di croccante farciti con crema e rivestiti con cioccolato (nelle versioni al latte, fondente, bianco, al caramello e misto); perfetti anche da inzuppare nel caffellatte.
  12. Cadburys Dairy Milk Chocolate Bars (Fair Trade)Cadbury.  Nel 1824 John Cadbury offriva ai suoi clienti una bevanda al cioccolato da lui preparata artigianalmente; l’azienda è poi progredita fino a comprendere una vastissima gamma di prodotti, per poi rappresentare una delle più note industrie d’Inghilterra. Le barrette sono praticamente infinite (al biscotto, con riso, con mandorle, con polvere di cocco, caramello, arachidi, wafer, a forma di rosa o di pretzel), ma notevoli sono anche le bevande al cioccolato, come Wispa, Bournville Cocoa, Hot Chocolate Instant.

I commenti degli utenti