Fai come Belen: chi cacceresti dal tuo ristorante?

16 novembre 2015

C’erano Gianni Morandi, Selvaggia Lucarelli, una cameriera e Belen Rodriquez. No, non è un convegno sulle strategie dei Social Network e nemmeno una barzelletta (o forse sì?) ma un fatto realmente accaduto nelle scorse settimane: Morandi e Lucarelli si vedono per un caffè al Ricci di Milano (locale in cui Belen è socia insieme a Joe Bastianich e altri 2 imprenditori) e, a un certo punto, vengono cacciati invitati a lasciare il locare perché Belen non gradisce la Lucarelli nel suo ristorante.

Selvaggia morandi

Insomma, come quando fai la festa di 13 anni e non vuoi invitare il tuo compagnetto che ti ha preso in giro. Va bene che quel compagnetto forse è un po’ noioso perché non sta mai zitto ma la mamma ti spiega che non ha senso escluderlo (anche perché poi finisce che ti mena). In breve: una ha cacciato l’altra dal proprio locale. Intanto si scopre che per legge tu non puoi cacciare chi vuoi senza un motivo vero. Questo mi ha aperto a una riflessione seria anzi, serissima. Non posso cacciare fuori dal mio locale nessuno se non per un motivo valido ma se potessimo fare quello che ci pare, chi cacceremmo dal nostro ristorante? Ecco una personale lista delle persone a cui mi piacerebbe dire mi dispiace ma devi andare.

  1. Miss ItaliaMiss Italia (l’ultima o una qualsiasi). Cominciamo con quelli facili, fatta eccezione per Anna Valle, io MissItaglia non la voglio perché fa antico e demodè.
  2. Marc Marquez - PortraitMarc Márquez. C’hai fatto arrabbiare tutti, caro Marc. Tu stuzzichi Rossi e io allora non ti offro gli stuzzichini. Anzi, obbligo il cameriere più brutto che ho a venir lì a strusciarsi addosso così vediamo se poi non lo spingi. A quel punto sarai tu a uscire da solo dal mio locale.
  3. zidan2Zinédine Zidane. Per rimanere in tema sportivo. Prima che la situazione degeneri in testate immotivate al cameriere, inviterei il calciatore a lasciare gentilmente il locale spiegandogli che noi saremmo anche felici di servirlo ma non abbiamo la giusta attrezzatura: i caschi protettivi.
  4. Divino OtelmaDivino Otelma. Immaginate uno che ordina risotto parlando in terza persona. Prima di portare al tavolo 2 piatti invece di uno e creare confusione e stress preferirei dire al Divino che magari è il caso di tornare dopo cena.
  5. Maria Teresa RutaMaria Teresa Ruta (e il suo neo). Non c’è un motivo preciso. Ma ogni volta che la nomino la gente ride. Magari farà lo stesso effetto mentre l’accompagno all’uscita.
  6. Jessica-FletcherJessica Fletcher. Muore sempre qualcuno se c’è lei in giro. E poi è una che fa troppe domande e io devo lavorare. No, vada a battere a macchina da un’altra parte.
  7. Steve-JobsSteve Jobs. Sono sicuro che avrebbe passato tutto il tempo a scroccare il WiFi del locale e non si sarebbe preoccupato di ordinare un piatto. La stimo moltissimo signore ma giochi col telefonino da un’altra parte!
  8. Barbara D’ursoBarbara D’urso. Con la scusa che le luci del mio locale non sono adatte al volto della conduttrice televisiva, chiederei di abbandonare subito il ristorante perché non vorrei mai danneggiare l’immagine. Sua, non quella del ristorante, malpensanti!
  9. Marie CurieIl premio Nobel per la Chimica Marie Curie. Tutti felici di avere un Premio Nobel nel proprio ristorante ma perché a me dovrebbe toccare Marie Curie? Cioè, qualcuno se lo ricorda che povera lei, per i tanti studi, alla fine era praticamente radioattiva? Mi dispiace signora Curie, deve lasciare il locale per il bene degli altri clienti.
  10. Hannibal LecterHannibal Lecter. Più che altro, a parte la bottiglia di Chianti, non credo che potrei servirgli qualcosa di suo gradimento. Facciamo che il vino glielo offro ma poi lo accompagno fuori. Prima gli metto la museruola però.
  11. PImpaLa Pimpa. Non ti voglio, ok? In primis perché ormai Peppa Pig è più famosa, poi perché non ho mai capito di che sesso sei (non che ti discrimini per questo, oh) e soprattutto non so se quelle macchie rosse sono una malattia o un incrocio riuscito male. Non me ne volere Pimpa.
  12. MInaMina. Non puoi smettere di cantare e presentarti al mio ristorante come se nulla fosse accaduto. Io ti caccio solo perché ti voglio mandare alla televisione! Capisci a me, lo faccio per il bene del mondo.
  13. DiprèAndrea Diprè. Gentile Diprè, con i suoi video di critica d’arte avanguardista e futuristica, è diventato troppo famoso per il mio ristorante, troppo importante e anche troppo fatto. Nel senso che s’è fatto una bella carriera professionale. Non vorrei che questo posto risultasse troppo banale per il suo occhio critico o, addirittura, risultasse volgare. Preferisco che lei non ci entri nemmeno per non arrecarle irritazioni.
  14. AttilaAttila. Sai che ansia! Va bene i clienti scorbutici e maleducati ma uno che da lì a poco ti distrugge il locale, proprio non lo voglio. Senza agitarti, alzati e lascia il tuo tavolo. Gioca a fare la guerra da un’altra parte che noi abbiamo da fare delle orate al forno.
  15. Brad-Pitt-Angelina-Jolie-3Angelina Joie & Brad Pitt. Anche se fossi grato per aver scelto il mio locale, a fine serata sono sicuro che non avrei degli introiti. La persone non mangiano mai davanti a delle bellezze eccelse. Si sentono subito grassi e inapropriati. Immaginate quindi cosa ne sarebbe dell’incasso della serata se ci fosse a cena la famiglia Pitt… no no, mi dispiace ma per voi non c’è posto.
  16. Signora LivoliLa signora Livoli. Dopo essersi fatta beccare con i bigliettini da Mike Bongiorno, non sai mai cosa aspettarti da l’unica concorrente di un quiz televisivo passata alla storia italiana. Signora, sono sicuro che lei è pure brava e ha pagato fin troppo le conseguenze di un gesto non così grave ma non vorrei mai si nascondesse nel reggiseno pure le bustine di zucchero. Meglio andare altrove.

Ora senza indugi, vogliamo sapere tutti i personaggi che caccereste dal vostro locale senza pensarci troppo. Allora?

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti