8 locali perfetti per bere la cioccolata calda a Milano

8 febbraio 2016

Che inverno sarebbe senza cioccolata calda? Da quando il cacao è arrivato in Europa, nel diciassettesimo secolo, alla bevanda sono state attribuite le migliori qualità: energizzante e antiossidante, afrodisiaca e cardioprotettiva. Ma, soprattutto, confortante: quando il freddo punge e il vento si infila sotto la sciarpa, cosa c’è di meglio di una calda tazza di cioccolato e panna? A Milano, come in tutta Italia, la si può trovare in quasi ogni bar; ma se volete andare sul sicuro, ecco 8 locali in cui il cacao dà il meglio di sé.

  1. chocolatChocolat, in via Boccaccio 9, è una meta consueta per chi ama il cioccolato in ogni forma, dal gelato alle praline. Da qualche mese il locale è tornato alla vecchia insegna, dopo anni sotto il marchio Shockolat, ma le proposte della casa sono rimaste più o meno le stesse: è sempre possibile accomodarsi a uno dei pochi tavolini, o sul soppalco, sorseggiando una tazza di densa cioccolata classica, al gingseng o al peperoncino, con o senza panna. Il plus del locale è dato dalla varietà dell’offerta: se non amate accompagnare la bevanda con i biscotti, provate con le scorzette di arancia candite e ricoperte di cioccolato fondente, o con una fetta di crostata al cioccolato bianco e agrumi.
  2. cioccolati italianiCioccolati Italiani, con le sue quattro sedi in via San Raffaele 6, in via De Amicis 25, in piazzetta San Giorgio e sull’alzaia del Naviglio Grande 44, è invece il posto giusto per far correre la fantasia: chi non vorrebbe in casa una cascata di cioccolata, da cui poter bere in ogni momento? La fontana esposta in via San Raffaele è alta più di 2 metri; ma ogni negozio ne possiede diverse, al cioccolato fondente, bianco o al latte. In più, si può scegliere da un notevole elenco di cioccolate calde alla carta: allo zenzero o alla cannella, con i pistacchi o le nocciole, con le meringhe o con i frutti rossi. Ai tavoli e al banco si serve anche il caffè con cioccolato fuso, per chi ha più fretta ma non meno golosità.
  3. BiancolatteDa Biancolatte (via Turati, 30) è invece consigliabile sedersi e gustare la cioccolata con calma, assaporando nel frattempo anche l’ambiente sereno del locale, arredato con colori pastello e accessori anni vintage. La cioccolata calda della casa si serve infatti con qualche assaggio di pasticceria secca, ma anche in composizioni che comprendono panna a parte e tazze piene di gelato ai gusti Biancolatte e Buonbiscotto o Crema e Caffè.
  4. botegaMeno tranquillo è Botega Caffè Cacao, in corso Garibaldi 12, locale in cui i clienti sono invitati a servirsi da sé al bancone e a portarsi le consumazioni ai tavoli sul soppalco o nel dehors, affacciato sul sempre affollato corso pedonale. Ma come resistere ai bordi delle tazze bagnati di cioccolato fuso, o alle posatine ricoperte allo stesso modo di cioccolato fondente?
  5. ciaccoPer i puristi del cacao c’è Ciacco, in via Spadari 13: chi non ama il fatto che la cioccolata per quanto fondente sia comunque contaminata dal latte, ne troverà qui una versione vegana, senza latticini né zucchero né altri aromi, amara e deliziosa. Gli accompagnatori, disposti a scendere a compromessi, possono godere invece delle versioni al latte, bianca e aromatizzata alle spezie o alla frutta.
  6. sant'ambroeusClassica ed elegante: è la cioccolata di Sant’Ambroeus (corso Matteotti, 7), servita in tazza di vetro, sormontata da una cascata di panna montata e accompagnata da una pralina della casa. Anche la miscela, fondente e densa, è un’esclusiva della pasticceria; senza dubbio, l’abbinamento con il locale, rigorosamente raffinato, nero e dorato, può dirsi perfettamente riuscito.
  7. venchiQuando nonostante il freddo il cielo di Milano è però terso, ripulito da un vento leggero e gradevole e riscaldato dal sole del primo pomeriggio, chiudersi in una pasticceria può sembrare uno spreco: la soluzione sono le cioccolate calde da asporto, da gustare in piazza, su una panchina, mentre si osserva il via vai di chi non può concedersi una pausa. In città una cioccolata da asporto densa e gustosa viene proposta da Venchi (in Stazione Centrale e in via Mengoni 1): alla miscela classica si possono aggiungere un gianduiotto, una pralina al rum o una al peperoncino, per rafforzarne ancora di più l’aroma.
  8. guido gobinoGuido Gobino, in corso Garibaldi 39, da asporto propone invece la sola variante al cardamomo: ma il matrimonio fra la spezia e il cacao è perfettamente riuscito, e l’antistante giardino della basilica paleocristiana di San Simpliciano è il luogo ideale per gustarselo in tranquillità.

Clicca qui per visualizzare la mappa

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti