Aromi thai: cos’è la galanga e come usarla

9 aprile 2016

Tra gli infiniti prodotti per cui dobbiamo essere grati al Sud Est asiatico possiamo ora annoverare anche la galanga. Conosciuta come Galangal, Lengkaus (in Malesia), Laos o Kecur (in Indonesia), Kah (in Thailandhia), la parte commestibile è la radice rizomatosa, identificata spesso come zenzero thailandese è una pianta delle zingiberaceae, classificata col nome scientifico di Alpinia Galanga. D’impatto, potrà sembrarvi zenzero: nasce da una pianta a foglie verdi e folte, su cui crescono frutti rossi e fiori striati; spesso si identifica infatti come zenzero thailandese. Attualmente la galanga è sfruttata quasi esclusivamente nel Sud Est asiatico, con preminenza di Thailandia, Malesia e Indonesia. Storicamente è stata invece molto utilizzata: pare che nell’antico Egitto ci si preparassero le fumigazioni, mentre per l’introduzione in Europa bisogna attendere il Medioevo, dove figura tra gli ingredienti dell’Ippocrasso, un popolarissimo liquore speziato. La parte commestibile è la radice rizomatosa, che deve essere sbucciata e poi schiacciata; in commercio si trova anche essiccata o in polvere.

Proprietà curative

galanga

Secondo la medicina tradizionale cinese, alla galanga possono essere riconosciute notevoli proprietà curative, soprattutto per quel che riguarda i problemi respiratori: una bevanda a base di succo di limetta e radice grattugiata di galanga è considerata un rimedio efficace contro raffreddore e tosse. Oltre a depurare l’organismo e contribuire alla regolarità intestinale (in virtù dell’alto contenuto di fibre e vitamine), pare che la galanga possa aiutare la digestione, attenuare il senso di nausea, spegnere i bruciori di stomaco. Contribuirebbe anche ad alleviare  eventuali dolori artritici. Se si crede alle leggende europee, la galanga aiuterebbe addirittura a stimolare l’esuberanza virile o, all’occorrenza, a scacciare le presenze malvagie.  Ildegarda di Bingen, santa del X secolo particolarmente attenta ai rimedi erboristici, si riferiva alla galanga come alla spezia della vita e la somministrava contro il mal di cuore.

Usi in cucina

tom kha

La galanga è apprezzata per la dolcezza a cui fa da contrappunto un retrogusto pungente, in larga parte assimilabile allo zenzero. L’aroma è fruttato, con tonalità di vaniglia. Spesso figura tra le spezie con cui si compone il curry. Nelle gastronomie thailandese e indonesiana è usatissima per aromatizzare e insaporire pesci, carni e zuppe (famosa la zuppa di pollo thailandese), generalmente insieme a aglio, limone, peperoncino o pepe bianco.

galanga

Può poi dare una sferzata di sapore ai risotti o alle preparazioni a base di legumi. Se in India è sfruttata addirittura come deodorante per il corpo, risulta perfetta per tisane e decotti, aggiungendo ai benefici normalmente riconosciuti allo zenzero freschezza e aroma floreale.

I commenti degli utenti