Basque Culinary World Prize: i 20 finalisti

26 maggio 2016

Il Basque Culinary World Prize, ossia il premio per gli chef di tutto il mondo che si sono distinti per l’impegno nel migliorare la società con iniziative del mondo della gastronomia, ha oggi i suoi 20 finalisti. chef di tutto il mondo che si sono distinti per migliorare la società con iniziative gastronomiche La premiazione avverrà l’11 luglio al Basque Culinary Center (BCC) di San Sebastian, con la decisione di una giuria composta dai migliori chef del mondo e da esperti legati alla cultura del cibo. I finalisti arrivano veramente da tutte le parti del mondo e possono vantare dei background tra i più diversi, come afferma Joxe Mari Aizega, Direttore del Basque Culinary Centre: “Siamo molto colpiti dalla diversità di background e dal calibro dei 20 finalisti: stanno dando infatti concreta dimostrazione del cambiamento positivo di cui anche gli chef possono essere protagonisti, quando si fanno portavoce e si impegnano per una causa di interesse sociale. Le loro storie saranno sicuramente di ispirazione per i colleghi di tutto il mondo, ed è proprio questo il fine ultimo del Premio”.

I 20 finalisti

  1. AAA Alberto Crisci at High Down 2011 (76)Alberto Crisci, Regno Unito: la sua organizzazione The Clink gestisce dei ristoranti all’interno di quattro carceri inglesi, dove i detenuti imparano a cucinare e a servire, con l’obiettivo di ridurre la recidività e trovare loro lavoro una volta fuori dal carcere.
  2. AAA Alicia Gironella1 (2)Alicia Gironella, Messico:  attivista che partecipa a progetti quali Semillatón, che ha l’obiettivo di tutelare i semi di cereali tipici del Messico, scongiurare il rischio di estinzione e distribuirli ai contadini della Sierra Tarahumara per la coltivazione.
  3. AAA Aponiente_0Z6A9368Angel León, Spagna/Stati Uniti: chef appassionato di ricerca, ha esplorato il potenziale degli oceani e sta creando nuove interessanti opportunità per le generazioni future.
  4. AAA Ann Cooper 1Ann Cooper, Stati Uniti: la sua fondazione dona alle scuole gli strumenti e le risorse per offrire agli studenti i pasti, cercando di evitare prodotti confezionati e industriali, contribuendo alla riduzione del tasso di obesità negli Stati Uniti.
  5. AAA Carlos_Zamora_1Carlos Zamora, Spagna: lo chef spagnolo si distingue per il suo concetto di ristorazione responsabile e sostenibile con solide reti di collaborazione per l’utilizzo di produttori biologici. Inoltre sostiene iniziative come Depersonas, associazione che offre lavoro e formazione a giovani con disturbi dell’apprendimento.
  6. AAA Daniel Boulud1Daniel Boulud, Francia/Stati Uniti: è co-direttore di una fondazione benefica la CityMeals on Wheels, che si occupa di distribuire pasti a persone anziane che non posso acquistare il cibo o cucinare in autonomia, si occupa inoltre di Chefs Deliver, iniziativa in cui gli chef di alto livello cucinano pasti per gli anziani costretti a casa.
  7. AAA David Hertz1 (1)David Hertz, Brasile: unitosi al movimento di gastronomia sociale già dieci anni fa, lo chef brasiliano ha avviato Gastromotiva, per offrire opportunità ai poveri delle favelas di Rio di Janeiro, San Paolo, Bahia e Città del Messico, grazie alla formazione alimentare e culinaria.
  8. AAA Gabriel Garza2Gabriel Garza, Messico: traendo ispirazione dal suo impiego presso un centro per non vedenti ha avviato il progetto Destellos de Sabor, per insegnare ai portatori di handicap visivi a cucinare in autonomia, aumentandone l’indipendenza, oltre che il potenziale per un lavoro futuro.
  9. AAA Jessamyn Rodriguez1Jessamyn Rodriguez, Canada/Stati Uniti: creatrice del programma Hot Bread Kitchen, che forma donne immigrate a basso reddito per nove mesi, insegnando loro a diventare fornaie artigianali, per guadagnare cifre dignitose e raggiungere l’indipendenza economica.
  10. AAA Jose Andres3José Andrés, Spagna: in seguito all’uragano Katrina ha avviato ad Haiti l’iniziativa Word Central Kitchen, per aiutare la popolazione locale con cucine e corsi di formazioni sulla sicurezza alimentare e l’igiene.
  11. AAA Joshna Maharaj 1Joshna Maharaj, India/Canada: la chef lavora con ospedali e istituzioni per aiutarli a fornire pasti di qualità più elevata ai pazienti e ai dipendenti.
  12. AAA kamilla seidlerKamilla Seidler, Danimarca e Michelangelo Cestari, Venezuela: sono stati scelti da Claus Meyer per portare il suo progetto Melting Pot in Bolivia, dove hanno aperto il ristorante Gustu che ora è anche una scuola di cucina, che forma e favorisce la crescita della popolazione rispetto alla tradizione culinaria locale.
  13. AAA Leonor Espinosa2Leonor Espinosa, Colombia: fondatrice di Funleo, organizzazione che mira a preservare le tradizioni alimentari colombiane, a promuovere le pratiche sostenibili e la produzione locale del cibo, rivolgendosi in particolare alle comunità indigene e di origini africane.
  14. AAA manu bufaraManoela (Manu) Buffara, Brasile: nominata per il suo lavoro a Ilha Rasa, dove, al fianco di 20 produttori, cerca di tutelare gli ingredienti tradizionali, i metodi di agricoltura locali e la biodiversità.
  15. AAA Chef Margot 3Margot Janse, Olanda/Sudafrica: gestisce Isabelo, iniziativa partita dalla donazione di muffin ai bambini di 70 scuole a Franschhoek, in Sudafrica, diventando un programma che fornisce 1300 pasti al giorno per le scuole locali.
  16. AAA María Fernanda Di GiacobbeMaria Fernanda Di Giacobbe, Venezuela: ha creato un’intera catena di formazione, imprenditorialità e sviluppo economico attorno al cacao venezuelano, sostenendo i produttori locali con le risorse che occorrono loro per migliorare il loro prodotto.
  17. AAA Massimiliano alajmoMassimiliano Alajmo, Italia: ha creato Il Gusto per la Ricerca con l’obiettivo di raccogliere fondi per la ricerca relativa alle patologie neoplastiche infantili, con una recente iniziativa digitale, Tavoli trasparenti, in cui sono coinvolti 300 ristoranti che devolvono l’intero costo di quanto consumato dai clienti che hanno prenotato on-line.
  18. AAA Nani Moré2Nani Moré, Spagna: è la fondatrice della Asociación de Comedores Ecológicos in Catalogna, e dirige documentari e campagne di sensibilizzazione sulla necessità di migliorare gli alimenti l’infanzia.
  19. AAA Rodolfo Guzman1 (1)Rodolfo Guzman, Cile: rappresenta alla perfezione l’innovazione culinaria, dal momento che adora scoprire ingredienti tipici da tutto il Cile. Proprio da questa sua passione è partito per creare i piatti di Conectaz, il suo centro  di ricerca a Boragó, in cui lavora un team che studia gli ingredienti con una prospettiva sul futuro della sicurezza alimentare e della sostenibilità.
  20. AAA Teresa Corçao2Teresa Corçao, Brasile: è la fondatrice dell’Instituto Maniva, che sostiene l’agricoltura familiare biologica e una migliore alimentazione in tutta la società, la cui rete di ecochef, ideata nel 2009, promuove la cucina etica e l’informazione in tutta la filiera gastronomica.

I commenti degli utenti