I 100 migliori ristoranti d’Europa secondo OAD

29 maggio 2016

Fino a qualche anno fa l’esperienza gastronomica più intensa che potessimo avere si disvelava nella lista della spesa che mogli attente e maniache del controllo lasciavano disinvoltamente sul tavolo: pane, verdure, yogurt. il sito opinionated about dining ha stilato la classifica dei migliori 100 ristoranti d'europa Adesso, bisogna fare una lista pure per scegliere la bettola in cui ubriacarsi col vino della casa. Ogni ristorante è consigliato da qualcuno, ha la porta invasa di adesivi, è fotografato fin nei minimi dettagli e la mia opinione, che ogni tanto trovo buone pure le pizze surgelate, vale quanto quella di Fiammetta Fadda, che magari non sa nemmeno che i supermercati, verso la fine, hanno il banco freezer. Così, quando le liste ufficiali, quelle stilate a qualche titolo da chi ha (o dovrebbe avere) una certa qual competenza, non ci bastano, mettiamo insieme un circolo, facciamoci eleggere presidenti di qualche fondazione, conquistiamo un club e via con le classifiche. Un gruppo di gourmet appassionati, che attraverso il sito OAD (Opinionated About Dining) ha lasciato i propri commenti, è giunto così a premiare i migliori 100 ristoranti d’Europa. La votazione avviene in questo modo: un gruppo di  buongustai pieni di voglia di girare il mondo visita i migliori ristoranti e li recensisce in poche righe, assegnando poi a ognuno un giudizio che va da Buono ad Assolutamente Imperdibile. Tali segnalazioni vanno poi conciliate con dati come l’autorevolezza del commentatore (soltanto i più solerti arrivano a far parte dei 150 top voters) e la popolarità del ristorante.

bottura-min

Essendo noi in fondo patriottici, quando non provinciali, facciamo finta di volerci informare su come va il mondo, ma ci interessa soltanto vedere se nella lista ci siano degli italiani; per poi scoprire quali siano, se possiamo andarci, se li abbiamo visti in un programma in replica con Davide Mengacci e se per questo ci sentiamo di dire che li conosciamo bene e che, anzi, siamo quasi amici di famiglia. Quest’anno potrà vantarsi solo chi ha amici molto internazionali: nella nona edizione, tra i primi dieci non c’è nemmeno un italiano. Massimo Bottura  (secondo nella World’s 50 Best Restaurants, Tre Forchette, Tre Stelle, 100 punti su 100, 20 su 20 quando si vota in ventesimi, chef dell’anno ogni anno, per un inventario di premi che equivale solo alle lauree ad honorem di Piero Angela) si è piazzato soltanto al quattordicesimo posto; segno che, se per gli esperti è il miglior creativo del mondo, deve aver preso parecchi Buono e Buono+ dagli appassionati dell’OAD.

alain passard

A vincere è stato invece Alain Passard, con L’Arpège di Parigi, definito come un laboratorio di talenti in cui le materie prime sono valorizzate con la più grande cura e attenzione. La Francia è presente con altri 27 locali imperdibili; a noi ne restano, oltre all’Osteria Francescana, altri 14, tra cui Le Calandre di Alajmo, Piazza Duomo di Crippa, Il Povero Diavolo con lo chef Piergiorgio Parini, Uliassi a Senigallia e Esposito alla Torre del Saracino, per rimanere tra i primi 50. Se volete invece sperimentare le vette designate dall’OAD, dovete spingervi in Spagna (secondo posto a Azurmendi, settimo a Etxebarri, ottavo a Diverxo, decimo a Restaurante Quique Dacosta) o in Blegio (In the Wulf), o almeno in Svezia (Faviken), se non volete accontentarvi del Noma di Copenaghen (arrivato al quinto posto) o del Vendộme tedesco (nona posizione).

roca fratelli

Se vi fidate di più del World’s 50 Best Restaurants, le liste concordano sul Noma (che in questo caso è però terzo), mentre per la prima posizione dovete comunque volare in Spagna, ma a Girona, per El Celler de Can Roca. Se non vi basta l’Europa, sul sito dell’OAD trovate anche le liste dei 50 migliori ristoranti giapponesi, le mete imperdibili degli Stati Uniti, le novità più sorprendenti e i classici da riscoprire; senza contare che la lista dei migliori 100 d’Europa prosegue, inspiegabilmente, fino a 200. Dopo averli letti per bene, fate una lista dei movimenti che vi servono per spegnere il computer e apprestatevi a votare i 10 migliori contorni proposti oggi a pranzo da vostra suocera, per confrontarli con la lista dei migliori 10 cucinati giovedì da vostra madre.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti