Cos’è un cremoso?

4 giugno 2016

Se parliamo di cremoso già sentiamo le papille gustative che fremono e la mente che si proietta verso torte farcite, piramidi di creme, sac à poche e decorazioni, spesso però ci lasciamo guidare più  da un’assonanza linguistica che da una perfetta conoscenza delle tecniche di base di pasticceria. Il cremoso può essere utilizzato per farcire torte, ma anche mangiato al cucchiaioCos’è dunque il cremoso, oltre che una preparazione di base che caratterizza i dolci più buoni e golosi dell’universo? Il nome potrebbe parlare già da sé: questa mousse è composta da una base di crema inglese, che non prevede, come saprete l’aggiunta di farina. Rispetto alla crema inglese tradizionale occorre però sostituire metà della dose di latte con un uguale quantitativo di panna. Alla base, che ovviamente non deve avere grumi, si aggiungono altri ingredienti per aromatizzare il composto. Tra le varianti più comuni vi è sicuramente il cioccolato, in tutte le sue declinazioni. Una realizzazione di base dunque apparentemente semplice e versatile può essere arricchita in moltissime maniere, ad esempio con pistacchio, caramello o frutti di bosco.

still_life_torta_mousse_cioccolato

La consistenza rende il cremoso perfetto per essere usato come farcitura di torte a più strati, come quelle del noto chef pasticcere Maurizio Santin che nella preparazione della torta gianduia utilizza uno strabiliante cremoso al cioccolato. Se non siete amanti dei dolci strutturati, non disperate, il cremoso è ottimo anche da solo, mangiato come dolce al cucchiaio, magari accompagnato da una nota croccante, come un croccantino di nocciole, delle sfoglie di cioccolato un trito di frutta secca, qualche goccia di cioccolato bianco.

I commenti degli utenti