Burger for Real Hellmann’s: ecco il vincitore

28 giugno 2016

Ingredienti semplici, sapori decisi e un abbinamento insolito. È il combinato disposto di questi tre elementi che ha portato alla vittoria Simone Giovanetti e fatto trionfare il suo burger gourmet durante la finalissima di Hellmann’s Burger for Real, simone, 24 anni e studente d'ingegneria, è il vincitore del concorso hellmann's burger for real il concorso ideato da Hellmann’s in collaborazione con Agrodolce che ha coinvolto gli amanti della cucina più appetitosa, invitandoli a reinterpretare il piatto icona della cucina americana e valorizzarne il gusto con la maionese Hellmann’s. A stabilire il primato goloso del panino ideato dal 24enne studente d’ingegneria gestionale, un giudice d’eccezione, l’implacabile Joe Bastianich, che ha premiato il vincitore del contest alla Fonderia Napoleonica Eugenia di Milano che grazie a Hellmann’s volerà a New York, per una settimana di viaggio indimenticabile in una delle capitali dello street food mondiale. Ecco com’è nato l’hamburger vincente.

hellmann's vincitore

Simone, facciamo un piccolo passo indietro e partiamo dall’hambuger che ti ha portato tra gli otto finalisti dei Hellmann’s Burger For Real. Come ti è venuta l’idea del Burger Benedict?
Riguardando una puntata di MasterChef. Una delle sfide proposte era la preparazione delle uova alla Benedict e ho pensato che poteva essere una buona idea di partenza. Poi mi è venuto in mente di mettere assieme prodotti di diverse regioni italiane a cominciare dalla mia, il Trentino: per questo ho scelto di frullare gli asparagi con la salsa bolzanina, un grande classico della mia terra, e di mischiare la carne di vitello con la salamella di Mantova.

Oltre alla maionese Hellmann’s hai poi aggiunto la scamorza affumicata, sostituendola così al classico cheddar.
Confesso che lo spunto me l’ha dato proprio un pezzo di Agrodolce, in cui si parlava del Juyci lucy. Non è il classico cheesburger, in cui il formaggio si dispone sopra l’hamburger, e per questo mi ha incuriosito. Nel complesso il risultato era molto gustoso ed è stato apprezzato dai giudici visto che sono arrivato in finale.

hellmann's finale

Durante la finalissima alla Fonderia Napoleonica, a te e agli altri due finalisti è stato poi consegnato un paniere con ingredienti uguali per tutti e svelati al momento. Cos’hai utilizzato della mystery box?
Ho utilizzato il pane al sesamo, l’avocado, il pomodoro oltre ovviamente alla carne e alla maionese Hellmann’s. In più ho preparato delle cipolle rosse che ho pensato di caramellare per rendere il panino più sfizioso.

Da cosa ti sei lasciato ispirare per creare quello che hai ribattezzato il Summer Burger?
Quando ho visto l’avocado ho pensato subito alle grigliate estive con gli amici. Oltre al classico barbecue ci piace stuzzicare con guacamole e tortillas e così ho provato a utilizzare il frutto creando una salsa con la maionese e credo di aver fatto una mossa giusta visto che Joe ha molto apprezzato questa scelta.

Cosa ti ha portato alla vittoria?
Penso l’aver cotto bene la carne, averla salata in maniera abbastanza corretta e forse le cipolle caramellate hanno dato un tocco in più all’hamburger.

hellmann's burger

Sei riuscito a divertirti durante il contest o l’ansia ha preso il sopravvento?
Purtroppo ero un po’ febbricitante quel giorno, perciò non ho potuto dare il massimo. Nel complesso è stata una bellissima esperienza: non capita tutti i giorni di cucinare live davanti ad un pubblico così attento e soprattutto di essere giudicati da mister Bastianich, che seguo e apprezzo molto.

Chi ti ha trasmesso la passione per la cucina?
Direi entrambi i miei genitori. Mia mamma è un’ottima cuoca, mio padre si diletta soprattutto nei dolci ed è molto attento ai dettagli. Poi a scuola ho avuto delle insegnanti molto speciali: già alle scuole elementari ci hanno insegnato qualche piccola ricetta e il gusto dello stare ai fornelli ho iniziato ad assaporarlo da piccolo. Oggi la cucina è un bellissimo hobby.

E proprio questa tua passione per il food ti permetterà di volare a New York: il premio per la vittoria del contest, offerto da Hellmann’s, è infatti un viaggio nella Grande Mela.
Sarà la mia prima volta in assoluto in America e a New York. Voglio concedermi tutte le classiche tappe da turista, dal Museo di storia naturale all’Empire State Builiding, dal Madison Square Garden a Central Park. Ma una bella fetta di tempo la dedicherò al turismo culinario.

hellmann's burger

Sei più da street food o da deli?
Proverò un po’ di tutto, ma sono più attratto dai deli, perché rappresenta forse meglio il mix di culture degli Stati Uniti e mi attrae moltissimo. Per questo mi sono già segnato un po’ di indirizzi culto e cercherò di provare più cose possibili, dai bagel originali al pastrami on rye, fino alle zuppe più particolari. Sono molto curioso e dunque aspetto anche i suggerimenti degli amici foodies che ci sono già stati. Per me andare a New York è un desiderio che si avvera.

A proposito di desideri, la cucina di quali chef ti piacerebbe provare?
Beh, ovviamente Massimo Bottura. E poi mi piace il mainstream di Cracco e Gordon Ramsay.

I commenti degli utenti