9 ingredienti-trend dagli Stati Uniti

28 giugno 2016

Farm-to-table, cibo locale, ritorno dei grassi e della frutta negli alimenti. Quando il cibo diventa tendenza, ci sono dei trend da seguire che sono poi intercettati dal mondo del marketing e della comunicazione. Ancora una volta tutto viene dagli Stati Uniti, il Paese che fa da trendsetter, anche e soprattutto nel mondo del cibo. Studi di settore, ricerche di marketing, abitudini dei consumatori: il Paese a stelle e strisce non è solo cibo di massa, junk food, ma anche controcultura americana votata al sostenibile, al cibo sano. Quali sono gli ingredienti, i cibi, i trend del 2016 che spopolano negli Stati Uniti?

  1. union square greenmarketFarm-to-table. Dal glocal al local: una filosofia che ormai ha preso piede e si è radicata su tutti i livelli, complici i farmer’s market e Slow Food. La parola d’ordine è: dal produttore al consumatore. La frutta fresca comprata direttamente in campagna, la carne da allevamenti locali, le verdure del vicino di casa. Il farm-to-table diventa un marchio, un brand, sbandierato da ristoranti e da supermercati.
  2. Senza GlutineGMO, Gluten Free, Organic. Il rovescio della medaglia di un’America che si ingozza di cibo spazzatura, bevande super-zuccherate, è una tendenza iper-salutista che diventa ossessione. Lo hanno capito anche le più grandi catene alimentari: healthy is good. E puoi anche guadagnare molto. Se vuoi attirare una fascia di mercato alta, sui prodotti non possono mancare le etichette No OGM, gluten free e sopratutto bio.
  3. chips di caroteIl ritorno delle verdure. Le chips di cavolo, le sweet potatoes con i broccoli: l’amore per le verdure non conosce confini. E così che ci ritroviamo un’onnipresenza di verdure in prodotti che prima erano considerati solo snack ipercalorici.
  4. fiori eduliFiori. Il motivo floreale lo ritroviamo nel cibo: non solo tè e bevande con fiori, dalla lavanda al gelsomino, ma anche il cibo si apre alla contaminazione dei fiori. Rose e fiori di ibisco nel cioccolato, nelle torte, negli snack dolci e salati.
  5. Spighe grani antichiGrani antichi. Questo è un effetto del gluten free, che in America si è trasformato in una vera e propria ossessione e moda. Non bastano solo le farine di riso ma anche quelle di grani antichi, soprattutto italiani.
  6. kimchiKimchi, cibo fermentato e con probiotici. La kimchi-mania impazza ancora in America. Il piatto coreano a base di verdure fermentate e spezie ha fatto da apripista a un trend che predilige cibi fermentati e con probiotici. Di questo trend fa parte anche l’amata bevanda kombucha.
  7. muccaGrass-fed. Carne non solo biologica ma da allevamenti di animali alimentati solo con erba. Lo scorso anno, oltre 1000 allevatori statunitensi sono passati al grass-fed. Una scelta che ha catturato un’ampia fetta di consumatori salutisti.
  8. cavolo neroKaleIl cavolo nero è entrato prepotentemente nelle tavole dei consumatori, dei ristoranti, delle famiglie. Una verdura che ha guadagnato la sua popolarità tra i millennial. La kale salad è diventata il piatto simbolo di una cultura americana salutista e attenta. Con il cavolo si preparano piatti vegani e vegetariani, ma ci si guarniscono anche i donuts. Comincia però a nascere la tendenza opposta del kale-free: staremo a vedere.
  9. latteFat is back. Tornano i grassi: quelli del latte intero, del burro chiarificato, dello yogurt. Devono rigorosamente essere solo grassi sani e naturali, però. Niente olio parzialmente idrogenato.

I commenti degli utenti