Casu marzu: il formaggio più pericoloso al mondo?

1 agosto 2016

Conoscete il Su Casu Marzu? Si tratta di un formaggio cremoso italiano prodotto in Sardegna, conosciuto anche con il nome Formaggio con i vermi, dal momento che la sua morbidezza è dovuta alla colonizzazione da parte delle larve di mosca casearia. Non lo conoscevate? Non è sicuramente un male data la sua fama non troppo gratificante: il Casu Marzu, infatti, è stato inserito nel libro del Guinness dei Primati 2009 come formaggio più pericoloso del mondo. Il motivo? “Eventuali larve rimaste sopravvissute all’azione di succhi gastrici potrebbero provocare vomito, dolori addominali e diarrea sanguinolenta”. La verità, al momento, è però un’altra: fino ad oggi non si ha evidenza di patologie o disturbi direttamente connessi con il consumo del formaggio con i vermi.

Agrodolce

Ma c’è un però: l’Unione Europea ne ha proibito la produzione e la commercializzazione per via delle norme igienico-sanitarie. La produzione del cremoso formaggio avviene nei mesi primaverili ed estivi: le forme di pecorino sono punte della mosca del formaggio, che depone le uova una volta pronte, le forme di pecorino vengono lasciate in alcuni locali aperti dove vengono punte dalla mosca del formaggio, la Piophila casei, che depone le sue uova. Una volta schiuse, le piccole larve con i loro enzimi, trasformano il pecorino in una crema morbida. Il processo di maturazione dura dai tre ai sei mesiNonostante la denominazione di formaggio più pericoloso del mondo e il divieto di commercializzazione dell’Unione Europea, nel 2004 per salvaguardarlo il Casu Marzu è stato inserito tra gli oltre 4 mila prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle Politiche Agricole, una certificazione, questa, che consente di avere una deroga rispetto alle norme igienico-sanitarie europee. Come dicevamo, dunque, fino ad oggi non risulta alcun collegamento tra il consumo di questo formaggio e un qualsivoglia problema di salute, sarà davvero il Formaggio più pericoloso al mondo?

I commenti degli utenti