Musica e buon vino a Cantinando 2016

5 agosto 2016

Al grido più vino meno petrolio torna, il 18 e il 19 Agosto a Barile (in provincia di Potenza), Cantinando. La kermesse di svolgerà come sempre nel Parco Urbano delle Cantine, caro a Pier Paolo Pasolini, che qui girò la parte iniziale del Vangelo secondo Matteo (1964). Sarà in questo luogo magico, scavato nel tufo nel XV secolo con la fatica delle braccia, che esploderà un mix di cibo, vino, arte e musica. L’evento, infatti, prevede concerti, degustazioni, mostre di pittura, scultura, fotografia e artigianato, street art, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche, convegni, presentazioni di libri, giocolieri, attività per bambini, cultura e tradizioni popolari.

cantinando

In Cantinando si concentra la forza degli arbereshe, un popolo che ha lottato, è fuggito ma, soprattutto, ha ricostruito. Un luogo in cui la terra odora ancora oggi di immigrazione e dal quale alcuni giungono ed altri partono. L’anima di Cantinando è l’Aglianico del Vulture, noto anche come il Barolo del Sud. Spremitura di uva rossa che impregna il calice emanando sentori di fragola e lampone. Sapido, tortuoso, vigoroso, il vino DOC e DOCG è uno dei migliori d’Italia e assaporarlo in questa cornice non ha prezzo.

cantinando_70x100 OK OK

In Cantinando si incontrano le idee, le emozioni e i ragazzi di tutto il mondo, giunti tramite un International Work Camp in cerca di connessioni, di contatti con altre realtà culturali e di connessioni con esse. In poche parole, Cantinando è una festa a 360°. Non la festa del cibo o della musica o dell’arte, ma la festa in cui tutte le prospettive del buon vivere diventano una cosa sola. Non vi resta che puntare la bussola verso sud e lasciarvi trascinare dalla melodica fragranza di Cantinando. Tra gli appuntamenti da non perdere segnaliamo la degustazione di vini del territorio di Pigne D’Uva al Parco Urbano delle Cantine (18 agosto, ore 20) e il concerto delle Officine Popolari Lucane (19 agosto, ore 22, piazza Pier Paolo Pasolini). Se siete nei dintorni, non mancate.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti