I semi di lino: cosa, come e perché?

8 agosto 2016
di Giulia Ubaldi Cossutta

Lo sapevate che nei semi di lino c’è più omega-3 che in qualunque altro tipo di pesce? Leggera nota finale dei piatti, questa fonte vegetale riduce il rischio di sviluppare cellule tumorali, soprattutto a seno, prostata, e colon. Inoltre, i semi di lino sono noti per altri effetti benefici: ridurre la quantità di colesterolo cattivo nel sangue, alleviare le vampate di calore delle donne in menopausa,I semi di lino sono ricchi di omega3, più di qualsiasi pesce, e aiutano a combatter il colesterolo, le vampate di calore e la glicemia alta se assunti ogni giorno anche di migliorare il controllo glicemico in soggetti affetti da obesità. Secondo alcune teorie sono utili anche nella cura di altre patologie quali emorroidi, infiammazioni e ascessi. A differenza dell’olio, i semi di lino si conservano meglio, poiché non irrancidiscono. Per poter pienamente usufruire dei loro valori nutrizionali, bisogna frullarli in un tritatutto e polverizzarli, in modo tale da rompere la dura cuticola esterna. Così, ne bastano un paio di cucchiai al giorno in un bicchiere d’acqua fredda, per avere sia un effetto lassativo che un generale beneficio sulla mucosa intestinale. Infine, da non dimenticare tutti gli usi che possiamo fare di questi semi anche solo come sfumatura poetica nelle nostre ricette: noi ne abbiamo pensate cinque per voi.

  1. shutterstock_425058799Crema di Budwig: La chiamano la colazione della salute, quella a basso contenuto di grassi, ma di altissimo valore nutrizionale. La colazione prevista dal Metodo Kousmine, efficace nel migliorare le risposte del sistema immunitario, prevede la crema di Budwig. Il vantaggio di utilizzare all’interno di questa ricetta semi di lino al posto dell’olio sta nel loro essere antiossidanti, antibatterici e antimicotici, anche grazie alla presenza di lignani. Va preparata con ingredienti freschi e macinati al momento, in modo tale che le proprietà vengano conservate al meglio. Gli ingredienti sono 2 cucchiaini di semi oleosi come mandorle, zucca, noci o semi di girasole, 1 cucchiaino e mezzo di semi di lino, 1 cucchiaio di cereali integrali crudi, 2 cucchiai di yogurt o di ricotta, il succo di ½ limone, 1 banana matura, o un cucchiaino di miele, 100 g di frutta di stagione. Per prepararla dovete macinare i semi di lino, gli altri semi oleosi e i cereali, e a parte anche gli atri ingredienti, fino ad ottenere una crema omogenea. Quindi unite il tutto, consumando la crema subito, accompagnata da una tazza di tè.
  2. Polpette di merluzzo e semi di lino: Una ricetta appetitosa, semplice e veloce. Una variante delle classiche polpette di tonno con semi di sesamo e di papavero. Basta utilizzare la stessa quantità di merluzzo al posto del tonno e i semi di lino per rivestire l’esterno delle polpette. Il risultato supererà l’aspettativa, diventando uno di quei secondi di cui non potrete fare a meno, per la sua leggerezza e per la preziosa presenza di omega-3.
  3. shutterstock_435719194Colazione marrone: Sempre per quanto riguarda la colazione potete anche decidere di unire il latte parzialmente scremato, qualche ricciolo di crusca, nocciole, caffè e ovviamente semi di lino. La crusca, nota come lassativo, ha anche il pregio di anticipare il senso di sazietà, quindi di farci arrivare all’ora di pranzo senza alcun problema. Inoltre pare che questo mix sia ideale per l’assorbimento dei grassi e per prevenire il diabete senile. Da non sottovalutare neanche l’importanza delle nocciole che, ricche di vitamina E danno beneficio a capelli, pelle e ossa e hanno, come i semi di lino, un’azione antitumorale.
  4. Petti di pollo impanati con semi di lino: Panature, fritture e croste sono un ottimo metodo per far mangiare qualsiasi cosa anche ai palati più difficili ed esigenti. Ma per farlo non dobbiamo per forza ungerci di grasso: possiamo farlo anche in modo sano. Uno di questi è proprio il petto di pollo con semi di lino. Provate per esempio a coprire alcuni petti di pollo con pangrattato, parmigiano grattugiato, semi di lino e polvere di zenzero: otterrete un piatto esotico e fresco, leggero e salutare, anche grazie alle straordinarie proprietà dei semi di lino.
  5. shutterstock_415565899Pane ai semi di lino: Con il proliferare di vegetariani, vegani e celiaci, una ricetta come questa è d’obbligo. Il pane può essere preparato con una farina integrale, alla quale aggiungere i semi di lino, per rendere il pane più croccante fuori e più morbido dentro, con un odore leggermente tostato. Per preparare  questo pane servono 450gr di farina integrale, 4 cucchiai di semi di lino, 30gr di lievito di birra fresco, 1 cucchiaino di zucchero di canna integrale, acqua, 1 cucchiaino di sale, 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, 1 uovo. Per prepararla mischiate la farina con 2 cucchiai semi di lino, poi sciogliete il lievito e lo zucchero in un bicchiere di acqua tiepida e unite il tutto alla farina. In un altro bicchiere, sciogliete il sale nell’olio con un cucchiaio di acqua e incorpora il tutto con la farina. Impastate energicamente fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Spennellate l’impasto con dell’olio e ponetelo a lievitare in una ciotola per 30 minuti, coperto da un panno. Ricavate quindi delle pagnottelle e posizionatele su una teglia foderata di carta forno; spennellate la superficie con l’uovo sbattuto e ricoprite con i restanti semi di lino. Lasciate lievitare per altri 30 minuti e poi infornate a 180° per mezz’ora.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti