Top Chef Italia: conosciamo i concorrenti

29 agosto 2016

Credevate (o speravate) che l’era della cucina in tv fosse finita? Errore (ve lo avevamo anticipato): dal 14 settembre, ormai tutti lo saprete, parte su Canale 9 Top Chef Italia, format nato nel 2006 negli Stati Uniti e che poi ha fatto il giro del mondo in 18 Paesi. Incredibile che sbarchi in Italia dopo dieci anni. Sappiamo che la giuria è composta da Annie Feolde della tristellata Enoteca Pinchiorri, dai bistellati Mauro Colagreco del Mirazur di Mentone e Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore e da Giuliano Baldessarri del vicentino Aqua Crua, stellato anche lui. I concorrenti saranno invece 15, e la novità, rispetto agli altri talent, è che stavolta sono già professionisti. Cuochi provetti, già abituati a lavorare nelle cucine dei ristoranti, ma desiderosi di passare a un livello superiore. Si contenderanno una cifra in denaro e un corso di formazione/perfezionamento. Magari proprio nelle cucine dei giurati… Ecco chi sono.

JACOPO MARIA BRACCHI

TOP CHEF_Jacopo Maria Bracchi_DSC8531

25 anni, Milano, vive a Parma, Chef de cuisine. Nel capoluogo lombardo Jacopo è cresciuto e ha studiato fino all’alberghiero, trasferendosi poi in Francia, dove ha lavorato al ristorante di Alain Ducasse a Parigi. Proprio qui conosce Maria, sua attuale fidanzata, anche lei concorrente di Top Chef Italia. Dopo un’esperienza insieme nell’attuale capitale gastronomica francese, Bordeaux, di recente Jacopo e Maria sono tornati in Italia, e si sono stabiliti a Parma con l’idea di aprire in provincia della cittadina un ristorante tutto loro.

FILIPPO CRISCI

TOP CHEF_Filippo Crisci_DSC8664

29 anni, Caserta, vive a Cesenatico, Cuoco. È frequentando l’Istituto alberghiero nella sua Caserta che sono nati i due amori di Filippo: quello per la cucina e quello per la fidanzata. Terminati gli studi alberghieri Filippo ha fatto esperienza in grandi ristoranti stellati: Paolo Teverini, Capri Palace, Taverna Righi, La Siriola. Fino ad arrivare al ristorante dell’Hotel Palace di Milano Marittima. Il sogno: aprire un ristorante solo suo.

FEDERICO D’AMATO

TOP CHEF_Federico D'Amato_DSC8634

27 anni, Poviglio (RE), Chef de partie. Federico è un figlio d’arte, ha vissuto da sempre nel mondo della ristorazione: insieme al padre Gianni D’Amato per 15 anni ha gestito il bistellato Rigoletto di Reggiolo, prima che nel 2012 il terremoto lo distruggesse. Hanno così aperto un altro ristorante a Poviglio, il Caffè Arti e Mestieri (che attualmente non ha stelle). Con Top Chef Federico vuole dimostrare talento e indipendenza dalla tradizione familiare.

ERICA PETRONI

TOP CHEF_Erica Petroni_DSC8802

29 anni, Pisa, vive a Merano, Chef Patron. Un amore per la cucina che da passione si è trasformata in lavoro, quella di Erica: laureatasi in design, ha curato libri sui protagonisti dell’alta ristorazione, ha lavorato in svariati locali (per un brevissimo periodo anche all’Osteria Francescana), è stata critica gastronomica. Ora sente di aver trovato la sua strada: si chiama Food Art Factory, è un “ristorantino portatile gourmet» – come lo chiama lei – che si sposta tra Bolzano, Merano e Rovereto“. Gusto per Erica ora fa rima con indipendenza: “Faccio quello che voglio, vado dove voglio, scelgo la materia prima che voglio”.

DARIO PICCHIOTTI

TOP CHEF_Dario Picchiotti_DSC9005

35 anni, Bologna, Chef Patron. Dario, formazione da autodidatta, che più disparata non si può: pizzaiolo, personal chef per Vasco Rossi, nelle cucine dei big dell’alta ristorazione. Oggi ha un ristorante a Sacerno (Antica Trattoria di Sacerno), un piccolo paese nella provincia bolognese. Cenando da lui il cliente – parola sua – «deve fare un percorso». Già sentito?

CHIARA CANZONERI

TOP CHEF_Chiara Canzoneri_DSC8717

32 anni, Gorizia, Chef Patron. Una cosa è certa: non perde tempo, Chiara. E infatti è diventata mamma a 20 anni, ma lavora in cucina da quando ne aveva 14. Sposata con un carabiniere spesso in missione in Medio Oriente, friulana, cresciuta in una famiglia di pescatori, da quattro anni è socia nel ristorante di pesce dove lavora: l’Hendrick’s di Gorizia. Curiosa, non smette mai di aggiornarsi e di imparare.

SIMONE CICCOTTI

TOP CHEF_Simone Ciccotti_DSC8983

44 anni, Perugia, Chef Patron. Pensare che i suoi genitori lo volevano farmacista. Simone ha lavorato un bel po’ con Marchesi e ha maturato molte esperienze professionali. Quando poi, qualche tempo dopo aver aperto la sua attività, gli hanno conferito la stella Michelin, non si è presentato alla cerimonia di assegnazione. Perché è convinto che a decidere della bontà o meno di una cucina sia il cliente. È alla guida dell’Antica Trattoria San Lorenzo di Perugia.

RAFFAELE LIUZZI

TOP CHEF_Raffaele Liuzzi_DSC8705

52 anni, Canosa di Puglia, vive a Misano Adriatico, Chef Patron. Un pugliese in Romagna: Raffaele è infatti cuoco e chef patron del Ristorante Liuzzi a Cattolica. Nel 2008 anche una stella Michelin, poi persa. In cucina ama mixare elementi della tradizione culinaria pugliese con quella romagnola, e crede che a tavola sia importante divertirsi. Come? Per esempio servendo gli ingredienti a parte, invitando i commensali a comporre autonomamente il piatto.

PALMIRO CARLINI

TOP CHEF_Palmiro Carlini_DSC8858

40 anni, Offida (AP), vive a Martinsicuro (TE), Cuoco. Un paese nelle Marche tra mare e montagna: da qui Palmiro è partito per lavorare in luoghi come Miami e Abu Dhabi. Si ritiene il primo rappresentante in Italia di neurogastronomia: “Il mio obiettivo? Con un piatto posso farti toccare la massima felicità, ti posso far raggiungere l’orgasmo“». Ma soprattutto è uno Chef Start-up: “Mi occupo di aprire ristoranti italiani all’estero“.

ORNELLA DE FELICE

TOP CHEF_Ornella De Felice_DSC8960

39 anni, Roma. Cuoca. Nata a Nettuno, Ornella, dopo la laurea in sociologia, a 30 anni si trasferisce a Roma decidendo di seguire la sua vocazione per la cucina e di intraprendere la professione di cuoca. La sua maestra è Cristina Bowerman, la sua palestra il Glass Hostaria. Della sua mentore dice: “Da grande mi piacerebbe diventare come lei“. Ora Ornella è la chef di un piccolo ristorante a Roma, il Coromandel.

MICAELA DI COLA

TOP CHEF_Micaela Di Cola_DSC8894_copia

36 anni, Roma, Food Stylist & Chef consultant. Romana, la sua famiglia è proprietaria di ben 7 ristoranti. Micaela è chef consulente e food stylist. Come consulente, avvia l’apertura di ristoranti di livello medio-alto, l’ultimo aperto è a Roma, in piazza Navona. Il suo punto di forza è inerente però all’essere una food stylist: avere la capacità di selezionare materie prime di eccellenza e realizzando piatti che sappiano unire il gusto all’elemento estetico.

MATTEO TORRETTA

TOP CHEF_Matteo Torretta_DSC8485 copia

35 anni, Milano, Chef. Forse il concorrente che fra tutti, è già un volto noto al grande pubblico per la sua partecipazione al programma Detto Fatto condotto da Caterina Balivo su Rai 2. Fin da piccolo Matteo è un outsider, il classico ribelle senza voglia di studiare. Dopo la scuola alberghiera, gira l’Europa, poi torna in Italia e, a soli 27 anni, lavora nelle cucine di Marchesi, Cannavacciuolo, Cracco, ecc. Ora è lo chef di Asola, il rooftop restaurant del Brian&Barry Building a Milano. La persona più importante della sua vita: la moglie Cinthia, con cui da 11 anni condivide tutto, vita lavorativa e privata.

MASAKI KURODA

TOP CHEF_Masaki Kuroda_DSC8877

35 anni, Giappone, vive a Lucca, Chef. Nato in Giappone, da dove, ragazzino, è partito per fare esperienze di lavoro in ristoranti importanti. È approdato in Italia alcuni anni fa, fermandosi prima a Lucca, poi ad Alba, e tornando infine in Toscana. Al momento lavora presso il Ristorante Serendepico a Capannori, in provincia di Lucca. Nel suo Dna c’è la cucina italiana: il suo piatto preferito è il caciucco, mentre il suo cavallo di battaglia è la porchetta. Progetti: aprire un ristorante italiano in Giappone, perché trova molte similitudini tra i due Paesi. La sua più grande passione dopo la cucina è lo skateboard.

MARIA AMALIA ANEDDA

TOP CHEF_Maria Amalia Anedda_

25 anni, Parma, Chef de cuisine. Due cuori e una cucina. Maria è nata e cresciuta a Parma, ma si trasferisce dopo gli studi a Parigi. È proprio nella Ville Lumière, nella cucina di Alain Ducasse, che conosce Jacopo, suo fidanzato e anche lui concorrente di Top Chef. Dopo l’esperienza parigina, i due si sono trasferiti insieme a Bordeaux, per lavorare nel ristorante di un castello. Rientrati da poco in Italia, il loro prossimo progetto è aprire un ristorante insieme nella provincia parmense.

MATTEO FRONDUTI

TOP CHEF_Matteo Fronduti_DSC8495 copia

38 anni, Milano, Chef Patron. Quando restava a casa da solo, preparava cene per i suoi amici del liceo. Poi Matteo, capendo che questa sua passione poteva trasformarsi in vera professione, si è avvicinato alla ristorazione. Ha scelto di aprire il suo Ristorante Manna in periferia, fuori dai canonici circuiti. Si definisce un concorrente competitivo ed è un cultore delle materie prime, perché se trattate nel modo giusto, dice, sono esse stesse un grande piatto.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti