Chef Rubio con Casa Italia per le Paralimpiadi di Rio

30 agosto 2016

È uno dei cuochi più famosi e amati della TV, con il suo programma di culto su DMAX, la passione per lo street food e quello stile comunicativo, originale e moderno, che l’ha reso uno dei personaggi più interessanti dell’ultimo periodo. E ora Chef Rubio, onorando non solo la passione per la cucina ma anche quella per lo sport, si prepara a una nuova avventura. Il giovane cuoco, infatti, è stato scelto come chef ufficiale di Casa Italia per le imminenti Paralimpiadi di Rio.

La cucina come bene sociale

Paralimpiadi

Le Paralimpiadi di Rio sono ormai pronte ai nastri di partenza: dal 6 al 17 settembre, infatti, saranno molti gli atleti italiani e internazionali pronti a sfidarsi per conquistare le ambite medaglie. E anche Casa Italia è pronta all’acclamato evento, non solo sul fronte dello sport: all’interno della Parrocchia dell’Imaculada Conception, nella grande favela di Rocinha, si accenderanno anche i fornelli tricolore.

A tavola come nella vita – spiega Chef Rubio – non sono ammesse barriere, tutti ci cibiamo degli stessi piaceri”. È questa la filosofia che caratterizzerà la cucina del giovane frascatano, una filosofia che riflette anche i valori dell’Olimpiade, affinché si persegua l’eguaglianza, il bene sociale, senza nessun tipo di distinzione culturale, di genere, di etnia. Per questo Rubio ha voluto mettere a punto un’offerta di pietanze che possa rappresentare l’integrazione, con anche uno sguardo ai punti di unione tra la cultura italiana e quella brasiliana. Dalla pasta alla Norma fino alla cotoletta alla milanese, passando per la cacio e pepe e la zuppa di pesce, il menu offrirà una sorta di “Giro d’Italia” dei sapori, realizzato però con prodotti e materie prime locali, provenienti dai mercati rionali di Rio. Gli atleti, inoltre, potranno anche assecondare eventuali esigenze etiche, come quello per un’alimentazione vegana, o mediche, quali l’esclusione di ingredienti non indicati per i celiaci. Un totale di 12 cene per tutta l’estensione dell’evento, per circa 150 coperti ogni sera. Un lavoro impegnativo, che vedrà al fianco dello chef più amato dai social network anche la ExecutiveChef Fernanda Morici Longobardo e il miscelatore Edgardo Fontana. Con quest’ultimo verrà presentato il progetto Miniature, delle mini-degustazioni gastronomiche abbinate a drink alcolici e analcolici, serviti in apertura e chiusura delle cene.

Solidarietà e condivisioni

Gabriel Rubini

La cucina proposta da Chef Rubio si basa sull’inclusione e l’eguaglianza. Per questo motivo, e in linea con il progetto #joinus4rio2016 del CIP con contributi di solidarietà per la parrocchia Imaculada Conceicao e San Geraldo, l’esperienza dello chef sarà condivisa sia in Rete che sulla carta stampata.

Grazie a Twitter, Rubio potrà approfittare delle app Challenger e Q&A: con la prima verranno realizzati dei video di 30 secondi, delle cartoline virtuali da Rio, pubblicate sull’account ufficiale @Rubio_chef, la cui spassosa foto ufficiale, a tema, pubblichiamo qui sopra. La seconda, invece, permetterà al cuoco di interagire con gli appassionati, rispondendo una volta a settimana alle loro domande tramite l’hashtag #AskChefRubRio2016. Sul sito della Gazzetta dello Sport, infine, Rubio sarà protagonista della Rubrioca, un appuntamento video giornaliero a cura di Gianluca Pasini, per raccontare tutto del dietro le cucine di Casa Italia.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti