Pausa pranzo in ufficio: insolita lista di cose necessarie

12 settembre 2016

Non tutti (in pochissimi) riescono a tornare a casa per pranzo durante la settimana lavorativa e, tra quelli che rimangono di ufficio, c’è chi preferisce portarsi qualcosa da mangiare da casa piuttosto che fermarsi a uno dei bar o dei ristoranti della zona. per mangiare comdamente in ufficio è necessario progettare una piccola dispensa: ecco cosa può servireÈ la famosa schiscetta, termine milanese che indica il pranzo portato da casa e che ormai è diffuso e conosciuto in tutta Italia. Sì, perché negli ultimi anni c’è stata una vera e proprio esplosione del fenomeno. Sarà la crisi, sarò la vita sempre più frenetica, sarà l’attenzione verso un cibo sano e senza certi ingredienti ma sono sempre di più le persone che si organizzano per pranzare in ufficio. Di ricette e di consigli per queste occasioni ce ne sono tanti. Oggi vediamo gli oggetti da non dimenticare per godersi il proprio cibo al meglio e ricominciare a lavorare con rinnovata grinta. Una lista da ripassare i primi tempi per non ritrovarsi con una fame da lupi, un pranzetto delizioso e nessuna forchetta… purtroppo può capitare! Qualcosa poi potete lasciarlo anche in un cassetto della scrivania.

Ecco gli indispensabili per mangiare in ufficio…

  1. Lunch boxLunch box: per prima cosa serve un contenitore per il vostro pranzo. In commercio ne esistono di tanti tipi diversi, anche oggetti di design non solo utili ma pure bellissimi. Come scegliere quello giusto? Potete decidere in base all’estetica o in base al vostro cibo preferito, per esempio. Alcune lunch box sono più adatte alle insalate perché hanno uno spazio dedicato ai condimenti. Ci sono alcune con tanti scomparti così potete prepararvi assaggi diversi e se non avete il microonde la soluzione è il portavivande termico. Se preparate un piatto di pasta alla mattina, sarà ancora caldino all’ora di pranzo. Esistono persino i contenitori per i panini e i sandwich quindi davvero per tutti i gusti! Assicuratevi che abbiano la chiusura ermetica prima di riporli con nonchalance nella borsa.
  2. TovagliettaTovaglietta: potete portarla di volta in volta da casa, magari ogni giorno di un colore diverso, oppure tenerne una direttamente sul posto di lavoro. Avere una tovaglietta di stoffa, di plastica, di bambù è però importante per dare un po’ di vivacità al vostro pranzo. Tra l’altro, fermarsi, mettersi ad apparecchiare la tavola o la scrivania è la scusa buona per farvi staccare, per non correre un rischio diffusissimo ovvero quello di mangiare davanti al computer. Ci vuole una pausa a metà giornata e allora facciamoci un vero break!
  3. TovaglioloTovaglioli: anche in questo caso potete portarli ogni giorno oppure tenerne un pacchetto in ufficio ma un tovagliolo ci vuole. Va benissimo anche quello di carta, e potete cambiare colore a seconda della stagione o dell’umore. È usa e getta e tenerne una confezione in un cassetto della scrivania è più che accessibile.
  4.  CiotolScodella o piatto fondo: avete preso una box lunch spettacolare? Ottimo ma non dimenticate che ogni tanto fa bene all’umore cambiare e godersi il proprio pasto in un piatto come se foste a casa. In alcuni uffici ci sono dei cucinotti attrezzati con tutte le stoviglie e quindi potete semplicemente spostare il vostro pranzo da un contenitore all’altro. Se non siete tra i fortunati una scodella risolverà i vostri problemi: avendo i bordi alti è più difficile che vi cada qualcosa durante il travaso.
  5. PosatePosate: dimenticarle è fin troppo semplice quindi vi consigliamo di tenere un coltello, una forchetta e un cucchiaio di scorta in un cassetto della vostra scrivania. Quelle di plastica sono comode e pratiche, non c’è bisogno di lavarle e occupano pochissimo spazio ma non ci fanno proprio sentire a nostro agio. La pausa pranzo in ufficio deve essere un momento allegro, rigenerante quindi altolà a tutto ciò che potrebbe deprimerci come una forchetta che si spezza a metà del pranzo.
  6. salieraSale: ci sono lunch box con spazio riservato per i condimenti ma una confezione di sale, magari un po’ particolare è meglio tenerla anche in ufficio. Se il nostro pasto risulta alla fine insipido possiamo rimediare e l’insalata condita all’ultimo è più buona e croccante. Provate anche i sali arricchiti di spezie o erbe aromatiche per profumare l’ambiente di sentori che potrebbero ricordarvi le vacanze e l’estate.
  7. degustare olio
    Olio extravergine d’oliva
    : indispensabile per l’ufficio. È fondamentale per condire un’insalata, ma persino per rendere più morbido e aromatico un piatto di pasta, di cous cous o di miglio. Anche su una semplice caprese comprata al supermercato già pronta la mattina stessa saprà darvi forti emozioni.
  8. peperoncino di cayennaPeperoncino: se amate il piccante non potete dimenticare di dare un tocco fuocoso alla vostra pausa pranzo. A volte basta poco per trasformare un piatto poco invitante in qualcosa di scoppiettante. Se avete la possibilità in ufficio di mettere qualcosa in frigorifero portate con voi il tabasco altrimenti approfittate dei peperoncini essiccati, magari da spezzettare sul momento all’occorrenza.
  9. ORIGANOOrigano: stesso discorso per le erbe aromatiche. Aggiungerne un cucchiaino a volte può aiutare a rendere più invitante il nostro pranzo. Scegliete le vostre preferite. A noi piace tanto l’origano che, anche aggiunto in una semplice insalata, garantisce un aroma speciale. Se poi si tratta dell’insalata greca con la feta, le olive, i pomodori e i cetrioli… bè, è la morte sua!
  10. soiaSalsa di soia: dicono che sia ricca di umami, il gusto che raccoglie tutti gli altri, per questo non ne possiamo fare a meno. Se condividete questa nostra dipendenza non vi resta che attrezzarvi con una bottiglietta di salsa di soia anche in ufficio. Attenzione: sarebbe meglio conservarla in frigorifero una volta aperta oppure portarla da casa all’occorrenza.
  11. misoMiso: altro ingrediente ricco di umami e che probabilmente vi farà dimenticare il sale e forse anche lo stress del lavoro. È un prodotto a base di soia e altri cereali che si può trovare semplicemente in polvere. Aggiungetelo alle minestre, alle insalate o alle verdure cotte.
  12. wasabiWasabi: restiamo in Oriente. Se siete appassionati di questa parte del mondo, per sentirvi come a casa anche in ufficio avete bisogno del wasabi, un prodotto ricavato da quello che viene definito ravanello giapponese. Esiste anche in polvere così risolvete il problema del frigorifero.
  13. polvere di curryCurry: amate la cucina indiana? Benissimo, una scatolina di latta piena di curry nel cassetto della scrivania vi trasporterà ogni giorno in un mondo colorato e profumato. Dite addio al grigiore delle vostre stanze e del cielo nelle brutte giornate d’inverno. Un pizzico di curry su riso, pasta, cous cous o pollo e sarete pronti a ripartire!
  14. gomasioGomasio: dall’Asia vengono tanti prodotti interessanti e utili. Il gomasio è un alimento fatto di semi di sesamo tostati e sale ed è perfetto per dare un sapore più intrigante ed esotico a legumi, cereali, verdure crude o cotte, ma anche ricette a base di pesce. Si trova in polvere quindi è davvero pratico.
  15. TahinaSalsa tahina: altro famoso prodotto a base di sesamo, comunemente usato per preparare l’hummus. Aggiungetene un cucchiaino ai piatti a base di riso, di verdure o di legumi e il gioco è fatto. Potete anche preparare questa salsa a casa e poi portarla in ufficio ma ricordate di conservarla in frigorifero.
  16. paprika
    Paprika affumicata
    : della serie “mai più senza”. Un pizzico di questo condimento e le vostre zuppe, i piatti di pasta al sugo o i secondi di carne oppure di pesce non saranno più gli stessi. Si conserva in luoghi freschi e al riparo dalla luce, non serve il frigorifero.
  17. senapeSenape: riso, pasta, verdure cotte, pesce… e se la vostra schiscetta fosse solo un semplice panino? Niente paura, potete dargli un sapore nuovo, più sfizioso e fresco con l’aggiunta di un cucchiaino di senape. E, diversamente da quanto molti pensano, non deve essere conservata in frigorifero. Il cassetto della vostra scrivania ha ancora un spazio?
  18. shutterstock_196729976Tagliere: se avete ancora un buchino da qualche parte tenete un tagliere in ufficio. Magari la sera prima non avete avuto voglia o tempo di cucinare niente e potete fermarvi la mattina stessa a prendere qualche ingrediente fresco da assemblare comodamente in pausa pranzo. In questo caso il tagliere è comodissimo come piano d’appoggio, magari per tagliare del pane o delle fette di salame.
  19. thermosTermos: in tanti film americani vediamo i protagonisti andare in giro con i bicchierino di caffè da portare al lavoro. L’idea non è malvagia e possiamo renderla ancora più interessante e pratica con un semplice termos. Preparate a casa tè o caffè, caldo oppure freddo, e vi portate tutto in ufficio. Certi prodotti riescono a conservare la temperatura per parecchie ore così che dopo pranzo avrete qualcosa di speciale da sorseggiare.
  20. BollitoreBollitore: indispensabile. Portate un bollitore al lavoro e sarà tutta un’altra cosa! Non solo per un tè caldo o una tisana dopo pasto ma anche per un caffè americano, magari da condividere con i propri colleghi e scambiare due chiacchiere prima di ricominciare. Provare per credere: il bollitore è un aggregante formidabile e si possono avere risultati migliori di quelli della macchinetta del caffè. Quantomeno, per quanto riguarda tè e tisane, c’è molta più varietà.
  21. tazzaTazze: le bevande calde nei bicchierini di plastica sono tremende. La tazza è necessaria, anche semplicemente per bere un bicchiere d’acqua. È piacevole e spesso è un oggetto che può ricordare viaggi, amici, regali… emozioni che possono rendere più confortevole e caldo il proprio ufficio.
  22. detersivoDetersivo: non è l’attività più amata del mondo ma alla fine ci ringrazierete. Meglio infatti togliersi subito il pensiero e allora, finito di mangiare e di rilassarvi davanti alla vostra tazza di caffè o tè, lavate piatti, posate e lunch box. Farlo alla sera quando si torna a casa stanchi dopo una lunga giornata è più impegnativo. Questo a meno che il vostro ufficio non sia dotato di una lavastoviglie e allora è tutta un’altra cosa.
  23. cioccolato1Cioccolato: e concediamoci anche qualche soddisfazione dopo il pranzo! Nel cassetto della scrivania ci deve essere posto per una tavoletta della propria stecca di cioccolato preferito. Un quadratino (anche due o tre) prima di rimettersi all’opera e tutto tornerà a sorriderci.

Lascia il tuo commento

I commenti degli utenti